Acidi per il viso: una panoramica

Mattia Zamboni | Seo Content Specialist

Ultimo aggiornamento – 29 Marzo, 2024

Una donna allo specchio che si spalma la crema sul viso

Gli acidi per il viso hanno diversi scopi e possono essere classificati in base ai componenti che contengono e alle proprietà specifiche attribuite.

Scopriamo, di seguito, una panoramica.

Esfolianti

Gli acidi esfolianti sono formulazioni efficaci per migliorare la texture della pelle, ridurre l'acne e minimizzare le macchie scure.

Si ricorda che è necessario affidarsi ad un professionista per l’utilizzo corretto degli esfolianti: molecole inadatte o concentrazioni eccessive possono causare infiammazione anche intensa e danni cutanei

Questi acidi, come l'acido glicolico e salicilico, esfoliano delicatamente la pelle, eliminando le cellule morte e stimolando il rinnovamento cellulare.

  • Acido glicolico: esfolia la pelle, riduce le rughe e le macchie scure. Da usare per la pelle opaca o con segni d'invecchiamento. Applicare come trattamento notturno una o due volte a settimana.
  • Acido salicilico: penetra nei pori, combatte l'acne e i punti neri. Ideale per pelli acneiche o con pori ostruiti. Applicare come tonico o gel, evitando l'uso eccessivo per non seccare la pelle.
  • Acido lattico: esfolia delicatamente, migliorando la texture e l'aspetto della pelle. Adatto a pelli sensibili o secche. Utilizzare come scrub o tonico, con una frequenza settimanale o bisettimanale.
  • Acido mandelico: esfolia e rinnova la pelle, adatto anche alle pelli sensibili. Utile per ridurre i segni dell'acne. Utilizzare come siero o trattamento notturno due o tre volte a settimana.
  • Acido azelaico: riduce l'iperpigmentazione e l'acne. Da usare per macchie scure o pelle acneica. Applicare come crema o gel una o due volte al giorno, evitando l'uso in eccesso per non seccare la pelle.

Idratanti e nutrienti

Gli acidi idratanti, come l'acido ialuronico e linoleico, sono essenziali per mantenere la pelle idratata e nutrita.

Questi acidi aiutano a migliorare l'elasticità cutanea e a proteggere la barriera cutanea, offrendo un aspetto radioso e sano.

  • Acido ialuronico: idrata la pelle, riduce le rughe e aumenta l'elasticità. Adatto a tutti i tipi di pelle. Applicare come siero o crema idratante mattutina e serale.
  • Acido linoleico: nutre la pelle secca, mantenendo la barriera cutanea. Ideale per pelli secche o disidratate. Trovato in oli o creme idratanti, da applicare quotidianamente.
  • Acido oleico: nutre la pelle secca o disidratata, aiutando a mantenere l'umidità. Presente in oli o creme da applicare secondo necessità.
  • Acido mandelico liposomiale: favorisce l'idratazione della pelle, mantenendo un equilibrio idrico ottimale. Trovato in sieri idratanti da usare regolarmente, preferibilmente mattina e sera.

Schiarenti e uniformanti

Gli acidi schiarenti e uniformanti, come l'acido azelaico e tranexamico, sono utilizzati per ridurre le macchie scure, uniformare il tono della pelle e migliorare l'iperpigmentazione.

Questi acidi mirano a promuovere una pelle più uniforme e luminosa.

  • Acido kojico: sbianca le macchie scure e uniforma il tono della pelle. Utile per iperpigmentazione. Applicare come siero o crema due volte al giorno.
  • Acido fitico: riduce le macchie scure e promuove il rinnovamento cellulare. Da usare per iperpigmentazione. Formulato in creme o sieri da applicare regolarmente.
  • Acido azelaico: riduce l'iperpigmentazione, le macchie scure e l'acne. Formulato in creme o gel da applicare localmente due volte al giorno.
  • Acido tranexamico: riduce l'iperpigmentazione e uniforma il tono della pelle. Presente in creme o sieri per un'applicazione regolare.
  • Acido 18-beta-glicirretico: riduce le discromie e ha proprietà lenitive. Trovato in creme o lozioni, da utilizzare come trattamento locale.

Antiossidanti e rigeneranti

Gli acidi antiossidanti, come l'acido ferulico e triterpenoico, svolgono un ruolo cruciale nella protezione della pelle dai danni ambientali e nel promuovere il rinnovamento cellulare.

Questi acidi supportano la pelle nel combattere i radicali liberi e nel mantenere un aspetto giovane.

  • Acido ferulico: protegge la pelle dai danni ambientali e aumenta l'efficacia della vitamina C ed E. Presente in sieri antiossidanti da usare preferibilmente al mattino.
  • Acido triterpenoico: calma e rigenera la pelle. Adatto a pelli sensibili o irritate. Formulato  in creme idratanti o sieri serali.
  • Acido triterpenoico: favorisce il rinnovamento cellulare e ha proprietà calmanti. Adatto a pelli sensibili o irritate. Presente  in creme o sieri serali.
  • Acido ursolico: protegge la pelle dai danni e ha proprietà rigeneranti. Presente in creme antiossidanti o trattamenti anti-invecchiamento.

