Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Come Fare L Autopalpazione Al Seno

Come fare l'autopalpazione al seno?

Il mio medico mi ha consigliato di effettuare l'autopalpazione al seno in maniera costante: come devo fare per eseguirla nel modo corretto?

L'autopalpazione del seno, che ogni donna dovrebbe effettuare a partire dai 20 anni ogni mese, è uno strumento importante di prevenzione: devi farla preferibilmente nella settimana in cui si è appena concluso il ciclo perché il seno è meno gonfio, devi eseguirla supina e con un braccio dietro la testa. La mano deve partire dal capezzolo e, con movimenti circolari di palpazione prima leggera e poi più profonda, andare a sondare tutto il seno, fino al torace e ai cavi ascellari. Anche il tuo ginecologo o il tuo medico di famiglia possono valutare il tuo seno.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Marcello Sergio
Dr. Marcello Sergio
Roma - Via R. Malatesta, 326
Altre risposte di questo specialista
MIOMA: che cosa è il Mioma Uterino (Fibroma Uterino)?
Il mioma o fibroma uterino è un tumore BENIGNO dell’utero, rappresentato da tessuto muscolare. E’ una patologia molto frequente...
Prolasso della vescica: quali sono le cause?
Le cause del prolasso della vescica di tua madre possono dipendere da un fattore genetico, dal numero delle gravidanze e dei parti, dalle lacerazioni del...
Perdite bianche tra i due cicli: è normale?
Delle perdite vaginali trasparenti, filanti o bianche dalla vagina sono una cosa normale e sana e solitamente si manifestano in periodo ovulatorio. Questo muco è...
Infezione da Ureaplasma urealyticum: causa infertilità?
Buongiorno,l’infezione da Ureaplasma urealyticum riguarda il complesso gruppo di uretriti non gonococciche (UNG) che si possono presentare sia nel sesso femminile che in quello maschile.Si...
Febbre in gravidanza: è pericolosa?
La febbre non rappresenta un problema in gravidanza: la febbre è infatti un meccanismo di difesa dell’organismo, perché al di sopra dei 37,5°C...
Vedi tutte
Risposte simili
Dolori all'addome sotto il costato dopo la chemio: quale causa?
Partendo dal presupposto che non ci siano effettivamente altre problematiche (metastasi ossee, ernie discali ed altro), la causa del tuo dolore potrebbe essere una nevrite...
Dolore ai capezzoli e seno più duro: quali sono le possibili cause?
Ti consiglio di sottoporti ad un controllo senologico completo: visita senologica, mammografia (possibilmente digitale diretta), ed ecografia. Per poterti dare una indicazione più precisa sarebbe...
Terapia adiuvante: è indicata dopo intervento conservativo per tumore al seno?
Ti consiglio di rivolgere queste domande al suo oncologo, in quanto dai dati, insufficienti, forniti non sussisterebbero le motivazioni e le condizioni per effettuare una...