Shatush sui capelli: cos'è e come si realizza

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 26 Febbraio, 2024

Una donna si fa fare lo shatush dal parrucchiere

In cosa consiste la tecnica dello shatush sui capelli?

Scopriamo cos'è questo trattamento e quale risultato si può ottenere schiarendo la parte inferiore della chioma.

Che cos'è lo shatush?

Shatush è il nome di una moderna tecnica di schiaritura dei capelli che prevede un effetto leggermente più chiaro nella parte finale della chioma, mantenendo però inalterate le radici.

L'obbiettivo di questo trattamento, infatti, è quello di fare in modo che i capelli appaiano quasi schiariti dal sole e gli hair stylist lavorano per ottenere un effetto molto naturale.

Questa tecnica, già sfruttata dai colorist attivi nella Hollywood degli anni '60, ha cominciato ad imporsi intorno all'inizio degli 2000 ed è rapidamente diventata il trattamento d'eccellenza per tutte le donne che desiderano avere le punte dei capelli più luminose, pur mantenendo un effetto sun-kissed.

In Italia fu il celebre hair stylist Aldo Coppola ad utilizzare per primo lo shatush, il quale andò gradualmente a sostituire la tradizionale modalità di schiaritura a base di colpi di sole tipica degli anni '90, in favore di un risultato molto più sfumato, libero e naturale.


Potrebbe interessarti anche:


Sebbene molti pensino che lo shatush ai capelli possa essere scelto solo da chi presenta già una chioma chiara di natura (ovvero da chi ha un colore compreso tra il castano e il biondo cenere), in realtà questa tecnica si può applicare con successo anche sui capelli scuri, infatti sono moltissime le star che l'hanno eseguito su una capigliatura nera o castano scuro.

Negli ultimi anni ha addirittura preso piede la tendenza di eseguire questo trattamento utilizzando colori che non passano inosservati, come ad esempio il viola, il blu elettrico o il fucsia.

Perché lo shatush è così apprezzato

In genere lo shatush per capelli più richiesto è quello realizzato su una base castana e che prevede delle schiariture bionde (in modo da suggerire l'effetto "baciata dal sole", tuttavia tale tecnica si può utilizzare con ottimi risultati anche su chi ha una base calda, come ad esempio il castano ramato, e vuole dare carattere e un tocco di modernità alla chioma.

Oltre alla bellezza del risultato finale, un altro vantaggio della tecnica shatush sui capelli è dato dalla facilità con la quale esso si mantiene: invece di dover ritoccare la ricrescita in continuazione, chi opta per questo trattamento beneficerà di un tempo di ricrescita del capello molto più lungo, e potrà così ritardare gli appuntamenti dal parrucchiere.

Basterà infatti ritoccare il colore con un buon shampoo tonalizzante e la ricrescita non si noterà per almeno tre mesi.

Ciò è dato dal fatto che l'hair stylist mantiene il colore naturale sulle radici e a schiarire solo le lunghezze, senza però creare alcuno stacco netto. Man mano la schiaritura scende verso il basso e va a creare un effetto luminosa molto naturale e apprezzato. 

Come fare lo shatush sui capelli

Se si opta per un trattamento come lo shatush sui capelli, è fondamentale affidarsi a un buon hair stylist, in quanto sono solo l'abilità e la competenza di un professionista adeguatamente formato che sapranno garantire un bellissimo effetto di schiaritura sulla propria chioma.

La tecnica in sé prevede che la chioma venga divisa in quattro sezioni, ognuna delle quali viene sottoposta ad un processo di cotonatura. I capelli sottili vengono cotonati con un pettine a denti stretti mentre per quelli più grossi si utilizza una spazzola.

La chioma va cotonata molto bene, in quanto è proprio questo passaggio che consente di ottenere un bell'effetto sfumato che parte a circa 8-10 cm dalle radici e poi si dirama verso il basso.

In seguito si procede a schiarire la chioma aiutandosi con un pennello e si applica la crema decolorante a un'altezza di circa 5-6 cm dalle radici.

Una donna si fa fare lo shatush dal parrucchiere

Per quanto riguarda l'intensità della schiaritura, essa varia in base ai singoli desideri e al colore di partenza della capigliatura, anche se in genere si consiglia di schiarire di circa uno o due toni, lasciando in posa la tinta per circa 15- 30 minuti.

Trascorso questo tempo si otterrà un effetto molto delicato, naturale e luminosa, come se veramente il sole avesse agito solo sulle lunghezze.

In genere una tecnica di colorazione per capelli come lo shatush viene effettuata presso i saloni dei parrucchieri, tuttavia è anche possibile realizzarla in casa.

In commercio esistono, infatti, delle apposite preparazioni che consentono di schiarire la chioma, a patto di poter disporre di una buona manualità per cotonare le lunghezze.

Qual è la differenza tra shatush e balayage?

Sia lo shatush che il balayage sono due tecniche di schiaritura che mirano a rendere la chioma più luminosa evitando gli stacchi di colore molto netti.

Entrambe condividono il medesimo principio, ovvero cercano di aggiungere luce al viso e solo in alcuni punti delle lunghezze, al contrario delle classiche tinte che prevedono un effetto all over su tutta la chioma.

Inizialmente veniva utilizzato solo shatush, poi con il passare degli anni si è ampiamente diffuso anche il balayage che, sebbene possa sembrare simile, in realtà differisce per la modalità di esecuzione.

I capelli effetto shatush vengono cotonati (a differenza di quanto accade nel balayage) e questo passaggio talvolta rende la tecnica difficilmente sopportabile per chi ha una chioma fragile e delicata di partenza.

Il balayage inoltre prevede ce dopo la schiaritura i capelli vengono tonalizzati in modo uniforme dalla radice in giù e rappresenta un trattamento meno invasivo e più sicuro per le chiome che tendono a spezzarsi rispetto allo shatush.

Con il balayage, inoltre, l'hairstylst procede a mano libera e gioca con la crema schiarente lasciandola in posa un tempo variabile (da pochi minuti fino a un massimo di mezz'ora), in base all'effetto di luminosità che si vuole ottenere.

Rispetto al classico shatush cotonato, quindi, il risultato è più libero e meno uniforme, inoltre si lascia un maggior effetto chiaroscurale alla chioma, la quale risulta naturale e luminosa, ma, al tempo stesso, ricca di sfumature.

Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr. Stefano Messori
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Capelli

1024 articoli pubblicati

a cura di Dr. Stefano Messori
Contenuti correlati
Schiaritura viene applicata su un cliente con pennello e cartine
Tecniche di schiaritura per i capelli: ecco cosa sapere

Tecnica di schiaritura per i capelli: diverse le possibilità per cambiare look, dalle più classiche alle più moderne, come shatush, balayage e ombrè.