icon/back Indietro

Malattie infiammatorie intestinali

Gastroenterologia
Malattie infiammatorie intestinali

Quali sono le malattie croniche intestinali?

Le malattie infiammatorie intestinali consistono nell'infiammazione delle pareti, oltre il rivestimento interno (mucosa) dell'intestino. Si tratta di patologie molto diffuse e/o di lunga durata, dunque, croniche.

Per esempio, una grave infiammazione delle mucose può causare ulcere, emorragie e megacolon tossico (una condizione in cui il colon si allarga o si dilata, perdendo la sua capacità di contrazione).

L'infiammazione che si estende oltre il rivestimento interno e attraverso la parete intestinale è responsabile della stenosi (un restringimento che provoca cicatrici della parete intestinale) e fistole (passaggi tubolari provenienti dalla parete intestinale e dalla connessione con altri organi o con la pelle).

La stenosi, a sua volta, può portare alla proliferazione batterica del piccolo intestino, causando la SIBO (Small Intestinal Bacterial Overgrowth), malattia che comporta il malassorbimento di sostanze nutrienti.

L'infiammazione cronica può anche essere associata a un tumore del colon

Cure

Le malattie infiammatorie intestinali portano la maggior parte dei pazienti a richiedere farmaci per curarsi, vivendo una vita normale, senza alcuna ricaduta sulle proprie prestazioni.

Alcuni pazienti, ma certamente non tutti, potrebbero accusare complicazioni inerenti la malattia infiammatoria intestinale. Quando ciò accade, è bene essere in grado di riconoscere subito altre patologie associate, e trattarle.

Atri soggetti colpiti da questa patologia possono sviluppare anche complicanze al di fuori dell'intestino (extraintestinali), come ad esempio:
 

Cosa provoca una malattia infiammatoria intestinale? Le possibili complicazioni

Le malattie infiammatorie intestinali possono presentare complicazioni, come la colite ulcerosa e la malattia di Crohn.

Per esempio, ulcerazioni della mucosa intestinale causano dolori addominali e sanguinamento intestinale. In tutti i casi, sia la colite ulcerosa che il morbo di Crohn coinvolgono il colon.

Nella malattia di Crohn, l'infiammazione si estende, di solito, partendo dal rivestimento interno (mucosa) attraverso l'intero spessore della parete intestinale. Questo processo infiammatorio di diffusione può, quindi, causare fistole, ascessi o stenosi dell'intestino.

Il morbo di Crohn può colpire qualsiasi area del tratto gastrointestinale, dalla bocca all'ano, mentre la colite ulcerosa è limitata al colon.

Sanguinamento gastrointestinale e malattie infiammatorie intestinali

Nelle malattie infiammatorie intestinali, il sanguinamento dal tratto intestinale o gastrointestinale (GI) può complicare il corso della colite ulcerosa e della malattia di Crohn.

Il sanguinamento gastrointestinale è spesso definito come sanguinamento rettale, caratterizzato dalla presenza di sangue che esce dal retto, di solito con le feci. Se la fonte del sanguinamento è nel colon, il sangue è, generalmente, di un colore rosso.

I pazienti con colite ulcerosa, di solito, vivono a lungo il sanguinamento rettale, che può essere continuo o intermittente. A volte, però, il sanguinamento può essere più grave o acuto, con il passaggio di maggiori quantità di sangue o di coaguli di sangue di grandi dimensioni. L'emorragia più grave del retto è dovuta, molto probabilmente, a forme più gravi di infiammazione e a ulcerazioni estese del colon.

Nella malattia di Crohn, può anche verificarsi lieve o grave infiammazione intestinale, a causa della natura profonda delle ulcere in questa morbo. Tuttavia, il sanguinamento gastrointestinale tende ad essere acuto (improvviso e di breve durata) e sporadico. Inoltre, nella malattia di Crohn, il sito di sanguinamento può interessare qualsiasi parte del tratto gastrointestinale, tra cui i due punti. 

Malattie infiammatorie intestinali e cancro al colon

Rispetto alla popolazione generale, il rischio di cancro al colon è 20 volte superiore per i pazienti già colpiti da malattie infiammatorie intestinali.

L'associazione con il cancro del colon è più chiaramente stabilito nella colite ulcerosa che nella malattia di Crohn. Un aumento di rischio esiste anche per i pazienti con malattia di Crohn; tuttavia, nella colite ulcerosa, il rischio di contrarre questo tumore aumenta in base alla durata della colite. Così, dopo circa 8- 10 anni di colite ulcerosa, soprattutto il colon è coinvolto per intero, la probabilità di sviluppare il cancro al colon cresce in modo sostanziale.

Altri fattori di rischio per il cancro del colon nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale includono la colangite sclerosante primitiva (PSC), una malattia del fegato. Si tratta, però, di una patologia che prevede una storia familiare di tumore al colon, così come di trapianto di fegato.

Anche l'uso concomitante di farmaci immunosoppressori e carenza di acido folico costituiscono fattori di rischio.

Come si sviluppa il cancro del colon in caso di malattie infiammatorie intestinali?

Il cancro del colon nei pazienti con malattie infiammatorie intestinali ha uno sviluppo differente dall’insorgenza che ha in altre persone.

Nei soggetti senza malattia infiammatoria intestinale, di solito, un polipo benigno che si forma inizialmente nel colon può, eventualmente, diventare canceroso se quelle cellule diventano prima pre-cancerose.

Come prevenire il cancro del colon in malattie infiammatorie intestinali? Gli esami da fare

Come già accennato, i pazienti con malattie infiammatorie intestinali, in particolare colite ulcerosa, hanno un rischio maggiore di sviluppare cancro al colon.

A tal punto, può essere prevista una colectomia (asportazione del colon) prima che il cancro si sviluppi in questi pazienti.  In realtà, il concetto è quello di rimuovere le cellule precancerose (displasia) nel colon, prima che possano trasformarsi in cancro.

Di conseguenza, il controllo per prevenire la displasia e il cancro, viene raccomandato ogni anno in pazienti con colite ulcerosa. Il monitoraggio viene suggerito dopo che il paziente ha avuto colite ulcerosa per 8-10 anni. Molti medici consigliano un programma simile di monitoraggio per i pazienti con malattia di Crohn che hanno infiammazione del colon (colite), anche se l'associazione con il cancro del colon è stabilita meno chiaramente in questa patologia.
 
È bene ricordare che la colite ulcerosa interessa solo il colon, mentre la malattia di Crohn coinvolge il piccolo intestino, colon, o entrambi.

Tra gli esami da fare, la colonscopia è chiaramente il metodo migliore per monitorare il cancro del colon. 
Dr. Alberto Damiani Medico Chirurgo
Dr. Alberto Damiani
specialista in Endoscopiagastroenterologo

Contenuti correlati

Ernia
icon/card/salute
Un'ernia si verifica quando gli organi interni spingono verso l'esterno, su parete muscolare e tessuti, producendo il caratteristico rigo...
Nausea
icon/card/gastroenterology
La nausea indica una sensazione di malessere a livello dello stomaco, può essere acuta, di breve durata o prolungata. Spesso anticipa l'e...
Feci verdi
icon/card/gastroenterology
Cosa significa quando le feci sono verdi? È una situazione normale o deve destare preoccupazione? Scopriamo le cause che influenzano il c...