Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Depressione A Chi Rivolgersi

A chi rivolgersi in caso di depressione?

Mio marito in passato ha sofferto di depressione e credo ultimamente si stiano ripresentando i sintomi. Non desidera parlare con nessuno. Desidererei avere ulteriori delucidazioni: posso consultare la dottoressa che seguiva il caso in precedenza? A chi posso rivolgermi altrimenti?

Buongiorno, la depressione è una condizione psicologica caratterizzata da umore depresso, mancanza di iniziativa ed interesse verso le attività che prima si svolgevano volentieri, modificazioni del sonno e dell'appetito, calo dell'interesse sessuale, affaticabilità e difficoltà di concentrazione, pensieri tristi e scoraggiati relativamente a se stessi e al futuro, senso di colpa ed impotenza. Può essere presente ideazione suicidaria. La depressione, se non curata, può diventare una malattia invalidante dal punto di vista sociale, professionale e familiare. Se hai motivo di credere che tuo marito stia nuovamente sperimentando una condizione depressiva puoi certamente rivolgerti allo specialista che lo ha seguito in precedenza: prima si ricorre ad una terapia e prima si ristabiliscono un miglior equilibrio e benessere. Per quanto riguarda il tipo di terapia e di professionista al quale ti puoi rivolgere, a seconda della gravità dei sintomi e del loro impatto sulla qualità della vita della persona affetta, è utile ricorrere sia al supporto di uno psicologo che a quello di uno psichiatra, che sia in grado di consigliare il miglior trattamento farmacologico disponibile in base ai sintomi e alla richiesta del paziente. Lo psicologo potrà invece aiutare tuo marito a comprendere le ragioni profonde del suo malessere al fine di elaborarle e sviluppare nuove capacità ed una migliore consapevolezza.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Annalisa Barbier
Annalisa Barbier
Roma - Via Giorgio Scalia 39
Altre risposte di questo specialista
Insonnia: cosa fare?
Buonasera, spesso le situazioni di tensione e preoccupazione innescano una serie di sintomi "Da stress" tra i quali anche i disturbi del sonno. Dalle tue...
Attaccamento eccessivo: cosa fare?
Buonasera, i disturbi dell'attaccamento si possono manifestare anche attraverso un comportamento di attaccamento eccessivo che può sfociare in una vera e propria DIPENDENZA AFFETTIVA....
Crisi di panico: cosa fare?
Buonasera, innanzitutto, occorre comprendere se si tratta di veri e propri attacchi di panico: per definizione, l'attacco di panico (AP)...
Senilità: a che età si inizia a soffrirne?
Gentile lettore buonasera, la senilità è una condizione che definisce i cambiamenti psicologici, cognitivi e fisici legati al processo di invecchiamento. Tale...
Alitosi da stress: cosa fare?
Gentile lettore buonasera,dalla descrizione del tuo disturbo, appare evidente un chiaro legame con un disturbo d'ansia che compare o si aggrava soprattutto in condizioni...
Vedi tutte
Risposte simili
Depressione : quali differenze esistono?
Esistono delle grosse differenze tra uomo e donna, se non altro per le fluttuazioni e variazioni ormonali che caratterizzano il percorso esistenziale femminile e che...
Sviluppo sessuale in adolescenza: come avviene?
Lo sviluppo sessuale nei maschi è più ritardato e più lungo di quello delle femmine: in genere, avviene intorno ai 12-13 anni.Uno dei primi segni...
Attacchi di panico: quali sono i sintomi?
I sintomi di un attacco di panico appaiono improvvisamente, senza alcuna causa apparente. Possono includere: aumento della...