Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. 10 falsi miti sui disturbi alimentari

10 falsi miti sui disturbi alimentari

Ultimo aggiornamento – 20 settembre, 2016

I disturbi dell'alimentazione
Indice

Quando si parla di disturbi alimentari ci si riferisce a problematiche che vanno a colpire il comportamento nella sfera di ciò che riguarda il rapporto con il cibo.

I disturbi alimentari si presentano con una riduzione o aumento del consumo di cibo e delle preoccupazioni per il peso. Una persona con un disturbo alimentare potrebbe avere iniziato semplicemente mangiando una quantità di cibo inferiore o superiore rispetto al solito, ma a un certo punto, l’impulso a mangiare di meno o di più aumenta senza controllo

Ci sono tantissimi miti che ruotano intorno a questo tipo di disturbo, che spesso portano a ritardi nella diagnosi del problema, con relativo ritardo nell’inizio del trattamento, ma che arrivano anche ad ostacolare la cura.

Qui di seguito troverete i principali dieci, che vi aiuteranno a capire come approcciarvi nel modo migliore al problema.

10 miti sui disturbi alimentari

  1. È errato credere che chi soffre di questi disturbi alimentari sia sempre turbato o abbia problemi familiari. Capita spesso infatti che questo disturbo, che va a colpire la salute mentale dei soggetti, vada a presentarsi in persone che si possano definire felici e che non hanno nessun problema di sorta. Tale disturbo può infatti essere innescato da un trauma psicologico che vada a coinvolgere la sfera dei sentimenti e che porti a una bassa autostima, ma non è sempre necessario che siano presenti queste situazioni per il presentarsi dei disturbi alimentari.
  2. Non si deve credere che i problemi di alimentazione siano legati a questioni di controllo eccessivo da parte dei genitori o di chi sta intorno alla persona che presenta questi problemi. Si tratta infatti di un disturbo cerebrale e non ci sono prove concrete che il controllo eccessivo possa portare a disturbi nella sfera alimentare.
  3. Quando si nota un comportamento tipico di un disturbo alimentare è bene cercare di porre rimedio al più presto possibile. È infatti sbagliato pensare che non pressare in modo eccessivo il soggetto in questione possa far lui del bene. Tanto più si lascerà correre, tanto più le cose peggioreranno. Cercate di far mangiare il soggetto e consultate un medico, specialista nei disturbi alimentari, il più velocemente possibile.
  4. Non è vero che è possibile migliorare il disturbo alimentare semplicemente volendolo. La terapia e il ritorno ad una dieta normale devono riprendere, indipendentemente dal fatto che il paziente lo voglia o meno.
  5. Quando una ragazza soffre di un qualsiasi tipo di disturbo alimentare non è vero che il ciclo mestruale si blocca. Le donne infatti continuano ad avere le mestruazioni anche se soffrono di anoressia.
  6. Uno dei falsi miti più diffusi è quello che vede i disturbi alimentari come qualcosa che va a colpire esclusivamente le ragazze e le donne. C’è infatti un 10%, tra i soggetti colpiti da questi disturbi, costituito da ragazzi o uomini e questa percentuale sta aumentando sempre più.
  7. È sbagliato credere che tutti i disturbi alimentari comportino una perdita di peso, infatti ne esistono anche di alcuni che portano esattamente all’opposto, con un aumento del peso stesso.
  8. Non è detto che un disturbo alimentare si presenti solo a seguito di una dieta sbagliata. Ci sono infatti persone che possono svilupparli dopo aver perso peso a seguito di malattie.
  9. I disturbi alimentari sono lenti a guarire e non si deve pensare che questi siano spariti non appena si inizia a riacquistare il peso giusto. Il cervello infatti può richiedere mesi, se non anni, per riprendersi completamente.
  10. È sbagliato credere che non si guarisca mai del tutto da un disturbo di tipo alimentare. Certo il rischio di recidiva è molto alto, ma è possibile anche una ripresa completa e duratura.

Nel caso in cui siate preoccupati per qualcuno che vi è caro, che presenta sintomi che possono essere collegati a qualche disturbo della sfera alimentare, ci sono numerosi centri che si occupano della patologia a cui potete rivolgervi per avere informazioni più specifiche a riguardo e per capire come muoversi per aiutare nel modo migliore chi soffre di questo problema.

Tra i più diffusi disturbi alimentari ci sono l’anoressia, la bulimia, la sindrome da alimentazione incontrollata e l’obesità.

Mostra commenti
Frattura del pene: è davvero possibile?
Frattura del pene: è davvero possibile?
L’attenzione congiunta e la socialità nel bambino con Autismo
L’attenzione congiunta e la socialità nel bambino con Autismo
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Quando gli antibiotici sono dannosi per la salute?
Quando gli antibiotici sono dannosi per la salute?
Riconoscere i sintomi della fibrosi cistica
Riconoscere i sintomi della fibrosi cistica
Stop alle aritmie cardiache: testata una mappa che le individua e blocca
Stop alle aritmie cardiache: testata una mappa che le individua e blocca
Sincronizzazione delle mestruazioni: è possibile?
Sincronizzazione delle mestruazioni: è possibile?