Acido glicolico: cos'è e a cosa serve

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 10 Gennaio, 2024

Donna si fa fare un trattamento viso

Cos'è l'acido glicolico e quali benefici apporta alla bellezza della pelle del viso?

Come utilizzarlo per sfruttare al meglio le sue proprietà e quali sono le accortezze da tenere presente se si intende farne uso?

Scopriamo tutto quello che c'è da sapere su questo argomento.

Cos'è l'acido glicolico?

L'acido glicolico, anche detto acido idrossiacetico o AHA, è un acido derivato dalla frutta che si ricava dalla canna da zucchero, dall'uva non ancora matura e dalla barbabietola.

Viene utilizzato molto di frequente nel campo della medicina estetica e della cosmetologia, in quanto ha una marcata azione esfoliante e schiarente.

Le sue molecole, infatti, sono in grado di penetrare all'interno della pelle e di agire sullo strato superficiale dell'epidermide, con la conseguenza che inestetismi dovuti ad acne, smagliature, cicatrici, rughe o macchie solari, tendono ad essere meno evidenti.

L'acido glicolico si trova in numerose formulazioni cosmetiche in percentuali variabili, tuttavia è comunemente utilizzato anche dai dermatologi per preparare i peeling chimici, con una concentrazione di attivo che varia dal 30 all'80% in funzione di quanto potente sarà il trattamento.

Questo tipo di intervento va eseguito solo da professionisti sanitari e solamente in presenza di gravi inestetismi in quanto può mettere a dura prova una pelle sensibile.


Potrebbe interessarti anche:


In alternativa, è possibile utilizzare le numerose creme che sono presenti in commercio, le quali sfruttano la capacità rinnovatrice dell'acido glicolico utilizzandone una percentuale molto minore.

Il glicolico si può trovare in creme, sieri e tonici destinati alla beauty routine del volto e, già dalle prime applicazioni, ha la capacità di rendere la pelle più liscia e luminosa.

Ciò è dovuto al fatto che questo acido stimola la parte più superficiale del derma, facendo in modo che le cellule epiteliali morte vengano liberate dagli strati più profondi; ne consegue una pelle immediatamente più splendente e rinnovata, in cui eventuali impurità come pori e brufoletti, sono meno presenti, e macchie e rughe tendono ad essere meno visibili.

A cosa serve l'acido glicolico

L'acido glicolico svolge un'importante azione di contrasto agli inestetismi derivati dall'acne, alle macchie da iperpigmentazione e all'invecchiamento. Il merito è della sua intensa azione esfoliante che ha la capacità di rinnovare la pelle rendendola libera dalle imperfezioni.

Esso, inoltre, ha la capacità di stimolare la produzione di collagene, svolge una funzione riequilibrante, dona maggior tonicità alla pelle e contribuisce ad uniformare il colore.

Gli acidi della frutta contenuti all'interno del glicolico hanno la capacità di ridurre i legami che tengono uniti i corneociti presenti sullo strato più superficiale della pelle, e proprio grazie a questa proprietà viene favorita un'intensa azione esfoliante.

Il turn over cellulare viene così aumentato e reso più rapido, inoltre vi è una maggior attività a livello dei fibroblasti, con la conseguenza che la pelle è stimolata a produrre nuovo collagene, elastina e glicosamminoglicani.

Le conseguenze più visibili e immediate sono una ritrovata brillantezza, un'epidermide più pura, levigata e splendente.

Come utilizzare l'acido glicolico

Il glicolico può essere utilizzato sia nelle formulazioni cosmetici da tutti i giorni che si trovano comunemente sul mercato, le quali hanno una percentuale di prodotto compresa tra il 10 e il 15%, sia come parte di un trattamento più complesso svolto dal dermatologo, ed in questo la concentrazione è molto maggiore e può arrivare addirittura all'80%.

