Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Farmaci Per Diabete Per Tutelare La Salute Del Cuore

Diabete: i farmaci che riducono il rischio di ictus e infarto

Redazione

Ultimo aggiornamento – 13 Novembre, 2018

Diabete: i farmaci che riducono il rischio di ictus e infarto

Il 60% dei diabetici muore per cause cardiovascolari. Il rischio di ictus e infarto, per loro, è altissimo.

Proprio per questo motivo, le nuove Linee Guida congiunte dell’European Society for the Study of Diabetes e dell’American Diabetes Association stabiliscono che per i pazienti con problemi cardiovascolari debba essere data la preferenza a terapie a base di antagonisti di GLP-1 e inibitori di SGLT2, due nuove classi di farmaci che stanno dimostrando benefici per il cuore e i vasi sanguigni.

La conferma arriva da uno studio presentato in questi giorni al congresso annuale dell’American Health Association. Il dapaglifozin, inibitore di SGLT2, riduce del 17% il rischio di scompenso cardiaco e morte cardiovascolare.

Cerchiamo di capirne di più.

Obiettivo: tutelare la salute del cuore dei pazienti con diabete

Di certo non è una novità. L’attenzione agli effetti (negativi) sul cuore dei farmaci contro il diabete è iniziata circa dieci anni fa, dopo la scoperta che un anti-diabetico avrebbe potuto essere pericoloso per il nostro sistema cardiocircolatorio.

Da quel momento, le autorità regolatorie esigono per ogni nuovo prodotto immesso sul mercato degli studi specifici sulla sicurezza cardiovascolare.

Grazie a queste ricerche sono emersi dati molto interessati. A titolo di esempio, si è scoperto che gli antagonisti del recettore dell’ormone intestinale che stimola la secrezione di insulina ai pasti (GLP-1) possono aiutare a ridurre la mortalità dettata da cause cardiovascolari. Lo stesso vale per i farmaci di una nuova classe di anti-diabetici, gli inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio di tipo 2 (SGLT-2), ovvero di quella molecola che regola il riassorbimento del glucosio.

I motivi non sono ancora ben chiari ma gli esperti, grazie a numerosi studi, hanno deciso di inserire nelle nuove Linee Guida la raccomandazione all’uso di questi medicinali, con particolare attenzione ai pazienti reduci da ictus o infarto miocardico, che al contempo presentano il diabete. L’obiettivo è ben chiaro: oltre ad abbassare la glicemia, si punta a ridurre anche il rischio cardiovascolare.

Dapaglifozin: a beneficio di cuori e reni, per tutti i pazienti diabetici

Non solo i diabetici con pregressa malattia cardiovascolare potranno trarre vantaggio dalla prescrizione di queste terapie. In particolare, i dati pubblicati sul New England Journal of Medicine in merito al dapaglifozin (un inibitore di SGLT2) risultano particolarmente confortanti per tutti i pazienti, al di là della loro storia clinica.

I risultati arrivano da uno studio effettuato su oltre 17mila soggetti seguiti per oltre cinque anni, di cui il 60% senza problemi a cuore e vasi. Il rischio di un ricovero per scompenso cardiaco – così come di morte cardiovascolare – per loro si riduce del 17%. L’effetto protettivo, inoltre, si estende ai reni.

Sensibilizzazione e prevenzione: la Giornata Mondiale del Diabete

Istituita nel 1991 dall’International Diabetes Federation e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, la Giornata Mondiale del Diabete in Italia si pone l’obiettivo di sensibilizzare e informare l’opinione pubblica sul diabete sotto ogni suo aspetto: dalla prevenzione alla gestione della patologia stessa.

Quest’anno, la Giornata – che illuminerà di blu ospedali e monumenti di diverse città, oltre a proporre momenti formativi e informativi – sarà dedicata interamente alla famiglia (animali domestici compresi!).

In tutto il mondo i malati sono in continuo e drammatico aumento: 425 milioni nel mondo, con previsioni di 552 milioni nel 2030. Nei paesi occidentali così come in quelli in via di sviluppo, sempre più vicini – in termini in primis di alimentazione – ai modelli all’europea.

La strategia? La prevenzione, fatta da uno stile di vita attivo e da una alimentazione corretta ed equilibrata.


FONTE

Lo studio sugli effetti del dapaglifozin sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine.

Mostra commenti
L’Osservatorio nazionale sulla salute della donna premia le RSA attente al benessere e alla dignità del paziente
L’Osservatorio nazionale sulla salute della donna premia le RSA attente al benessere e alla dignità del paziente
Verità e menzogne sul diabete: siete sicuri di distinguerle?
Verità e menzogne sul diabete: siete sicuri di distinguerle?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Come combattere i crampi muscolari? Una lista dei rimedi più efficaci
Come combattere i crampi muscolari? Una lista dei rimedi più efficaci
Tumore al seno: cosa puoi fare tu contro la malattia
Tumore al seno: cosa puoi fare tu contro la malattia
Aterosclerosi, individuato un nuovo fattore di rischio
Aterosclerosi, individuato un nuovo fattore di rischio
In quanto tempo il nostro sangue si rigenera?
In quanto tempo il nostro sangue si rigenera?