Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Eiaculazione Precoce Cause

Quale potrebbe essere la causa dell'eiaculazione precoce?

Salve, sono un uomo di 37 anni, padre di 2 figli. Non ho mai avuto una durata eccezionale nell'atto sessuale, mediamente i miei rapporti sono sempre durati 5-10 minuti prima di raggiungere l'orgasmo (in funzione della situazione e dello stato di eccitazione). Un anno fa, in occasione di un'ecografia addominale eseguita per altri motivi, mi è stata riscontrata una prostata leggermente ingrandita, con aspetto di tipo adenomatoso, visitato da un urologo mi è stato detto che alla palpazione la prostata appariva normale, per cui, vista l'assenza di qualsivoglia sintomatologia urinaria, mi è stato detto di non preoccuparmi. 3-4 mesi fa, ho avuto un episodio di irritazione del glande, che appariva eritematoso con papule rossastre, prurito e tendenza all'esfoliazione. Ho curato l'episodio con somministrazione simultanea di crema antibiotica e antimicotica. Da alcuni mesi soffro di eiaculazione precoce, raggiungendo l'orgasmo dopo appena 10-20 secondi dall'inizio del rapporto sessuale. Non saprei dire precisamente da quanto soffra del problema, in quanto i rapporti con mia moglie, gravida, si sono diradati negli ultimi mesi, per cui avevo inizialmente attribuito a questo la minore "durata". Non ho alcun altro disturbo, nè minzionale nè di altro tipo. Posso ritenere che il mio problema sia un'ipersensibilità del glande, magari acuita dall'infezione di alcuni mesi fa, o potrebbe comunque trattarsi di qualche altro problema organico, per cui mi conviene comune consultare un andrologo? Grazie in anticipo per la disponibilità e chiedo scusa per la prolissità.

La tua eiaculazione precoce potrebbe essere dovuta ad una diminuzione della frequenza dei rapporti sessuali, associata a un'infiammazione prostatica. Mantieni una frequenza nei rapporti di almeno 2 volte alla settimana ed, eventualmente, esegui una spermiocoltura, evitando di contaminare il campione durante la raccolta. Successivamente, recati da un andrologo di tua fiducia che ti proporrà sicuramente una cura adeguata per risolvere il tuo problema.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Mario De Siati
Dr. Mario De Siati
(2)
Brindisi - Via Numa Pompilio, 21
Altre risposte di questo specialista
Psa totale aumentato: cosa fare?
Il tuo psa è ancora nel range di normalità con un rapporto positivo l/tot, ripeti comunque un ulteriore psa totale ed esegui la...
Carcinoma alla prostata: provoca deficit di erezione?
La radioterapia sulla loggia prostatica può ledere i nervi erigendi provocando deficit erettile. Ti consiglio di rivolgerti ad un andrologo per adeguati consigli terapeutici. In...
Varicocele: cosa causa l'intervento?
Gentile lettore, senza una valutazione diretta non è possibile esprimere un giudizio. La legatura delle vene certamente può ridurre il volume del plesso spermatico. Comunque,...
Mancata discesa dei testicoli: cosa comporta?
La mancata discesa dei testicolo ne altera lo sviluppo e li fa rimanere piccoli, essi continuano a produrre testosterone ma generalmente non producono spermatozoi, un...
Orchite: può essere stata causata da una biopsia prostatica?
Una delle complicanze della biopsia prostatica è quella infettiva e, se l'orchite si è verificata nelle strette imminente della procedura, non...
Vedi tutte
Risposte simili
Esame della prostata: come avviene?
L'esplorazione della prostata da parte del medico con l'esame digito-rettale è piuttosto semplice, non eccessivamente invasiva e caratterizzata da un'elevata attendibilità. Per sottoporsi...
Sì, purchè non si assumano in contemporanea determinati farmaci ossia i nitroderivati, per questo è importante parlarne con il medico e non prendere iniziative personali....
Prostatite: quali esami fare per la diagnosi?
La prostata è una piccola ghiandola situata sotto la vescica e anteriormente alla parete anteriore dell’intestino retto (questa la ragione per cui è palpabile con...