Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Attenzione alle allergie autunnali: qualche consiglio per evitarle (e curarle)

Attenzione alle allergie autunnali: qualche consiglio per evitarle (e curarle)

Ultimo aggiornamento – 03 ottobre, 2019

Cosa fare per le Allergie in Autunno
Indice

Non è raro pensare che le allergie siano una condizione prettamente primaverile. Ma non è così. Anche l’autunno può riservare brutte sorprese.

In particolare, chi soffre di allergia o asma, tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno, spesso riferisce un peggioramento dei sintomi con ostruzione nasale, starnuti, naso che cola (rinite allergica) e altri sintomi collegati.

Ma come affrontare le allergie autunnali?

Allergie autunnali: perché?

Le cause delle allergie autunnali risiedono in pollini, muffe e acari della polvere.

Per quanto riguarda i pollini, le fioriture variano in base alle regioni e al clima:

  • Parietaria – Nelle regioni calde del Centro-Sud è la parietaria a fare da padrona, scatenando reazioni allergiche in e liberando pollini da marzo fino ad ottobre.
  • Ambrosia e graminacea – In autunno, nell’area del Nord Italia sono invece presenti ambrosia e graminacee. I cambiamenti climatici, in particolare l’innalzamento delle temperature, però, permettono alle piante estive di rappresentare un problema anche fuori stagione, prolungando così il tempo di esposizione dei pazienti agli allergeni.

Anche le muffe (Alternaria, Cladosporium, Aspergillus) possono causare reazioni allergiche in autunno, in ambienti aperti e chiusi e molto umidi, che creano un ottimo ecosistema per la crescita di questi organismi. Queste sono causa non solo di oculoriniti, ma anche di violente crisi asmatiche nelle persone predisposte.

Un pericolo insidioso, soprattutto nei mesi freddi, è rappresentato dagli acari. Sono una sottoclasse di aracnidi (ragni) che si nutrono di forfora umana e polvere, insediandosi nei materassi e tappeti, causando asma e raffreddore, sintomi tipici dell’allergia agli acari. Questi svolgono ruolo di rilievo nell’insorgenza dei sintomi delle allergie autunnali, poiché proliferano approfittando degli ambienti chiusi a causa delle basse temperature.

Cosa fare per placare i sintomi delle allergie in autunno

Se i sintomi si manifestano per la prima volta e lasciano sospettare la presenza di un’allergia è bene consultare un medico: infatti, una corretta diagnosi è fondamentale per identificare la vera causa del problema e studiare un trattamento mirato.

Le cure per le allergie variano in base ai sintomi che ogni paziente manifesta. La terapia è sempre personalizzata, e dipende anche dal quadro generale del paziente.

In generale, la rinite si combatte con farmaci steroidi topici come spray nasali (in alcuni casi terapia combinata steroidea e antistaminica).

Per l’asma sono, invece, disponibili farmaci specifici: per la maggior parte dei casi, il controllo della malattia si ottiene con farmaci corticosteroidei per via inalatoria che possono essere associati anche a farmaci broncodilatatori. Per questi casi esistono nuovi farmaci studiati appositamente per avere un’emivita (durata del principio attivo) di 24 ore in modo da ridurre le dosi e prolungarne gli effetti. Per i casi di asma più severa è necessario studiare in modo più accurato il sistema immunitario del paziente oltre ad un’analisi più approfondita della funzionalità dei polmoni e la loro infiammazione.

C’è qualcuno che soffre, invece, di bruciore agli occhi e congiuntivite? In questo caso, è bene ricorrere a colliri antistaminici o a base di sodio cromoglicato, che riducono il fastidio e la lacrimazione.

Esiste anche l’immunoterapia specifica, che può ridurre sensibilmente i sintomi e (spesso) eliminarli completamente: grazie alla somministrazione di dosi minime e progressive di acari, pollini o muffe, riesce nel 95% dei casi a desensibilizzare il paziente.

Poi? Fate di tutto per evitare l’allergene. È questa la prima e più valida terapia.

 

Mostra commenti
Forum Sistema Salute 2019: una lente d’ingrandimento sulla sanità del futuro
Forum Sistema Salute 2019: una lente d’ingrandimento sulla sanità del futuro
Riforma dei ticket sanitari: si pagherà in base al reddito?
Riforma dei ticket sanitari: si pagherà in base al reddito?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Come rafforzare legamenti e cartilagini (in modo naturale)
Come rafforzare legamenti e cartilagini (in modo naturale)
Sesto senso? Il nostro cervello può prevedere le parole di un interlocutore
Sesto senso? Il nostro cervello può prevedere le parole di un interlocutore
L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas
L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas
Lesioni cutanee e infiammazioni: perché il diabete può causare problemi alla pelle?
Lesioni cutanee e infiammazioni: perché il diabete può causare problemi alla pelle?