Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. La verità sulla costipazione

La verità sulla costipazione

Ultimo aggiornamento – 10 giugno, 2016

Mal di pancia e costipazione.
Indice

Chi soffre di costipazione ne avrà sentite di tutti i colori sui modi di combatterla e su quelle che ne sono le origini. Andiamo a fare un po’ di chiarezza analizzando 19 voci a riguardo della costipazione.

Quello che non sai sulla costipazione

  1. È falso credere che sia necessario andare di intestino ogni giorno. Ognuno di noi è diverso e c’è chi va in bagno anche quattro volte al giorno e chi solo 3 a settimana. Di solito, si defeca una volta al giorno, ma anche se fate parte di uno dei casi sopra descritti non c’è problema, è infatti sufficiente che anche se non si va di intestino per un paio di giorni ci si senta comunque bene. La stitichezza si presenta infatti se si va in bagno meno di 3 volte a settimana.
  2. È falso pensare che il corpo assorba le sostanze velenose dalle feci se non si defeca e che per questo sia maggiormente sottoposto al presentarsi di artrite, asma e cancro al colon. La costipazione non è infatti una malattia.
  3. È falso pensare che il consumo di frutta e verdura, quindi cibi ricchi di fibre, più bere molta acqua, possa risolvere la situazione. Di certo può aiutare, ma se non passa aggiungendo questi alimenti alla dieta, allora vuol dire che la costipazione dipende da qualcos’altro, come una condizione medica o un effetto collaterale di qualche farmaco.
  4. È vero che ingoiare grandi quantità di gomme può creare un tappo temporaneo nell’intestino, che può causare stitichezza. Alla fine però anche le gomme verranno espulse con le feci.
  5. È vero che cambiare abitudini in fatto di dieta e routine può essere dannoso alla regolarità intestinale. Muoversi, mangiare frutta e verdure e bere molta acqua può essere di aiuto, insieme all’evitare di bere troppo alcool e cibi non cotti.
  6. È vero che la depressione può provocare o far peggiorare la stipsi. Massaggi, digito-pressione e rilassamento e meditazione possono aiutare a far rilassare i muscoli che sostengono l’intestino, cosa che favorirà il traffico intestinale.
  7. È falso che se si è troppo impegnati sul lavoro non si avverte lo stimolo intestinale. Quando la natura chiama si può fare poco per resisterle.
  8. È vero che ci sono alcuni farmaci che provocano stitichezza, come gli antidolorifici, gli antidepressivi, quelli contro l’ipertensione o per il trattamento del morbo di Parkinson. Chiedete al vostro medico se può prescrivervene un tipo diverso se quello che usate se questo vi provoca stitichezza. Anche calcio e integratori di ferro possono creare problemi simili.
  9. È falso che le fibre siano tutte uguali. Ce ne sono infatti di due tipi. Quelle insolubili e quelle solubili.
  10. È vero che le prugne sono un ottimo rimedio per la stitichezza. Sono infatti ricche si fibra insolubile. Possono essere usate anche con i bambini, magari mescolandone il succo con quello di un altro frutto.
  11. È vero che bere molto serve a mantenere le feci umide e a diminuire così il rischio di costipazione. Oltre che dalle bevande e dall’acqua i liquidi si possono ottenere anche da frutta e verdure. Evitate caffeina e alcool che, invece, possono portare alla disidratazione.
  12. È vero che il poco esercizio fisico rallenta il traffico intestinale. Un sano esercizio fisico farà bene a tutto il corpo e non solo al vostro intestino.
  13. È falso pensare che la caffeina sia un ottimo rimedio per la costipazione. Infatti, anche se va a stimolare i muscoli delle viscere a contrarsi, porta però anche al rischio disidratazione. Se si è stitici è quindi meglio un buon decaffeinato.
  14. È falso credere che le irrigazioni del colon aiutino a prevenire la stitichezza. Anzi è assodato che i clisteri provocano stitichezza negli anziani che li usano di frequente. Inoltre, le troppe irrigazioni del colon possono andare a danneggiarne la struttura, tra gli altri problemi.
  15. È falso pensare a un immediato effetto dei lassativi. Questi infatti agiscono in circa un’ora. Non abusatene perché possono portare a gravi problemi digestivi. La costipazione di solito dura un paio di giorni, quindi parlatene con il vostro medico se persiste oltre questo lasso di tempo.
  16. È vero invece che i lassativi consentono alle feci di ammorbidirsi e di passare in modo più agevole nell’intestino. Vanno usati solo per brevi periodi di tempo.
  17. È falso pensare che l’olio di ricino sia un toccasana per la costipazione. Infatti, anche se è certo che è utile a risolvere il problema, se ne sconsiglia l’uso prolungato che può andare a rendere difficile l’assorbimento dei nutritivi e può creare danni a nervi, muscoli e tessuto intestinale.
  18. È falso credere che la stitichezza sia normale in vecchiaia, infatti il disturbo può presentarsi a ogni età, anche se è più frequente nelle persone anziane.
  19. È falso affermare che nelle feci di chi è stitico sia normale che sia presente del sangue. Può sì accadere che si creino rotture di emorroidi o nel rivestimento intestinale, che sanguinino di un rosso vivo, a causa dello sforzo intestinale, ma quando si ha presenza di sangue di colore nero o marrone dalla consistenza catramosa o con coaguli è meglio andare da un medico. Infatti, in questo caso le perdite ematiche non sono all’altezza dell’intestino, ma provengono da zone più in alto.

 

Mostra commenti
Il segreto per essere felici
Il segreto per essere felici
I rischi delle protesi al seno
I rischi delle protesi al seno
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
La crosta del pane potrebbe contenere una sostanza cancerogena (presente anche nelle sigarette)
La crosta del pane potrebbe contenere una sostanza cancerogena (presente anche nelle sigarette)
Sbiancamento dei denti, dal dentista o fai-da-te? Un boom di richieste
Sbiancamento dei denti, dal dentista o fai-da-te? Un boom di richieste
Il rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete
Il rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete
Il laser per controllare la nostra alimentazione
Il laser per controllare la nostra alimentazione