Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Virus Respiratorio Sinciziale

Virus respiratorio sinciziale

Curatore scientifico
Dr. Cosimo Moccia
Specialità del contenuto
Pneumologia

Che cos’è il virus respiratorio sinciziale?

Il virus respiratorio sinciziale (RSV) è un virus che causa infezioni dei polmoni e delle vie respiratorie. Risulta così comune che la maggior parte dei bambini vengono infettati con il virus entro i 2 anni di età. Il virus respiratorio sinciziale può infettare anche gli adulti.

Negli adulti, anziani e bambini sani, i sintomi del virus respiratorio sinciziale sono lievi e di solito imitano il comune raffreddore

Quali sono i sintomi?

I sintomi di infezione da virus respiratorio sinciziale appaiono in genere circa da quattro a sei giorni dopo l'esposizione al virus. Negli adulti e nei bambini più grandi di solito provoca lievi sintomi come quelli del raffreddore, tra cui:

  • Naso che cola o congestionato
  • Tosse secca
  • Febbre bassa
  • Gola infiammata
  • Lieve mal di testa

Nei casi più gravi il virus respiratorio sinciziale può portare a una malattia delle vie respiratorie inferiori come la polmonite o bronchite. I sintomi n questo caso possono includere:

  • Febbre
  • Tosse grave
  • Rumore acuto in fase di espirazione 
  • Difficoltà di respirazione, che manifestarsi con il bambino preferisce sedersi invece di sd

Quanto tempo è necessario per la guarigione?

La maggior parte dei bambini e degli adulti si riprendono dalla malattia in una o due settimane. Ma i bambini neonati, i bambini nati prematuramente o gli adulti che hanno malattie cardiache o problemi polmonari cronici, il virus può causare un’infezione più grave che richiede il ricovero in ospedale.

Come avviene il contagio del virus respiratorio sinciziale?

Il virus respiratorio sinciziale entra nel corpo attraverso gli occhi, il naso o la bocca. Si diffonde facilmente quando le secrezioni respiratorie, come un colpo di tosse o gli starnuti, vengono inalati o passati ad altri attraverso il contatto diretto, ad esempio stringendosi la mano. Il virus può  vivere anche per ore su oggetti come le pareti e giocattoli. 

Una persona infetta è più contagiosa nei primi giorni dell l'infezione, ma il virus respiratorio sinciziale può diffondersi fino a un paio di settimane dopo l'inizio dell'infezione.

Quali sono i fattori di rischio per chi è colpito dal virus?

Le persone a maggior rischio di grave infezione sono:

  • I bambini di età inferiore ai 6 mesi di età
  • I bambini più piccoli, in particolare fino a 1 anno di età, che sono nati prematuramente o che hanno una malattia grave, come ad esempio cardiopatia congenita o malattie polmonari
  • I bambini con sistema immunitario indebolito, ad esempio quelli sottoposti a chemioterapia o trapianto
  • I bambini in contesti di assistenza all'infanzia affollati
  • Adulti più vecchi
  • Gli adulti con asma, insufficienza cardiaca o malattia polmonare ostruttiva cronica
  • Le persone affette da immunodeficienza, compresi quelli con organi trapiantati

 

Quali possono essere le possibili complicazioni?

Le complicazioni dovute al virus respiratorio sinciziale possono essere:

  • Polmonite o bronchite: quando il virus respiratorio sinciziale si sposta dal tratto respiratorio superiore al tratto respiratorio inferiore, può provpcare l’infiammazione dei polmoni (polmonite) o delle vie aeree dei polmoni (bronchite). 
  • Infezione dell'orecchio medio: quando il virus si infiltra nello spazio dietro il timpano, un’ infezione dell'orecchio medio (otite media). Questo accade più di frequente nei neonati e nei bambini piccoli.
  • Asma: ci può essere un legame tra un episodio grave di virus respiratorio sinciziale e la probabilità di sviluppare l’asma più tardi nella vita.
  • Infezioni ricorrenti: una volta che si viene infettati con il virus, è comune avere una ricorrenza occasionale di RSV, di solito sotto forma di un comune raffreddore. 

Quali sono i trattamenti da utilizzare?

Il medico può raccomandare un farmaco come il paracetamolo  per ridurre la febbre. in alcuni casi può anche prescrivere un antibiotico, ad esempio se c'è una complicazione batterica, come la polmonite batterica.

In caso contrario, è sufficiente somministrare molti liquidi e controllare che non siano presenti segni di disidratazione, come secchezza delle fauci, poca o nessuna produzione di urina, occhi infossati e sonnolenza.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Bronchite asmatica
La bronchite asmatica è una malattia, per così dire, non più esistente, dal momento che oggi si parla di bronchite acuta, cronica o asma ...
Micoplasma
I micoplasmi sono le più piccole forme batteriche in grado di vita autonoma. Sono batteri ubiquitari che vivono sia come saprofiti sia co...
Pneumococco
Lo Streptococcus pneumoniae (pneumococco) è un batterio Gram-positivo responsabile della maggior parte delle polmoniti acquisite in comun...