Come prendersi cura dei capelli grassi. La tecnica tricologa risponde

Arianna Bordi | Editor

Ultimo aggiornamento – 12 Aprile, 2024

Ragazza di spalle si lava i capelli sotto la doccia

I capelli grassi sono difficili da trattare, sia nella scelta dei prodotti corretti, sia perché le informazioni a disposizione spesso possono risultare confusionarie

Si è diffusa la credenza che i capelli grassi vadano lavati meno spesso, per evitare che si venga a creare un'eccessiva produzione di sebo. 

Inoltre, articoli online e diversi creator consigliano routine specifiche per programmare il lavaggio dei capelli insinuando che si possa "abituare il capello" a non sporcarsi

Abbiamo chiesto un approfondimento in merito a Beatrice Marini, chimica specializzata in cosmetologia, nonché tecnica tricologa e beauty expert, conosciuta su Instagram come @bea_lacosmetologa.

Quali sono le cause principali dei capelli grassi e quali fattori esterni o interni possono contribuire al problema?

Le cause principali dei capelli grassi sono molteplici, ma principalmente conta la genetica

Infatti, la produzione di sebo è determinata geneticamente e regolata a livello ormonale ed è questo, quindi, il fattore principale per il quale ognuno di noi ha un cuoio capelluto con una produzione di sebo specifica.

In secondo luogo, importanti sono i fattori esterni, ovvero lo stile di vita, con quanta frequenza si pratica attività sportiva, i luoghi in cui si vive, quanto spesso si utilizzano i mezzi di trasporto pubblico.

Un altro aspetto a cui prestare attenzione che è altrettanto importante è l'abitudine di lavaggio

Ci sono, infatti, alcune azioni controproducenti che potrebbero peggiorare la condizione della chioma e portare a diverse problematiche: 

  • lavare troppo poco i capelli;
  • usare prodotti aggressivi o sbagliati;
  • l’eccessiva stratificazione dei prodotti che potrebbe portare a incorrere in diverse problematiche.

Quali sono gli elementi indispensabili da utilizzare per prendersi cura dei capelli grassi?

Tra gli step essenziali per prendersi cura dei capelli grassi c'è sicuramente la scelta di uno shampoo specifico per lavaggi frequenti, utile soprattutto se si fanno più di quattro lavaggi a settimana.

Possono essere utili anche prodotti più "lavanti", se con quelli delicati non si sente il cuoio capelluto pulito, ma potrebbero risultare aggressivi.

Può essere utilissimo anche uno scrub prima del lavaggio, non ogni volta che si lavano i capelli, per rimuovere eventuali impurità e sebo in eccesso.

Vi sono, inoltre, ingredienti di nuova introduzione sul mercato, come l’acido salicilico che è un sebo regolatore, utili a trattare un cuoio capelluto grasso.

Esistono diverse scuole di pensiero sulla frequenza dei lavaggi dei capelli grassi. Qual è il consiglio che daresti?

Ricordiamoci di sfatare un falso mito: lavare i capelli di frequente non fa male!

I capelli non vanno mai lasciati sporchi perché questa scelta potrebbe portare alla formazione di tappi sebacei, quindi infiammazioni e prurito al cuoio capelluto.

I capelli vanno lavati semplicemente quando sono sporchi, quando risulta necessario.

Se si ha uno stile di vita tale da doverli lavare anche tutti i giorni (pensiamo, ad esempio, a chi va in piscina o fa lavori particolarmente pesanti e/o a contatto con ambienti sporchi), bisogna avere l'accortezza di utilizzare prodotti adatti e di limitare soprattutto quello che è il danno maggiore quando si lavano i capelli di frequente, ovvero il calore eccessivo dato dall'utilizzo di phon e piastre.

In questo caso risulta, dunque, fondamentale aggiungere lo step del termoprotettore.

Ci sono modifiche nel regime alimentare o nello stile di vita che potrebbero aiutare a ridurre la produzione di sebo e a migliorare l'eccessiva untuosità dei capelli?

In realtà no, non ci sono modifiche che possono portare a diminuire la produzione di sebo, ma alcuni cambiamenti nelle abitudini che possono portare a mantenere i capelli puliti più a lungo, con una attenzione particolare che va valutata per coloro che hanno i capelli grassi per genetica.

Consiglio di adottare le seguenti abitudini:

  • utilizzare il turbante, in microfibra, solo per pochi minuti sui capelli bagnati che sono stati appena lavati, avendo l’attenzione di lavarlo spesso;
  • pulire con costanza gli accessori per la chioma come spazzole, mollettoni, copricapi e tutti gli strumenti per l’asciugatura e la piega come piastra e phon;
  • utilizzare spazzole specifiche per il cuoio capelluto e soprattutto non utilizzare il balsamo direttamente sulla cute ma solo sulle lunghezze.
Arianna Bordi | Editor
Scritto da Arianna Bordi | Editor

Dopo la laurea in Letteratura e Lingue straniere, durante il mio percorso di laurea magistrale mi sono specializzata in Editoria e Comunicazione visiva e digitale. Ho frequentato corsi relativi al giornalismo, alla traduzione, alla scrittura per il web, al copywriting e all'editing di testi.

Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Arianna Bordi | Editor
Arianna Bordi | Editor
in Capelli

118 articoli pubblicati

Contenuti correlati
Ragazza applica olio per capelli mentre fa haircare routine
Olio di jojoba per i capelli: come e perché usarlo

L'olio di jojoba per i capelli è un formidabile alleato per la bellezza della chioma. Come utilizzarlo e perché? Scopriamo tutti i benefici di questa sostanza.

Ragazza si tocca i capelli in spiaggia
Capelli danneggiati in estate? Ecco tutti i consigli della tecnica tricologa Beatrice Marini

Scopri come proteggere i tuoi capelli dai danni di sole, salsedine, cloro e sudore durante l'estate. Una guida con alcuni consigli pratici a cura della cosmetologa e tecnica tricologa Beatrice Marini.