Risposta a cura di: Dr. Marcello Sergio

Come si effettua l'anestesia epidurale?

"Devo partorire tra poche settimane. Il mio ginecologo mi ha parlato dell'anestesia epidurale, vorrei avere maggiori informazioni."

L'anestesia epidurale è la tecnica più frequente per controllare il dolore del parto. Consiste nell'introduzione di un anestetico locale, attraverso un catetere posizionato tra due vertebre lombari. Viene praticata quando, durante il travaglio, il collo dell’utero presenta una dilatazione di 2-3 cm.

Verrai posta sdraiata su un fianco rannicchiata con testa e gambe flesse sul tronco. Dopo aver posizionato il catetere, verrai messa in posizione semiseduta e con l’introduzione dell’anestetico locale otterrai l’effetto in pochi minuti.

Le controindicazioni all’anestesia epidurale sono alterazioni dei parametri coagulativi e alcune malattie neurologiche da valutare caso per caso.

L'ernia del disco, lombalgie o pregressi interventi chirurgici in sede lombare non rappresentano una controindicazione. È compito del tuo ginecologo prescrivere le analisi che servono all’anestesista per dare il “via libera” ad una eventuale anestesia epidurale.

Durante il travaglio è sempre il ginecologo che, dopo aver valutato lo stato di dilatazione del collo dell'utero, richiede l'intervento dell'anestesista.

Le opinioni su argomenti di salute espresse dai professionisti all'interno delle loro risposte non rappresentano necessariamente la posizione di Pazienti. Leggi il disclaimer


Risposta a cura di:
Non hai trovato la risposta che cercavi?
Fai la tua domanda

Iscriviti e ricevi tanti consigli di salute

Iscriviti con il tuo indirizzo e-mail

Oppure tramite Facebook

Risposte simili