Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. I 6 errori più comuni che portano a gravidanze indesiderate

I 6 errori più comuni che portano a gravidanze indesiderate

Ultimo aggiornamento – 23 maggio, 2017

gravidanza indesiderata: gli errori più comuni
Indice

Anche se viviamo in una società dove sono disponibili un gran numero di mezzi per il controllo delle nascite, che vanno dall’uso di preservativi a quello della pillola anticoncezionale, il loro abuso o la disinformazione sul loro corretto utilizzo portano al presentarsi di gravidanze indesiderate.

Gli errori che portano a una gravidanza indesiderata

Pianificare quando avere una gravidanza è infatti importante, per permettere alle donne di decidere quando creare una famiglia, per poter poi gestirla nel modo migliore. In tutta questa campagna per il sesso sicuro, ci sono però 6 errori che si presentano con maggiore frequenza, circa il controllo delle nascite.

Vediamo insieme quali sono:

  1. Scordarsi di prendere la pillola. Affinché la pillola anticoncezionale sia efficace, è necessario che questa sia assunta da almeno 7 giorni di fila, quindi, se così non fosse è necessario utilizzare anche il preservativo.
  2. Dimenticarsi di assumere la pillola alla stessa ora, ogni giorno. Le pillole di progestinico vanno assunte ogni giorno alla stessa ora. Infatti, queste rimangono in circolo per 24 ore. Un trucco per non dimenticarsi di assumere la pillola è quello di attivare un allarme quotidiano sul cellulare.
  3. Usare un lubrificante sbagliato. Usare lubrificanti a base di olio, come vaselina, olio per bambini e lozioni per il corpo possono andare a indebolire la struttura in lattice dei preservativi. Meglio utilizzare lubrificanti a base d’acqua, che non hanno impatto sul tasso di rottura dei preservativi.
  4. Affidarsi ai soli spermicidi. Di per sé questa sostanza offre una bassa protezione contro il rischio che si verifichi una gravidanza. Va bene se invece lo spermicida è utilizzato insieme ad altri metodi contraccettivi (pillola o preservativo). Si stima che 15 donne su 100 all’anno che usano i soli spermicidi hanno una gravidanza indesiderata.
  5. Usare poco o male il preservativo. Usarlo è importante per tenere alla larga malattie sessualmente trasmissibili ed evitare gravidanze, anche se non dà una certezza al 100% che nessuna delle due si verifichi.
  6. Non valutare a pieno le varie opzioni. Circa il 28% delle donne utilizza la pillola come metodo contraccettivo, ma non tutte le donne vogliono ricorrere a questa soluzione e doversi ricordare di assumerla ogni giorno. Esistono altri metodi da seguire come contraccettivo, tra cui le iniezioni di IUD.

Come evitare una gravidanza naturalmente?

Oltre che ai metodi classici per evitare una gravidanza, se non si vuole ricorrere a nessun metodo “artificiale”, ci sono anche metodi naturali per prevenirla, nonostante questi non possano considerarsi come anticoncezionali “sicuri”. Il più classico è quello detto del coito interrotto, che consiste nel fatto che l’eiaculazione non avvenga nella vagina. È un metodo molto usato, ma non molto sicuro (ha un successo stimato nel 73% dei casi), infatti, anche durante il pre-iaculato sono già presenti nell’uretra degli spermatozoi, che possono portare a una gravidanza indesiderata. Per evitarlo può essere utile, per l’uomo, urinare prima di fare sesso.

Il metodo più diffuso per il controllo delle nascite resta quello di limitare il sesso ai periodi non fertili della donna, astenendosi durante quelli fertili. Ci sono tre tipologie di controllo pianificato delle nascite in questo caso:

  • Amenorrea che si ha durante la lattazione: dopo aver partorito una donna non ha il ciclo mestruale per almeno due mesi o più in caso di allattamento. Perché il metodo di contraccezione naturale funzioni, la donna non deve avere più avuto il ciclo dalla nascita del bimbo, il piccolo deve avere meno di 6 mesi; l’allattamento deve avvenire ogni quattro ore di giorno e sei durante la notte. Anche se le ricerche dimostrano che questo metodo dia risultati nel 98% dei casi, ci sono anche molte donne che non hanno ottenuto i risultati sperati.
  • Calcolo della durata del ciclo mestruale: prima di iniziare a seguire questo metodo, è necessario monitorare il proprio ciclo per un periodo di 6-12 mesi. Successivamente, si passa a identificare il periodo di pre-ovulazione e il successivo periodo non fertile. È un metodo praticabile per donne con cicli regolari di 26-32 giorni.
  • Individuazione dei sintomi tipici del periodo fertile: quindi, valutare la temperatura basale, il muco cervicale e la posizione cervicale. Il muco più spesso è quello che accompagna la fase di ovulazione; questo va a catturare gli spermatozoi, aumentando il rischio gravidanza. È possibile capire quale è il periodo fertile dal fatto che la cervice si presenta in posizione più alta ed è più morbida rispetto alla norma. Per almeno 3 giorni dopo l’ovulazione, la temperatura basale si alzerà di almeno quattro decimi di grado. In commercio ci sono anche degli appositi macchinari che sono in grado di identificare i giorni fertili o non.

Qual è la vostra esperienza e quale metodo di controllo delle nascite seguite? Fateci sapere, ricordandovi sempre di chiedere consiglio al vostro ginecologo di fiducia!

Mostra commenti
Sapreste riconoscere il cancro ai testicoli?
Sapreste riconoscere il cancro ai testicoli?
Powassan: un virus letale trasmesso dalle zecche
Powassan: un virus letale trasmesso dalle zecche
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Perché chi ha il diabete dovrebbe fare colazione (molto) presto
Perché chi ha il diabete dovrebbe fare colazione (molto) presto
In estate, proteggi la pelle con l’alimentazione!
In estate, proteggi la pelle con l’alimentazione!
Aviazione e gestione del rischio in ambito sanitario: cosa c’entrano?
Aviazione e gestione del rischio in ambito sanitario: cosa c’entrano?
Perché la Vitamina C è davvero fondamentale dopo i 50 anni
Perché la Vitamina C è davvero fondamentale dopo i 50 anni