Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Sindrome Dell Arto Fantasma

Sindrome dell'arto fantasma

Sindrome dell'arto fantasma
Curatore scientifico
Dr. Alfredo Bitonti
Specialità del contenuto
Ortopedia e traumatologia

Cos'è la sindrome dell'arto fantasma?

La sindrome dell'arto fantasma è la sensazione di persistenza di un arto che è stato amputato o asportato. Circa il 5-10% dei soggetti, che hanno subito un'amputazione, soffrono di sindrome dell'arto fantasma, provando una sensazione di forte dolore, che può peggiorare a causa di stress, ansia e cambiamenti climatici. Il dolore è intermittente e la frequenza con la quale insorge diminuisce col passare del tempo.

La sindrome dell'arto fantasma differisce leggermente dal dolore fantasma che insorge nelle persone nate senza un arto e in quelle paralizzate. I dolori fantasma insorgono quando i nervi, che normalmente sono presenti nell'arto mancante, causano dolore. Le sensazioni che si provano variano in base ai soggetti. In pochi casi si prova forte dolore, mentre generalmente si avverte:

  • caldo
  • freddo
  • prurito
  • compressione
  • rigidità
  • formicolio 

Quali conseguenze ha l'arto fantasma?

La sindrome dell'arto fantasma non solo non ha effetti dolorosi per tutti i soggetti, ma alcuni pazienti "avvertono" l'arto come se fosse ancora presente. In effetti, alcuni sentono l'arto che gesticola mentre parlano, mentre per altri non risponde ai comandi, vivendo di vita propria. 

Quali sono le cause della sindrome dell'arto fantasma?

Fino a poco tempo fa, la teoria dominante della causa dell'arto fantasma era l'irritazione di alcune terminazioni nervose, detti neuromi, che infiammandosi, inviano segnali anomali al cervello. Questi segnali vengono percepiti dal cervello come senza senso e interpretati con una sensazione di dolore.

In genere, le cure e i trattamenti basati su questa teoria erano fallimentari. In casi estremi, i soggetti subivano una seconda operazione, che mirava a ridurre ulteriormente il moncherino. Questa tecnica aveva effetti benefici solo inizialmente, perché in un secondo tempo il soggetto avvertiva sia l'arto fantasma originario, che il moncherino ormai amputato.

Nei primi anni Novanta, Tim Pons, del National Institutes of Health, dimostrò che il cervello poteva riorganizzare in seguito all'eliminazione della sensazione dell'arto mancante. In base a questi risultati, Ramachandran realizzò che la sensazione dell'arto fantasma potesse essere dovuta alla stimolazione corticale dell'arto perso. Le informazioni input che partono dalle estremità, arrivano alla corteccia somatosensitiva in modo ordinato.

Attraverso la magnetoencefalografia, che permette la visualizzazione dell'attività cerebrale dell'uomo, fu scoperto che l'input della mano è localizzato vicino a quello del braccio, quello del piede vicino a quello della mano e così via, verificando la riorganizzazione della corteccia somatosensitiva. 

Come si cura la sindrome dell'arto fantasma?

Alcuni trattamenti prevedono l'assunzione di farmaci antidepressivi, mentre altri la stimolazione del midollo spinale per curare il dolore. Tuttavia, sono impiegati anche altri metodi, non sempre efficaci, come:

  • terapia
  • agopuntura
  • ipnosi
  • training autogeno

Il dolore a volte può essere alleviato focalizzando l'attenzione su altro o massaggiando il moncherino. Tuttavia, il dolore può essere ridotto sensibilmente con la gestione preoperatoria del dolore.

Un nuovo trattamento per la sindrome dell'arto fantasma consiste nell'utilizzo della "mirror box", un metodo portato avanti dal Ramachandran e dal suo team. Attraverso l'impiego del feedback visivo dell'arto, i pazienti possono "muovere" l'arto mancante e spostarlo in una posizione più comoda. Questo metodo ha portato effetti benefici a lungo termine su molti pazienti.

Basandosi su questa idea, è stata impiegata la realtà virtuale per contrastare il dolore della sindrome dell'arto fantasma.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Olistesi
L'olistesi è una malattia che riguarda principalmente le vertebre lombari della colonna vertebrale.
Sindrome compartimentale
La sindrome compartimentale è una dolorosa condizione che avviene quando la pressione intramuscolare raggiunge livelli pericolosi.
Mal di schiena
Il mal di schiena è una condizione comune che colpisce molte persone.