Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Alzheimer: 10 campanelli d’allarme che annunciano l’arrivo della malattia

Alzheimer: 10 campanelli d’allarme che annunciano l’arrivo della malattia

Ultimo aggiornamento – 20 settembre, 2019

alzheimer: 10 sintomi più comuni
Indice

Si celebra il 21 settembre la XXVI Giornata Mondiale dell’Alzheimer, un appuntamento che si inserisce del VII mese mondiale dedicato alla malattia. Lo slogan? “Demenza, parliamone”.

Anche l’Italia ha risposto a questa chiamata, e saranno tantissimi gli appuntamenti in Italia, pensati per ridurre lo stigma intorno al morbo di Alzheimer e, al contempo, sensibilizzare la popolazione intorno a questo tema.

Perché di discutere intorno a questo tabù ce ne è quanto mai bisogno. Le demenze (gran parte raccolte sotto il segno dell’Alzheimer) affliggono circa un milione e 271 mila persone solo Italia. 269 mila sono i casi ogni anno. I costi sanitari sono vertiginosi, gran parte colpiscono i portafogli delle stesse famiglie. La notizia sconcertante è che le stime sostengono che i numeri odierni possano addirittura raddoppiare nei prossimi 20 anni.

Partiamo dunque da qui. “Parliamone”.

La malattia di Alzheimer è degenerativa

Purtroppo, essendo una malattia degenerativa, non ci sono trattamenti efficaci, ma soltanto medicinali che possono apportare dei benefici, seppur minimi, sia a livello cognitivo che comportamentale. Infatti, questa patologia porta a un declino complessivo delle funzioni che comprendono la capacità di rapportarsi col prossimo, deteriorando a volte anche la personalità della persona colpita dalla malattia.

Oltre a non esistere una cura per il morbo di Alzheimer, non c’è nemmeno un modo per prevenirla, però la si può prendere e riconoscere per tempo se ci si accorge di determinati sintomi, intervenendo precocemente e cercando di arginare le possibili conseguenze.

Ecco l’elenco dei 10 sintomi più diffusi di Alzheimer, stilato dall’Alzheimer’s Association degli Stati Uniti.

I 10 sintomi del morbo di Alzheimer

I sintomi precoci dell’Alzheimer:

  1. La perdita della memoria: questo è il primo sintomo che viene associato alla malattia. Può compromettere sia la quotidianità che l’ambito lavorativo. Dopo frequenti episodi, si può cominciare a sospettare la presenza di una patologia grave.
  2. Problemi nell’esprimersi: chi è malato di Alzheimer dimentica spesso le parole che deve o sta per dire oppure le sostituisce con altre che non c’entrano niente con il contesto del discorso.
  3. Disorientamento spazio-temporale: si comincia dimenticando la strada di casa, fino a non sapere più che giorno sia e dove ci si trovi in quel momento e nemmeno come ci si è arrivati.
  4. Problemi a svolgere le attività di ogni giorno: qualsiasi gesto che una volta poteva essere considerato automatico, improvvisamente diventa difficile da svolgere, dimenticando anche di mangiare o di lavarsi.
  5. Capacità di giudizio alterata: può capitare che una signora sempre molto elegante improvvisamente cominci a uscire di casa vestita in modo sciatto o inappropriato, oppure spettinata e trasandata.
  6. Difficoltà nel fare le operazioni di base: un malato di Alzheimer può trovare estremamente difficile fare anche i calcoli aritmetici più facili o scrivere il proprio nome.
  7. Personalità modificata: una persona che è sempre stata tranquilla e accomodante può trasformarsi in una aggressiva e irascibile, diventando a tratti anche violenta.
  8. Scambio di posto degli oggetti: non è raro trovare degli oggetti nei posti meno appropriati, proprio perché la persona colpita dal morbo dimentica dov’era il posto originale.
  9. Apatia: non c’è più nessuno stimolo a uscire di casa o a seguire gli hobby per cui ci si appassionava un tempo.
  10. Comportamenti strani e volubilità nell’umore: l’umore è molto ballerino nelle persone affette dal morbo di Alzheimer, il cambiamento è imprevedibile e alle volte arriva a essere molto aggressivo.

Questi sono i principali sintomi del morbo di Alzheimer, che, se rilevati per tempo, potrebbero spingere i familiari a eseguire i dovuti accertamenti per diagnosticare già all’origine la malattia e prendere i dovuti accorgimenti.

Mostra commenti
Quando il tempo è un problema
Quando il tempo è un problema
Insicurezza, da nemica ad alleata: come renderla una risorsa per vivere meglio
Insicurezza, da nemica ad alleata: come renderla una risorsa per vivere meglio
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Quando gli antibiotici sono dannosi per la salute?
Quando gli antibiotici sono dannosi per la salute?
Riconoscere i sintomi della fibrosi cistica
Riconoscere i sintomi della fibrosi cistica
Stop alle aritmie cardiache: testata una mappa che le individua e blocca
Stop alle aritmie cardiache: testata una mappa che le individua e blocca
Sincronizzazione delle mestruazioni: è possibile?
Sincronizzazione delle mestruazioni: è possibile?