Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Edera Velenosa

Edera velenosa

Edera velenosa
Curatore scientifico
Dr. Giuseppe Pingitore
Specialità del contenuto
Allergologia

Che cosa provoca il rash da edera velenosa?

L’edera velenosa è una comune causa di dermatite da contatto, cioè una reazione allergica a qualcosa che viene a contatto diretto con la pelle. Questa condizione può essere molto spiacevole, ma di solito, non comporta rischi gravi per la salute. La prevenzione della condizione è la scelta migliore.

L’edera velenosa, la quercia ed il sommacco sono tra le piante che producono una resina chiamata urushiol che può causare un rash allergico. Queste piante appartengono al genere conosciuto come Toxicodendron. Queste piante si trovano in diverse distribuzioni geografiche tranne che per zone desertiche, altitudini più elevate (oltre i 4.000 metri). I segni ed i sintomi prodotti da ciascuna di queste piante non possono essere distinti l'uno dall'altro dal loro aspetto. Inoltre, la resina urushiol stessa si trova anche nel mango, negli anacardi, e negli alberi di ginkgo.

Nel caso del mango, sbucciare il frutto impedisce la dermatite. Le persone che premono il frutto intero, compresa la scorza, sulla loro pelle possono sviluppare una grave reazione intorno alla bocca. 

Quali sono i segni ed i sintomi della reazione all’edera velenosa?

Segni e sintomi sono legati sia alla sensibilità del singolo sia alla gravità di esposizione. Mentre oltre la metà delle persone che sono sensibili al veleno dell’edera, della quercia, e del sommacco reagisce sviluppando la caratteristica eruzione cutanea, circa il 10% -15% della popolazione è molto sensibile e può avere sintomi particolarmente gravi o sviluppare sintomi dopo una esposizione molto mite.

L'eruzione cutanea inizia di solito uno o due giorni dopo l'esposizione, anche se il ritardo tra il contatto e la sua insorgenza può essere più lungo, fino a diversi giorni. Questo può portare a confusione su dove l'esposizione abbia avuto luogo. I primi segni di rash sono linee curve di colore rosso e bolle pruriginose. Questi sintomi continuano ad apparire per molti giorni, anche fino a due o tre settimane a causa di una reazione lenta alla resina urushiol ed in base alla quantità di resina che toccò la pelle in un dato punto.

L’edera velenosa non è contagiosa, né da una persona a qualcun altro né da una parte del corpo ad un’altra. Molti riferimenti sottolineano che gli animali possono trasportare la resina velenosa. Non c'è dubbio che questo sia vero, ma il suo significato pratico può essere limitato

Come viene diagnosticata la dermatite da edera velenosa, quercia o sommacco?

La diagnosi è generalmente stabilita sull'osservazione del rash tipico in una zona che possa essere stato esposta alle piante, insieme con una storia di esposizione potenziale (come la sarchiatura un giardino o le passeggiate nei boschi). Nessun test speciale è necessario per la diagnosi. In alcuni casi, l’infiammazione della pelle dovuta ad altre cause (tra cui la dermatite allergica da contatto o irritazione chimica) può essere confusa con dermatite da edera velenosa, quercia, o sommacco in quanto l'eruzione cutanea può essere simile. 

Qual è il trattamento?

L'approccio migliore al veleno dell’edera, della quercia, e del sommacco è la prevenzione. Il lavaggio con acqua e sapone può aiutare a ridurre la gravità del rash, ma questo è spesso impraticabile perché deve essere fatto immediatamente dopo l'esposizione. (Dopo 10 minuti, solo il 50% della resina è rimovibile, e di 30 minuti solo il 10%.) Una volta che comincia, di solito l'eruzione si risolverò da sola dopo 14-21 giorni. Il trattamento è diretto a controllare il prurito. Antistaminici per via orale, come la difenidramina possono aiutare un po' il prurito, ma spesso non fanno altro che rendere le persone sonnolenti. Creme cortisoniche, da banco o da prescrizione, sono utili solo se applicate subito, prima che le vesciche appaiano, o molto più tardi, quando le bolle si sono prosciugate. Anestetici locali come lozioni alla calamina hanno anche dimostrato di portare sollievo ad alcune persone. Bagni di farina d'avena e impacchi freddi sono stati raccomandati per contribuire ad alleviare i sintomi. Quando l'eruzione è grave, come quando colpisce il volto o causi vesciche estese, steroidi per via orale (ad esempio, prednisone) possono contribuire a produrre un rapido miglioramento. Questo corso della terapia deve essere mantenuto, spesso in dosi decrescenti, per 10-14 giorni o anche di più, in alcuni casi, per evitare il rimbalzo del rash che diventi grave di nuovo. 

Come si può prevenire il contatto con queste erbe?

L’edera velenosa, la quercia ed il sommacco sono spesso nascosti tra altra vegetazione. Anche se si conosce esattamente il loro aspetto, è molto difficile evitare di venire in contatto con loro. Anche se indossare pantaloni lunghi e maniche lunghe nella stagione calda può mettere a disagio, è importante fare in modo di essere ben protetti quando si è a rischio di venire in contatto con le piante che non si possono vedere. Quando si tirano le erbacce, coloro che possono essere allergici devono assicurarsi di infilare le maniche nei guanti in ogni momento, dal momento che le maniche tendono a salire lungo gli avambracci lasciando i polsi e gli avambracci esposti. I guanti in vinile non assorbono la resina velenosa e sono, quindi, più efficaci per la prevenzione rispetto ai guanti in tessuto o pelle. Se pensate di essere stati esposti ad edera velenosa, è bene lavare la pelle con acqua fresca il più presto possibile. Dopo mezz'ora, però, questo gesto non sarà in grado di impedire la reazione. 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Allergia al pelo degli animali
L'allergia al pelo degli animali consiste nell'avere una reazione allergica in presenza di animali con pelo; tale allergia diviene partic...
Intolleranza al glutine
L'intolleranza al glutine, da non confondere con la celiachia, è una malattia che comporta la non tollerabilità a tale sostanza, ma è una...
Intolleranza al lievito
L’intolleranza al levito dipende da un’alterazione della flora batterica intestinale, che comporta un rallentamento della digestione e un...