Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Diplopia

Diplopia

Diplopia
Curatore scientifico
Dr. Miguel Rechichi
Specialità del contenuto
Oculistica

Che cos'è la diplopia?

La diplopia è un disturbo visivo in cui si ha la visione di 2 immagini anziché una e viene spesso definita come doppia visione, vedere doppio.

Il termine deriva da 2 parole greche: diplous, doppio e ops, occhio. È spesso la prima manifestazione di molti disturbi sistemici da stress, soprattutto dei processi muscolari o neurologici, come la sclerosi multipla. Una descrizione accurata e chiara dei sintomi (ad es., costante o intermittente, variabile o immutabile, da vicino o in lontananza, con un occhio [monoculare] o con entrambi gli occhi [binoculare], orizzontale, verticale o obliqua, transitoria) è utile per la diagnosi e la gestione appropriata della patologia.

La diplopia binoculare si verifica solo quando entrambi gli occhi sono aperti e possono essere corretti coprendo un occhio con una benda. La diplopia monoculare persiste in un occhio, nonostante l’altro sia coperto e di solito può essere corretta usando una lente prismatica.

La diplopia fisiologica è un fenomeno normale a seconda dell'allineamento degli assi oculari rispetto agli oggetti.

Quali sono le cause della visione doppia?

La poliopia si riferisce alla percezione di più di 2 immagini ed è spesso un fenomeno monoculare causato da aberrazioni di rifrazione che provocano immagini multiple di un oggetto. In questi casi, l'immagine dominante dell'oggetto di riguardo è accompagnata da immagini secondarie che potrebbero essere meno intense, improvvise, distorte o fugaci.

Le cause della poliopia includono l'astigmatismo corneale irregolare, le opacità lenticolari, le lenti multifocali e gli anelli corneali di focalizzazione significativamente diversa. Tuttavia, si può verificare anche la poliopia cerebrale, contemporanea e simmetrica.

La diplopia verticale indica l'allineamento verticale delle immagini, che di solito suggerisce la patologia nei muscoli verticali, tra cui il rectus superiore obliquo, inferiore obliquo, superiore e rectus inferiori. La diplopia orizzontale suggerisce la patologia del retto mediale o laterale.

A meno che i campi visivi degli occhi non si sovrappongano, la diplopia binoculare non può verificarsi. Tra i vertebrati, il potenziale di diplopia (e per la percezione di profondità stereoscopica) dipende da dove gli occhi sono situati nella testa. Gli occhi posizionati su entrambi i lati della testa forniscono un ampio campo visivo, ma meno sovrapposto. Questi animali hanno meno spazio per la visione binoculare e meno rischio di diplopia quando un occhio diventa disallineato. Tuttavia, quando entrambi gli occhi si trovano nella parte anteriore della testa, esiste una sovrapposizione di campo visivo più grande e, quindi, una migliore percezione binoculare di profondità, come si vede spesso nei predatori. Il disallineamento di tali occhi può provocare la diplopia.

La diplopia binoculare è una rottura nella capacità fusionale del sistema binoculare. Il normale coordinamento neuromuscolare non è in grado di mantenere la corrispondenza degli oggetti visivi sulle fauci dei due occhi.

La distorsione di un'immagine può essere interpretata come diplopia da parte del paziente; tuttavia, lo stesso oggetto non sembra essere in due posti, ma appare diversamente in ogni occhio.

Il disturbo monoculare può derivare da una trasmissione luminosa anormale alla retina (ad esempio, distorsione corneale o cicatrici, aperture multiple nell'iride, cataratta o sublussazione della lente naturale o dell'impianto lente pseudofachica, anomalie vitree, condizioni retiniche). La diplopia monoculare deve essere distinta dalla metamorfopsia, in cui gli oggetti sembrano deformati.

Il disturbo visivo si incontra quasi esclusivamente negli adulti o in quelli con sistemi visivi maturi a causa della loro incapacità di ignorare la seconda immagine.

I bambini piccoli non possono essere in grado di esprimere questo sintomo. Ancora più importante, il sistema visivo immaturo reagisce alla condizione, sopprimendo l'immagine più povera, probabilmente con conseguente ambliopia irreversibile. I bambini con evidente e marcato disagio oculare dello strabismo sono tranquilli, perché l'immagine visiva dell'occhio deviante è soppressa e non notata.

Esiste una cura?

In questi casi, le cure possono essere immediate, anche se a volte il disturbo tende a regredire da solo. Una volta accertata l'eziologia della diplopia, è possibile capire come trattarla al meglio. 

In alcuni casi, si consiglia al paziente l'utilizzo di lenti prismatiche a facce non paralelle, che compensano le deviazioni oculari. 

Un’altra opzione di trattamento è l'iniezione della tossina botulinica. Si tratta di una soluzione abbastanza semplice e con poche complicanze, sarà poi lo specialista a valutarne la fattibilità. 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Cispa
Le cispe si formano agli angoli esterni dell’occhio o lungo la linea delle ciglia, durante il sonno. Possono essere secche, con una consi...
Emorragia sottocongiuntivale
Un'emorragia sottocongiuntivale è un sintomo che riguarda l'occhio e che può avere più di una causa. Si tratta di un sintomo che non va t...
Edema maculare diabetico
L'edema maculare diabetico è una delle complicanze del diabete.