Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Formicolio Al Braccio

Formicolio al braccio

Formicolio al braccio
Curatore scientifico
Dr. Leon Bertrand
Specialità del contenuto
Cardiologia

Formicolio al braccio sinistro

Quando ci si imbatte nel formicolio al braccio e alla mano sinistra si può avvertire una sensazione di dolore, pesantezza o di ispessimento e rigidità dello stesso. Questo sintomo si può avvertire in casi legati a problemi cardiaci ma anche, più spesso, come contraccolpo di eventuali traumi legati a particolari sforzi o movimenti errati.

Eventuali dolori strani e ignoti legati al braccio sinistro e che si propagano fino alla mano non vanno mai sottovalutati ed è necessario affrontarli con la massima serietà.

Cause del formicolio al braccio sinistro

Spesso ci si può far prendere dal panico ma, in realtà, il formicolio al braccio sinistro e alla mano sinistra può avere anche delle correlazioni non negative. Si tratta di fastidi che, infatti, possono derivare da diverse cause quali, per esempio, problemi legati alla cervicale o all’artrite alla spalla.

Nel primo caso, un sintomo necessario è la presenza di forti mal di testa mentre, in altre circostanze, la questione di tale formicolio potrebbe essere dovuta anche ai nervi: per verificare queste o altre situazioni è utile cercare di categorizzare la forza di questo dolore e controllare la pressione sanguigna.

Formicolio al braccio sinistro: quando preoccuparsi

Un eventuale dolore nello stesso momento, al cuore, necessita la dovuta preoccupazione. Occorre cercare al più presto di recarsi al pronto soccorso per verificare quanto sta avvenendo se a questi dolori si affiancano eventuali sintomi quali:

 In caso avvengano invece si verifichino dopo un'attività fisica intensa, come per esempio quella di tipo sportivo, è probabile che possa essere legata a indolenzimenti muscolari.

L’aritmia cardiaca presenta inoltre ulteriori sintomi chiari quali affanno e fiato corto, altri campanelli d’allarme da non sottovalutare: infatti, in questi casi vanno immediatamente chiamati i soccorsi, soprattutto se i dolori coinvolgono anche altre parti del corpo con dolori o rigidità che si propagano in più parti.

Va inoltre considerata la durata del dolore: se questo è attivo solo per qualche secondo è difficile che siano problemi legati al cuore. Tuttavia, è bene tenere conto di quanto il dolore è stato forte e quanto è durato per tenerlo presente e parlarne con l’equipe medica che sarà incaricata di seguire il paziente.

Formicolio al braccio destro

Il formicolio al braccio destro è diverso da quello al braccio sinistro e alla mano sinistra, in quanto è più forte la sensazione di perdita della sensibilità dello stesso e, spesso, di torpore dell’arto.

Può essere dovuto anche alla reiterazione di alcune attività nocive per gli arti e che possono arrivare a provocare degli shock agli stessi: in questi casi i dolori possono portare ulteriori conseguenze. 

Cause di formicolio al braccio destro

Solitamente il formicolio al braccio destro segue dei traumi o degli shock legati a problemi posturali o a motivazioni più gravi, quali per esempio artrosi agli arti o alla colonna vertebrale, disturbi ai muscoli e tendinopatie.

Tra tutte le possibili motivazioni troviamo inoltre anche disturbi quali:

Le cause più preoccupati sono ovviamente quelle legate al cuore e agli infarti ma non sempre le origini sono così gravi.

Ulteriori cause possono essere legate alla presenza di diabete, a traumi fisici di tipo artritico (reumatoide, cervicale, arteriosclerosi) o di tendiniti, a sindromi quali quella del tunnel carpale o dello stretto toracico, a situazioni più personali quali alcolismo o ansia. Altre possibili cause sono inoltre:

Formicolio al braccio destro: quando allarmarsi

A volte, ci si trova invece in presenza di un formicolio al braccio e alla mano destra: molto spesso, in questi casi, si è in presenza della sindrome del tunnel carpale, una condizione dolorosa caratterizzata da parestesia e impotenza nei movimenti.

Occorre allarmarsi concretamente in alcuni casi in cui questo formicolio può essere legato a patologie invasive legate alla tiroide o possono essere invece dei sintomi di problemi più ampi e complessi quali infezioni e anche tumori, come il cancro al seno

Come curare il formicolio al braccio sinistro

Ci sono diversi rimedi casalinghi per il formicolio nel braccio sinistro, che si possono provare a seconda della causa scatenante. Tra questi, ricordiamo l'esecuzione di alcuni esercizi, l'assunzione di integratori vitaminici e consultare il medico a proposito di eventuali farmaci che potrebbero causare formicolio al braccio. Inoltre, è utile anche tenere monitorati i livelli di zucchero nel sangue in caso di diabete.

Infine, rimedi più specifici su come far passare il formicolio al braccio sinistro includono:

  • Agopressura – L'agopressura è un tipo di trattamento simile all'agopuntura, che anziché servirsi usare degli aghi richiede la pressione della mano in determinati punti. La circolazione può dunque essere potenziata attivando punti chiave lungo il braccio della mano sinistra. 
  • Stretching – Lo stretching promuove il flusso di ossigeno nel sangue; praticare stretching su braccio, mano e spalla con esercizi mirati aiuta ad aumentare la circolazione e a immettere sangue ricco di ossigeno nella circolazione. 
  • Esercizi di rotazione – Questo è un altro tipo di esercizio che aumenta il flusso di sangue in tutto il braccio. Stendere di lato il braccio interessato e muoverlo circolarmente, sia in avanti che indietro: questo dovrebbe permettere il pompaggio del sangue e alleviare formicolio.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Pressione alta
Con la pressione arteriosa, si misura la forza con cui il sangue scorre nel corpo. La pressione alta è una delle principali cause di mala...
Pressione bassa
La pressione bassa, anche detta ipotensione, è una condizione in cui i valori di riferimento della pressione arteriosa risultano più bass...
Labbra viola (o blu)
Le labbra viola costituiscono un’alterazione del loro colore normale, dovuta alla presenza eccessiva di emoglobina non legata all’ossigeno.