Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Ogni quanto cambiate le lenzuola?

Ogni quanto cambiate le lenzuola?

Ultimo aggiornamento – 23 gennaio, 2017

cambiare le lenzuola: ogni quanto
Indice

Sdraiarsi sotto le coperte dopo una lunga giornata di lavoro può essere un momento di dolce sollievo, soprattutto se le lenzuola sono pulite e morbide.

Dopo una settimana, tuttavia, le lenzuola su cui abbiamo dormito beatamente, iniziano a emanare un certo cattivo odore e a non essere più morbide come quando le avevamo appena cambiate. Anche se non si vedono, sotto le lenzuola possono annidarsi microrganismi pericolosi per la nostra salute.

Quali sono i pericoli invisibili che possono annidarsi sulle nostre lenzuola?

  • Funghi
  • Batteri
  • Polvere
  • Sporcizia
  • Polline
  • Acari
  • Allergeni di vario tipo

Perché si sporcano le lenzuola?

I batteri sono organismi invisibili a occhio nudo. Se, quindi, ci è possibile osservare gli effetti dannosi che possono causare, non ci è altrettanto possibile distinguerli e osservarli.

Sapere questo dovrebbe essere già un incentivo a porre attenzione nei confronti di tutto ciò che è in balia dei batteri (e di altri parassiti microscopici) e, dall’attività di questi microrganismi, essere danneggiato e/o dannoso per la nostra salute. Del resto, mangereste mai un alimento che puzza di marcio?

Anche sulle lenzuola, utilizzate da più di una settimana, quello che non si vede sono proprio i batteri. Milioni di abitanti microscopici che pullulano sulle lenzuola dormendo proprio accanto a noi.

Questo ci fa capire quanto sia importante la pulizia delle lenzuola che, andrebbero cambiate con cadenza settimanale. Capita anche che sul letto appoggiamo fogli, indumenti, borse, giubbotti, o che addirittura facciamo uno snack mentre guardiamo la televisione, comodamente sdraiati a letto.

Sono tutte pratiche che mettono in contatto l’ambiente esterno con l’ambiente, che dovrebbe essere quanto più pulito possibile, in cui riposiamo tutta la notte e che entra in contatto con la nostra pelle, con le nostre mucose, con il nostro cuoio capelluto.

Inoltre, pelle morta, cosmetici, oli e sporco possono finire nelle vostre lenzuola e stabilirsi dentro il materasso, dove possono causare allergie, prurito, e in casi estremi, infezioni. C’è anche un rischio di infestazione da acari, parassiti dell’uomo, non visibili a occhio nudo che si nutrono di pelle morta e che possono causare la scabbia, una malattia contagiosa della pelle causata dall’acaro Sarcoptes scabiei.

Mostra commenti
Cosa sono i nei?
Cosa sono i nei?
Le statine hanno moltissime proprietà benefiche: scopriamo quali!
Le statine hanno moltissime proprietà benefiche: scopriamo quali!
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Gambe e piedi gonfi e pesanti: quando sono sintomi di linfedema?
Gambe e piedi gonfi e pesanti: quando sono sintomi di linfedema?
Adenoma tubulare: è un polipo oppure no?
Adenoma tubulare: è un polipo oppure no?
Chi ha più probabilità di sviluppare la sindrome del tunnel carpale?
Chi ha più probabilità di sviluppare la sindrome del tunnel carpale?
Insonnia e suicidio: qual è la relazione?
Insonnia e suicidio: qual è la relazione?