Calmanti e lenitivi

Gli acidi calmanti e lenitivi, come l'acido 18-beta-glicirretico e linoleico, sono preziosi per ridurre l'irritazione, calmare la pelle sensibile e lenire l'infiammazione, offrendo comfort e sollievo alla pelle stressata.

  • Acido 18-beta-glicirretico: riduce l'irritazione e ha proprietà anti-infiammatorie. Adatto a pelli sensibili o irritate. Presente in creme o lozioni da usare come trattamento locale.
  • Acido linoleico: nutre e idrata la pelle secca, riducendo l'irritazione. È utile per pelli sensibili o secche. Presente in oli o creme idratanti da usare regolarmente.
  • Acido ursolico: ha proprietà rigenerative e lenitive, supportando la salute della pelle. Presente in creme antiossidanti o trattamenti anti-invecchiamento.
  • Acido triterpenoico: contribuisce a calmare la pelle sensibile ed a ridurre l'irritazione. Utilizzare in creme o sieri adatti a pelli delicate.

Rinnovamento cellulare e texture della pelle

Gli acidi protettivi e stabilizzanti, come l'acido azelaico e ferulico, giocano un ruolo cruciale nel mantenere la salute della pelle.

Questi acidi non solo proteggono la pelle dai danni ambientali, ma anche migliorano la stabilità di altri ingredienti come la vitamina C ed E, potenziandone l'efficacia nel combattere i radicali liberi.

  • Acido polilattico: stimola la produzione di collagene, migliorando la compattezza della pelle nel tempo. Spesso utilizzato in trattamenti dermatologici come iniezioni o peelings per rassodare la pelle e ridurre le rughe.
  • Acido mandelico polisaccaride: contribuisce all'idratazione e all'elasticità della pelle, adatto a pelli disidratate. Presente in creme o sieri per un utilizzo regolare per migliorare la texture cutanea.
  • Acido piruvico: esfolia delicatamente la pelle, riducendo l'aspetto delle rughe superficiali e migliorando la luminosità. Utilizzato in trattamenti professionali o creme con concentrazioni controllate.
  • Acido azelaico: promuove il rinnovamento cellulare e contribuisce a migliorare la texture della pelle. Trovato in creme o gel, da applicare regolarmente per ridurre l'iperpigmentazione e le imperfezioni.
  • Acido tartarico: ha proprietà esfolianti e favorisce la levigazione della pelle, contribuendo al rinnovamento cellulare. Utilizzato in creme o trattamenti esfolianti settimanali.

Protettivi e Stabilizzanti

Gli acidi focalizzati sul rinnovamento cellulare e miglioramento della texture, come l'acido polilattico e azelaico, sono fondamentali per migliorare l'aspetto e la struttura della pelle.

Questi acidi stimolano la produzione di collagene, riducono le rughe e contribuiscono a una pelle più levigata e luminosa nel tempo.

  • Acido tranexamico: riduce l'iperpigmentazione e aiuta a stabilizzare la produzione di melanina. Utilizzato in creme o sieri come trattamento mirato.
  • Acido azelaico: riduce l'acne e le macchie scure, stabilizzando la produzione di sebo. Utilizzato  in creme o gel, da applicare come trattamento localizzato.

Regolatori della produzione di sebo

Gli acidi regolatori della produzione di sebo, come l'acido dioico e lsalicilico, aiutano a controllare l'olio e a gestire l'acne regolando la produzione di sebo.

Questi acidi sono utili per mantenere l'equilibrio cutaneo su pelli grasse o miste.

  • Acido dioico: regola la produzione di sebo ed è utile nel trattamento dell'acne. Presente in creme o lozioni specifiche per l'uso localizzato.
  • Acido isalicilico: esfolia la pelle, riducendo l'infiammazione e i brufoli. Utilizzare come trattamento spot in creme o lozioni specifiche.
Mattia Zamboni | Seo Content Specialist
Scritto da Mattia Zamboni | Seo Content Specialist

Ho conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione con un particolare focus sullo storytelling. Con quasi un decennio di esperienza nel campo del giornalismo, oggi mi occupo della creazione di contenuti editoriali che abbracciano diverse tematiche, tra cui salute, benessere, sessualità, mondo pet, alimentazione, psicologia, cura della persona e genitorialità.

a cura di Dr. Stefano Messori
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Contenuti correlati
ragazza fa skin care
Acido salicilico per il viso: cos'è e a cosa serve

L'acido salicilico da applicare sul viso è utile per migliorare le imperfezioni della pelle, ma cos'è esattamente e come va applicato? Scopriamolo insieme.

ragazza fa skin care
Acido tranexamico: cos'è e a cosa serve

Cos'è l'acido tranexamico e per cosa viene utilizzato? Andiamo alla scoperta dei suoi campi di applicazione e a cosa stare attenti quando lo si assume.

icon/chat