Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Chirugia Bariatrica Apnee Cmp 012

È vero che la chirugia bariatrica ha effetti positivi anche sulle apnee notturne?

Buonasera, mi chiamo Michela, ho 43 anni e peso 110 chili. Inutile dirvi che sono sovrappeso. La mia obesità (perché di questo si tratta) mi ha causato molti altri problemi, come le apnee notturne, riscontrate a seguito di una polisonnografia. Ho deciso di sottopormi ad un intervento di chirurgia bariatrica: farà bene anche a questo mio disturbo?

Risposta a cura della Dr.ssa Francesca Casoni, MD, PhD, dirigente medico del Centro di Medicina del Sonno dell'Ospedale San Raffaele.


Cara Michela,  

in primis, forza e coraggio!

Quando s’intraprende un percorso per combattere il grave problema dell’obesità (Indice di Massa Corporea maggiore di 40 kg/m2)  servono molte energie e tanta serenità. Sappi che la strada, seppur in salita, è percorribile e avrà senz’altro una serie di benefici per la tua salute.  

Per rispondere alla tua domanda: sì, l’intervento di chirurgia bariatrica aiuta a contrastare anche il fenomeno delle apnee notturne, grazie ad una riduzione della quantità di grasso precedentemente accumulato nelle regioni dell'addome e del collo.

La massa adiposa in queste zone, infatti, tende a comprimere il diaframma, peggiorando la respirazione di giorno e, soprattutto, quando si dorme.  

Prima dell’intervento, però, c’è un importante e necessario step, ovvero la perdita di una parte del peso sotto supervisione medica. Già in questa fase, potrai riscontrare un miglioramento delle tue condizioni: una dieta più sana ed equilibrata e la totale astensione dal fumo gioveranno certamente alla tua respirazione (potrà dimostrarlo anche un esame specifico, la polisonnografia).  

Ora, non mi rimane che farti un grosso in bocca al lupo, certa che riuscirai a cambiare la tua condizione, riscoprendo tutta la gioia che un corpo sano può dare! 

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Redazione Pazienti
Dr. Redazione Pazienti
(0)
Milano
Altre risposte di questo specialista
Bruxismo e apnee notturne: esiste un legame?
A cura della Dott.ssa Giulia Milioli, Specialista in Neurologia - Esperta in Medicina del Sonno, Certificato AIMS e ESRS.Buongiorno, è un bene che la tua...
Apnea nel sonno: chi smette di respirare è a maggior rischio di ictus?
Risposta a cura della dott.ssa Paola Proserpio, Centro di Medicina del Sonno, Dipartimento di Neuroscienze, Ospedale Niguarda, Milano. Buongiorno,
Mal di testa: cosa assumere?
Ciao a te, dove si localizza il mal di testa? Inizia intanto con un Moment, se dovesse essere più grave, assumi un'Aspirina.
Il setto nasale deviato può essere una causa delle apnee notturne?
  Risposta a cura del dr. Riccardo Gobbi - Otorinolaringoiatra - Esperto Otorino EOS-DRS in disturbi respiratori >> in Sonno Dirigente Medico...
Dr. Riccardo Gobbi - Otorinolaringoiatra - Esperto Otorino EOS-DRS in disturbi respiratori in Sonno - Dirigente Medico ORL Dipartimento Testa e Collo AUSL ROMAGNA U.O...
Vedi tutte

Risposte simili

Laringospasmo nei bambini: quali sono le cause?
Il laringospasmo (laringite spastica) è una patologia causata da infiammazioni, infezioni o allergie, che causa spasmi nei muscoli della laringe provocando quindi difficoltà...
Polmonite: è necessaria la terapia intensiva?
Sì quando il quadro clinico lo richieda, qualora si verifichino complicazioni di tipo trombotico, infarto polmonare, necrosi emorragica. Per evitare che...
Trapianto di polmone: quando è indispensabile?
Il trapianto di polmone viene riservato ai pazienti con deterioramento progressivo della funzione polmonare ed aspettativa di vita limitata a 12-18 mesi. Per...