Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Un antidepressivo naturale: il cioccolato

Un antidepressivo naturale: il cioccolato

Ultimo aggiornamento – 01 marzo, 2013

Indice

Che il cioccolato sia uno degli alimenti più amato dalle persone è risaputo!

Spesso è il rifugio quando si è stressati o quando si ha bisogno di qualcosa di dolce.

Tuttavia di recente è stato dimostrato che il cioccolato funga da antidepressivo!

Questo alimento, infatti, è in grado di aumentare i livelli di serotonina nel nostro cervello.

La serotonina è una sostanza in grado di favorire il rilassamento o addirittura di sedare.

Inoltre è la stessa sostanza che viene rilasciata dal nostro cervello quando siamo innamorati.

Oltre all’ assunzione di cioccolato esistono tanti modi per risollevare il proprio umore come ascoltare  musica, chiamare un amico, guardare il vostro film preferito, leggere un libro, fare un pisolino e molto altro ancora.

Bisogna essere cauti con qualsiasi cibo che funga da metodo per medicare ed è sempre meglio consultare un medico soprattutto in casi di malattie quali la depressione.

Il cioccolato, come tutti gli alimenti, se assunto in quantità eccessive può avere delle conseguenze negative, prima fra tutte l’aumento di peso che, nei casi più gravi porta all’obesità.

Mostra commenti
Come fermare lo stomaco che brontola
Come fermare lo stomaco che brontola
Omega 3 e Omega 6: un toccasana per la nostra salute
Omega 3 e Omega 6: un toccasana per la nostra salute
Sai che su Pazienti.it puoi trovare sconti per prestazioni mediche? Scopri di più
Articoli più letti
Antidolorifici e attacchi cardiaci: qual è il collegamento?
Antidolorifici e attacchi cardiaci: qual è il collegamento?
Quali sono le cause dei crampi muscolari?
Quali sono le cause dei crampi muscolari?
Perdere peso: non è solo una questione di carboidrati e grassi
Perdere peso: non è solo una questione di carboidrati e grassi
Cura e prevenzione nelle carceri: il progetto della Regione Lazio
Cura e prevenzione nelle carceri: il progetto della Regione Lazio