Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Attaccamento Eccessivo Cosa Fare

Cosa fare in caso di attaccamento eccessivo?

Mi trovo nella situazione in cui il mio partner dimostra uno smisurato attaccamento nei miei confronti, e non so davvero come comportarmi: qual è la soluzione migliore? Allontanarlo? O trovare un modo per convincerlo a farsi aiutare da qualcuno?

Buonasera, i disturbi dell'attaccamento si possono manifestare anche attraverso un comportamento di attaccamento eccessivo che può sfociare in una vera e propria DIPENDENZA AFFETTIVA. Tipicamente femminile, questo disturbo può colpire anche il sesso maschile ed è solitamente legato alle dinamiche relazionali risalenti alla prima infanzia e relative al rapporto che la persona ha avuto con i genitori e le figure di riferimento. Quando il rapporto con le figure di riferimento, solitamente un genitore, è stato caratterizzato da comportamenti e dinamiche disfunzionali, la persona in questione crescendo tenderà a riprodurre tali aspetti in tutti i rapporti che sono importanti e coinvolgenti dal punto di vista emotivo e sentimentale. Riprodurrà quindi degli SCHEMI DI ATTACCAMENTO E DI RELAZIONE che non sono sani ma che rappresentano l'unica modalità sperimentata e meglio conosciuta di relazionarsi. Poiché non è infrequente che, nel maschio, tali comportamenti di eccessivo attaccamento possano sfociare in atteggiamenti aggressivi, possessivi e limitanti o nocivi per la partner, ti invito a prestare la massima attenzione e a proporre al tuo compagno di ricorrere al supporto di un professionista psicologo. Cordiali saluti
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Annalisa Barbier
Dr.ssa Annalisa Barbier
Roma - Via Giorgio Scalia 39
Altre risposte di questo specialista
Insonnia: cosa fare?
Buonasera, spesso le situazioni di tensione e preoccupazione innescano una serie di sintomi "Da stress" tra i quali anche i disturbi del sonno. Dalle tue...
Crisi di panico: cosa fare?
Buonasera, innanzitutto, occorre comprendere se si tratta di veri e propri attacchi di panico: per definizione, l'attacco di panico (AP)...
Senilità: a che età si inizia a soffrirne?
Gentile lettore buonasera, la senilità è una condizione che definisce i cambiamenti psicologici, cognitivi e fisici legati al processo di invecchiamento. Tale...
Alitosi da stress: cosa fare?
Gentile lettore buonasera,dalla descrizione del tuo disturbo, appare evidente un chiaro legame con un disturbo d'ansia che compare o si aggrava soprattutto in condizioni...
Depressione bipolare: come curarla?
Gentile signora, comprendo molto bene la tua ritrosia nei confronti delle terapie farmacologiche le quali, tuttavia, a volte si rivelano molto importanti...
Vedi tutte
Risposte simili
Depressione : quali differenze esistono?
Esistono delle grosse differenze tra uomo e donna, se non altro per le fluttuazioni e variazioni ormonali che caratterizzano il percorso esistenziale femminile e che...
Sviluppo sessuale in adolescenza: come avviene?
Lo sviluppo sessuale nei maschi è più ritardato e più lungo di quello delle femmine: in genere, avviene intorno ai 12-13 anni.Uno dei primi segni...
Attacchi di panico: quali sono i sintomi?
I sintomi di un attacco di panico appaiono improvvisamente, senza alcuna causa apparente. Possono includere: aumento della...