Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Alloritmia

Alloritmia

Alloritmia
Curatore scientifico
Dr. Antonio Magioncalda
Specialità del contenuto
Cardiologia

Quando il ritmo cardiaco si definisce regolare?

L’alloritmia è un disturbo del ritmo cardiaco, apprezzabile alla palpazione del polso, caratterizzata dalla presenza di extrasistoli, cioè di contrazioni anticipate, che si manifestano a intervalli regolari di tempo, intercalandosi alle normali pulsazioni cardiache.

L’extrasistole può aversi regolarmente dopo ogni battito normale (polso bigemino) o dopo due battiti normali (polso trigemino) oppure dopo più battiti (quadrigemino, ecc, sino al poligeminismo). 

Ogni aritmia extrasistolica, e quindi anche l’alloritmia, determina sintomatologia soggettiva molto caratteristica, che richiama vivamente l’attenzione del paziente; tuttavia, bisogna tener presente che, a volte, essa manca del tutto e il suo riconoscimento avviene solamente nel corso di un controllo casuale. 

Quando la frequenza si definisce normale?

In un adulto sano a riposo la variazione della frequenza normale deve essere compresa fra i 60 e il 100 battiti al minuto. 

Cos'è la conduzione normale?

La conduzione si definisce normale quando dall'elettrocardiogramma si rivelano i seguenti fattori:

  • l'onda P è inferiore ai 120 msec,
  • l'intervallo PR non è superiore ai 200 msec,
  • il complesso QRS è di durata inferiore ai 100 msec.

Chi è soggetto all'alloritmia?

I soggetti più a rischio sono i pazienti cardiopatici. Tuttavia, può insorgere anche in soggetti apparentemente sani. 

Cos'è il bigeminismo?

Il bigeminismo è un caso particolare di alloritmia. In tale condizione a ogni battito segue regolarmente un'extrasistole. 

Come si diagnostica l'alloritmia?

L'alloritmia, come anche l'aritmia, può essere diagnosticata tramite diversi strumenti, quali:

  • elettrocardiogramma
  • fonocardiogramma
  • ecocardiogramma
  • monitoraggio elettrocardiografico continuo secondo Holter

Quali sono i sintomi?

La sintomatologia si riduce in genere alla sensazione di palpitazione rapida ed improvvisa, che viene descritta dal paziente come un tuffo al cuore o un frullio di ali percepito all’altezza del petto; può anche essere accompagnata da leggera sensazione vertiginosa e da una fitta precondriale. 

Generalmente, l’intensità delle sensazioni avvertite dal paziente è in rapporto diretto con la frequenza delle extrasistoli e, naturalmente, con la sensibilità e l’emotività individuali.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Pressione bassa
La pressione bassa, anche detta ipotensione, è una condizione in cui i valori di riferimento della pressione arteriosa risultano più bass...
Labbra viola (o blu)
A volte potrebbe capitare che, in presenza di determinate circostanze, il colore del corpo, e soprattutto delle labbra, cambi e assuma to...
Formicolio al braccio
Il formicolio al braccio è un sintomo che può indicare numerose patologie; a seconda che il formicolio colpisca il braccio destro o il br...