In genere i trattamenti a base di acido glicolico vengono utilizzati per trattare:

  • acne e inestetismi derivati da essa;
  • macchie della pelle;
  • rughe e danni provocati dall'invecchiamento;
  • cicatrici;
  • dermatite seborroica;
  • eccesso di secchezza cutanea o, al contrario, eccesso di sebo;
  • smagliature dovute alla scarsa elasticità della pelle;

Gli utilizzi principali dell'acido glicolico sono principalmente tre e comprendono:

  • la sua marcata azione purificante ed esfoliante nei confronti di brufoli e impurità. L'acido, infatti, rimuove le cellule superficiali della pelle, ovvero il cosiddetto "tappo cheratinico", e leviga la grana della cute donando un aspetto maggiormente uniforme e luminoso all'incarnato;
  • la sua capacità di schiarire la pelle, dovuta al fatto che esso attenua le macchie scure della pelle (dovute all'eccesso di esposizione solare o ai danni provocati dall'invecchiamento) e fa apparire la cute del volto più uniforme;
  • la stimolazione delle fibre di collagene, che conduce ad avere un'epidermide più morbida e idratata. In genere quando si desidera un effetto di questo tipo, si consiglia di applicare prodotti con una percentuale di AHA non superiore al 5%;

Spesso le creme all'acido glicolico che si trovano in commercio vengono arricchite con ulteriori principi attivi dalla medesima azione, in modo che essi possano lavorare in sinergia per la bellezza della pelle.

In genere i più usati sono l'acido kojico, che ha anch'esso un'azione esfoliante, l'acido lattico, la vitamina A e la vitamina E

Cosa sapere prima di utilizzare l'acido glicolico sul viso

L'acido glicolico è un prodotto che, se utilizzato con concentrazioni basse, può essere applicato anche senza l'intervento di un dermatologo.

Esso, tuttavia, può provocare una lieve sensazione di pizzicore e bruciore che tende a sparire dopo pochi minuti e che, in genere, si manifesta soprattutto durante le prime applicazioni; se il fastidio persiste tuttavia, è opportuno eliminare il prodotto dal viso e fare attenzione a non spalmarlo sulle zone più delicate del viso, come ad esempio quella del contorno occhi.

Un'altra accortezza importante da conoscere prima di usare l'acido glicolico sul viso, è che esso andrebbe applicato solamente durante i mesi invernali (idealmente da fine ottobre a fine marzo), in quanto è altamente fotosensibilizzante.

Ciò significa che, se non si protegge la pelle con una protezione solare molto alta, vi è il rischio concreto che compaiano macchie e altre discromie sull'epidermide.

Per questo motivo si preferisce applicare il glicolico sul viso solamente la sera, come ultimo step finale della beauty routine e poi, la mattina seguente, non dimenticare mai di usare una protezione solare elevata.

Inoltre, questo acido viene sconsigliato alle donne in gravidanza e a chi soffre di herpes, in quanto l'azione degli ormoni potrebbe rendere la cute ancor più sensibile e maggiormente soggetta a danni da fotosensibilità.

Per quanto riguarda le modalità di applicazione, i trattamenti all'acido glicolico che si trovano in commercio si possono applicare facendo riferimento alle istruzioni riportate sulla confezione, facendo tuttavia attenzione a utilizzarle sulla pelle già detersa e asciutta.

Solitamente l'azione delle creme con acido glicolico non è immediata, ma occorre un certo periodo di tempo, e un uso costante, per cominciare a vedere i primi effetti sulla grana della pelle.

Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr. Stefano Messori
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Viso

988 articoli pubblicati

a cura di Dr. Stefano Messori
Contenuti correlati
ragazza fa peeling viso
Come fare un peeling viso fai da te

Come preparare un peeling viso fai da te che sia realmente efficace sulla pelle? Scopriamo quali sono le sostanze che stimolano il rinnovamento cellulare.

donna-matura-che-mette-il-siero-sul-viso
Quando e perché utilizzare un siero antimacchie per ottenere una pelle luminosa

Perché utilizzare un siero antimacchie e quando è il momento migliore per farlo? Ne abbiamo parlato in questo approfondimento.