icon/back Indietro Esplora per argomento

Acne cistica: come trattarla al meglio

Cristina Grassi | Blogger

Ultimo aggiornamento – 28 Maggio, 2021

Rimedi naturali per l'acne cistica: quali sono?

L’acne cistica – detta, in termini medici, anche acne nodulo-cistica o acne conglobata – compare generalmente durante il periodo della pubertà oppure tra i 20 e i 30 anni. Si distingue per la presenza di noduli e cisti di grandezza variabile che, da pochi millimetri, possono anche misurare alcuni centimetri. Dove compare? Solitamente su viso e tronco. Anche braccia e spalle, molto spesso, non ne sono esenti.

Purtroppo, le cause dell’acne cistica non sono ancora del tutto note. L’opzione più accreditata sostiene che questa forma di acne sia legata a un’eccessiva attivazione delle ghiandole sebacee per stimolo neuroendocrino.

Qualora si soffrisse di questo disturbo, l’intervento di un dermatologo è pressoché obbligato. Una giusta diagnosi, accompagnata da cure e trattamenti adeguati, è fondamentale per superare il problema. Sotto il suo controllo, o con il parere del medico curante, è possibile tentare di curare l’acne cistica con dei rimedi casalinghi. In che modo? Eccolo spiegato.

Acne cistica: rimedi e come trattarla

Chiamata anche acne nodulo-cistica, questo tipo di acne si presenta con grandi cisti e noduli infiammati che compaiono sulla pelle.

Come abbiamo visto, a differenza di altre forme più lievi, è notevolmente dolorosa e si verifica quando il sebo e le cellule morte si accumulano in profondità nei follicoli o nei pori dei peli. L’acne cistica è più comune durante la pubertà, ma può presentarsi anche negli adulti, soprattutto in caso di squilibrio ormonale.

È possibile curare l’acne cistica in modo naturale (sotto stretto controllo di un dermatologo) e ottenere di nuovo una pelle liscia e sana.

Ecco i cinque rimedi per l’acne cistica più efficaci:

  • Non schiacciare le papule e le pustole – L’acne cistica, a differenza di quella comune, non produce in linea di massima dei brufoli che è possibile schiacciare. Interessando gli strati più profondi dell’epidermide, cercare di fare uscire il pus dalle bolle non è una buona idea. Anzi! Si otterrà il risultato opposto a quello desiderato, allungando il tempo di guarigione da giorni a settimane.
  • Fare impacchi di ghiaccio – Un rimedio naturale per l’acne cistica molto efficace? Applicare un cubetto di ghiaccio direttamente sul brufolo per diversi secondi, per far stringere i piccoli vasi sanguigni che alimentano la cisti dolorosa. Il ghiaccio aiuta a diminuire immediatamente le dimensioni e il rossore dell’acne.
  • Cura giornaliera della pelle – Avere una routine per la cura della propria pelle con creme lenitive è di essenziale importanza quando si tratta di curare l’acne cistica. Una crema idratante senza olio e senza profumo è un’ottima scelta, magari consigliata dal medico.
  • Attenzione agli asciugamani e alle federe – Cosa entra quotidianamente in contatto con la pelle? Asciugamani e federe del letto in primis. Spesso questa biancheria viene lavata con detergenti aggressivi che, a contatto con la pelle, potrebbero aumentare l’irritazione già in atto. Consigliamo, quindi, di preferire detersivi delicati quando si ha a che fare con il bucato.
  • Utilizzare gli oli essenziali – Gli oli essenziali come il tea tree oil e la lavanda possono aiutare a combattere l’acne cistica, secondo alcuni studi. Il modo migliore per utilizzarli consiste nell’applicare due o tre gocce sull’area interessata. Sono sicuri e possono essere applicati direttamente sulla cute. Tuttavia, possono anche essere combinati con un olio vettore, come quello di jojoba o di cocco, se si ha la pelle particolarmente sensibile. Si consiglia di evitare l’esposizione alla luce diretta del sole durante il trattamento dell’acne con gli oli essenziali, che potrebbero causare irritazioni o arrossamenti della pelle.

Acne cistica: come curarla col cibo

Se si soffre di acne cisti è bene evitare di consumare:

  • Latticini – Anche se non siete intollerante al lattosio, i prodotti caseari convenzionali possono essere difficili da digerire. Molte persone vedono un miglioramento nella loro condizione quando ne diminuiscono il consumo o eliminano del tutto i prodotti caseari dalla propria dieta.
  • Zucchero – Assieme ad altri alimenti ad alto indice glicemico (come il pane e la pasta), lo zucchero può peggiorare l’infiammazione della pelle.
  • Caffeina e cioccolato – Molti esperti affermano che non vi è alcun legame tra consumo di caffeina e cioccolato e gli sfoghi cutanei. Tuttavia, non vi è dubbio che il consumo di caffeina abbia un impatto diretto sull’equilibrio ormonale. In particolare, un sovradosaggio può aumentare la concentrazione di ormone dello stress. Ridurre o eliminare la caffeina dalla dieta può aiutare a mantenere gli ormoni in equilibrio e aiutare la scomparsa dei brufoli.
  • Fritti e fast food – Questi alimenti contengono una serie di ingredienti che causano infiammazioni, tra cui oli idrogenati, sodio, sostanze chimiche, aromi e zucchero.

Quindi, cosa mangiare con l’acne cistica? Ecco:

  • Alimenti ricchi di probiotici – Quando si consumano alimenti ricchi di probiotici come kefir e verdure, i probiotici rivestono l’intestino e creano una barriera che previene l’infiammazione che può scatenare l’acne. È la scienza ad affermarlo.
  • Alimenti ad alto contenuto di zinco – Coloro che soffrono di acne tendono ad avere un basso contenuto di zinco: è importante, quindi, assicurarsi che facciano parte della propria dieta ceci, semi di zucca e anacardi.
  • Alimenti ricchi di vitamina A – Cavolo, spinaci, patate dolci e carote combattono l’infezione e accelerano la guarigione.
  • Alimenti ricchi di fibre – Il consumo di cibi ricchi di fibre, come verdura, frutta, noci, semi e farina d’avena, favoriscono la pulizia del colon e la crescita di batteri buoni nell’intestino, che possono aiutare a eliminare l’acne cistica.

Insomma, eliminare i brufoli e le cicatrici causate da questo tipo forte di acne può richiedere del tempo, e molta paziente. Rivolgetevi quanto prima a un medico dermatologo.. senza dimenticare di curare l’alimentazione, magari aiutandosi con qualche piccolo rimedio naturale!

Condividi
Cristina Grassi | Blogger
Scritto da Cristina Grassi | Blogger

Comunicazione, lingue straniere e traduzione sono la mia passione. Traduttrice e scrittrice di professione, durante il tempo libero adoro trascorrere il tempo con la mia famiglia e dedicarmi alla lettura.

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Cristina Grassi | Blogger
Cristina Grassi | Blogger
in Salute

66 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Contenuti correlati
Scopriamo un focus sul Fuoco di Sant'Antonio senza eruzione cutanea
Fuoco di Sant'Antonio senza eruzione cutanea

Fuoco di Sant'Antonio senza eruzione cutanea: scopri cos'è questa forma di Herpes Zoster e come si manifesta, la diagnosi e il trattamento.

zanzara-e-neonato-come-proteggere-i-piu-piccoli-dalle-punture
Zanzara e neonato: come proteggere i piccoli dalle punture

La zanzara rappresenta un pericolo concreto per il neonato. Alcuni prodotti repellenti potrebbero essere dannosi per loro. Vediamo quelli adatti.

icon/chat