icon/back Indietro Esplora per argomento

Depilazione intima: consigli, preparazione, pro e contro

Redazione

Ultimo aggiornamento – 23 Giugno, 2023

Depilazione intima: cosa sapere

La depilazione intima è una pratica molto diffusa sia tra le donne che tra gli uomini, ma che va effettuata con cautela per non irritare le zone più sensibili del corpo.

In cosa consiste e quali sono i tipi di depilazione intima? Scopriamo insieme alcuni accorgimenti utili per eseguire una corretta depilazione delle parti intime.

Cosa si intende per depilazione intima?

La depilazione delle parti intime viene effettuata per rimuovere i peli superflui che si trovano nella zona dell'inguine, dell'interno cosce, del pube e dello scroto (nell'umo) che, talvolta, possono causare fastidi a causa della loro estensione o lunghezza.

A differenza dell’epilazione, che si ottiene rimuovendo il pelo alla radice, la depilazione elimina solo la parte visibile del pelo.

Perché si pratica?

La peluria presente nelle zone intime svolge tante funzioni utili, proteggendo la nostra pelle dagli eccessivi sfregamenti e trattenendo i batteri che potrebbero raggiungere i genitali.

In alcuni casi, però, l’eccesso di peli, se accompagnato da cattive abitudini igieniche, potrebbe favorire la proliferazione di batteri, con conseguenti cattivi odori e infezioni.

Come preparare la pelle al trattamento

Prima di procedere con la depilazione delle parti intime è bene preparare la pelle per favorire la rimozione dei peli e minimizzare le irritazioni.

Peli troppo lunghi o troppo corti potrebbero limitare l’efficacia del trattamento, oltre che renderlo più doloroso del necessario: la lunghezza ideale si aggira intorno al mezzo centimetro.

La preparazione prosegue con la detersione e l’esfoliazione: una doccia calda e uno scrub prima della depilazione basteranno a ridurre la comparsa di peli incarniti e renderanno la depilazione più confortevole.

Quali sono i tipi di depilazione intima: come si fa

Come depilare le parti intime? Esistono tanti metodi diversi tra cui scegliere in base al tempo a disposizione, alla sensibilità della pelle e, inevitabilmente, alla propria soglia di fastidio.


I metodi sopra elencati vanno bene anche per l’uso domestico, tuttavia, occorre sempre considerare che depilare le parti intime richiede delicatezza e attenzione.

È invece indispensabile rivolgersi a centri specializzati per l’epilazione con il laser o con la luce pulsata: metodi che eliminano il pelo in profondità grazie a dei fasci di luce (con lunghezza d’onda variabile a seconda del trattamento) che agiscono direttamente sul bulbo del follicolo pilifero, inibendo la sua ricrescita.

L’epilazione laser ad oggi risulta uno dei metodi più efficaci ma non risolutivo. La luce pulsata invece ha un’efficacia che varia in base al proprio fototipo.

Accorgimenti utili per la depilazione delle parti intime

Prima di procedere alla rimozione dei peli della zona bikini è bene:

  • effettuare una corretta igiene personale;
  • assicurarsi che gli strumenti che si utilizzano siano puliti;
  • se si opta per il fai da te, utilizzare uno specchio, per individuare meglio i peli;
  • ammorbidire la pelle e utilizzare prodotti appositi (come una schiuma), specie se ci si depila con rasoio;
  • stendere attentamente la cera;
  • dopo la depilazione, applicare gel o creme lenitive senza alcol ed evitare l’esposizione al sole;
  • tenere la zona pulita per evitare irritazioni.

Depilazione intima: rischi e controindicazioni

In generale, i rischi della depilazione dipendo dal metodo utilizzato per rimuovere i peli e dalla frequenza con cui ci si depila.

Inoltre, la depilazione espone la pelle a rischi dovuti all’inesperienza e all’inevitabile stress che l’epidermide subisce con questi trattamenti, che potrebbero provocare:

  • abrasioni; 
  • tagli; 
  • scottature; 
  • sfoghi.

In alcuni casi si può incorrere in follicoliti o reazioni cutanee (soprattutto nei periodi estivi). Inoltre, la depilazione potrebbe essere controindicata: 

  • in caso di particolare sensibilità della propria pelle;
  • se si soffre di peli incarniti;
  • in presenza di alcuni condizioni (come ad esempio gravidanza, candida, diabete).

Per questi motivi, è sempre opportuno consultare un dermatologo prima di ogni trattamento e se alcuni sintomi (rigonfiamenti e/o rossori) persistono per più di 24 ore.

Condividi
Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di Pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

a cura di Dr.ssa Isabella Gallerani
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Redazione
Redazione
in Corpo

1774 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Isabella Gallerani
Contenuti correlati
Una raccolta di sapone di Marsiglia
Sapone di Marsiglia per il corpo, come prepararlo in casa

Sapone di Marsiglia per il corpo, ecco da dove proviene, quali sono gli usi che se ne possono fare, e come prepararlo in casa con il metodo a freddo.

Una dermatologa
Liposcultura: cos'è e come viene effettuata

Cos'è la liposcultura e quali vantaggi apporta? Scopriamo in cosa consiste questo intervento di rimodellamento corporeo e quali controindicazioni presenta.

icon/chat