Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. 5 alimenti da evitare per star bene

5 alimenti da evitare per star bene

Ultimo aggiornamento – 14 aprile, 2020

Roberta Madonna
Biologa e specialista in Nutrizione


Siete golosi e, a volte, la forza di volontà non basta? Attenzione, attenzione: non ci vuole poi molto per fa sì che gli “strappi alla regola” si trasformino in cattive abitudini alimentari.

Bisogna fare i conti con la realtà e, come ci dice la dr.ssa Roberta Madonna, “per alcuni cibi vale la regola di farne un uso saltuario o moderato, al fine di evitare conseguenze spiacevoli per l’organismo“.

Ecco a cosa è meglio rinunciare: parola di specialista

  1. I cibi precotti. A causa dell’elevato contenuto di sodio, grassi e di additivi alimentari, i cibi precotti e i piatti pronti non sono da considerarsi un’opportuna scelta alimentare. Il vantaggio dato dal risparmio di tempo nella cottura e nella preparazione, viene controbilanciato da una discutibile qualità, che in ogni caso è pur sempre inferiore, se confrontata con quella dei prodotti freschi.
  2. Il formaggio fuso. Indubbiamente molto gustosi, formaggini e sottilette, sono da ritenersi alimenti poco salutari. La materia prima, per lo più rappresentata da formaggi dolci di varia tipologia e grado di maturazione, viene, macinata, rimescolata e successivamente, opportunamente fusa. Durante la lavorazione, possono essere aggiunti ulteriori ingredienti, come burro, panna, additivi vari (sali di fusione, coloranti, conservanti, esaltatori di sapidità), che enfatizzano l’aspetto, il gusto, la consistenza, la spalmabilità, la cremosità, la conservabilità del preparato. Da non tralasciare, poi, gli eventuali nitriti e le elevate quantità di sodio presenti.
  3. I sughi e le salse rustiche da condimento. Le salse pronte sono molto apprezzate e parecchio utilizzate per arricchire di gusto primi piatti, portate di carne o pesce, contorni di verdure ed ortaggi. Spesso sono di composizione mista, ovvero, con ingredienti sia vegetali che animali e si caratterizzano per le alte percentuali di sodio, addensanti, conservanti, oltre che per una certa consistenza calorica, data per lo più, dall’alto tenore di grassi e zuccheri.
  4. I grassi idrogenati. Si tratta di grassi destinati, in larga misura, alla lavorazione industriale di margarine e prodotti da forno. Se è vero che i grassi vegetali idrogenati non contengono colesterolo, la presenza di acidi grassi trans, ne pregiudica comunque il profilo nutrizionale. I grassi idrogenati, difatti, si comportano al pari dei grassi saturi animali, svolgendo un ruolo ipercolesterolemizzante, favorendo l’innalzamento della frazione LDL (o colesterolo “cattivo”) e riducendo il colesterolo “buono” o HDL; ne deriva che una dieta ricca di acidi grassi trans può rappresentare un fattore di rischio per dislipidemie e complicanze cardiocircolatorie.
  5. I succhi di frutta industriali. Per questi prodotti, il profilo nutrizionale dipende, essenzialmente, dal tipo di succo considerato (con o senza polpa, con o senza zuccheri aggiunti, con o senza arricchimento in vitamine e sali minerali). Si tratta, in ogni caso, di preparazioni sottoposte a lavorazioni industriali di correzione dell’acidità, del gusto e dell’aroma e di incremento della conservabilità, tramite opportuno trattamento termico ed aggiunta di additivi. Poveri di fibre, spesso ricchi di zuccheri e poco nutrienti, non dovrebbero mai sostituire la frutta fresca di stagione.

La dr.ssa Roberta Madonna, dopo la Laurea qiunquennale in Biologia e l’Abilitazione Professionale, consegue il Diploma di Specializzazione in Biochimica Clinica (presso il dipartimento di Biochimica e Biofisica della Facoltà di Medicina e Chirurgia, “SUN”), svolgendo attività di tirocinio e formazione, tra il 2006 ed il 2011, presso il Primo Policlinico della città di Napoli.

Nel 2011 decide di conseguire una Seconda Laurea in Farmacia. Dal 2008 si occupa di Nutrizione Umana Fisiopatologica, Dietetica Clinica, Nutrizione Sportiva ed Educazione Alimentare, offrendo consulenze individuali ed assolutamente personalizzate. Per il trattamento dei disturbi dell’alimentazione si avvale di un servizio di consulenza psicologica.

Mostra commenti
I 10 alimenti che bisognerebbe avere sempre in cucina
I 10 alimenti che bisognerebbe avere sempre in cucina
Carenza di vitamina D: un fattore di rischio per la sclerosi multipla
Carenza di vitamina D: un fattore di rischio per la sclerosi multipla
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Chi cerca trova… gli insetti in casa!
Chi cerca trova… gli insetti in casa!
10 curiosità che dovete sapere sul corpo umano
10 curiosità che dovete sapere sul corpo umano
Quando una gravidanza si dice a rischio
Quando una gravidanza si dice a rischio
Semi di Canapa: tutti i benefici e gli usi
Semi di Canapa: tutti i benefici e gli usi