Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Varicocele Testicolo Sgonfio

Un'atrofizzazione testicolare è possibile dopo un intervento per varicocele?

Salve, ho subito un intervento al varicocele 4 mesi fa. Da lì sono iniziati i problemi, a distanza di 2 mesi dall'intervento ho iniziato a sentire lievi dolori, ma permanenti, ad entrambi i testicoli, quindi ho fatto 2 ecografie a distanza di poco tempo nel mese di agosto e i risultati dicevano che non avevo nulla. Il fastidio c'è ancora e riguarda solo il testicolo sinistro, ovvero quello operato e 2 settimane fa mi sono fatto visitare da un altro andrologo che mi ha detto che non ho nulla e che quei dolori sono normali. 6 giorni, ho scoperto che il testicolo operato è regredito di volume. Prima dell'intervento avevo un testicolo davvero voluminoso, ora, non so se era soltanto un'impressione per via delle vene varicose o se il varicocele stesso causasse gonfiore al testicolo, ma sono certo che è proprio il volume testicolare ad essersi ridotto. Ho già fissato una nuova ecografia testicolare per la prossima settimana. Ho paura che si stia atrofizzando, per ora la dimensione del mio testicolo sinistro è quasi uguale a quella destra, quindi potrebbe essere tornato alle dimensioni normali (ma non ricordo proprio la sua dimensione prima del varicocele). Un'atrofizzazione testicolare quanto dura? Un testicolo si può rimpicciolire fino a sparire? Quali sono i sintomi dell'atrofia? Il varicocele può gonfiare il testicolo stesso? Oppure si gonfiano esclusivamente le vene? Può essere normale una riduzione testicolare post-intervento varicocele? Grazie in anticipo per la vostra risposta.

Gentile lettore, senza una valutazione diretta non è possibile esprimere un giudizio. La legatura delle vene certamente può ridurre il volume del plesso spermatico. Comunque, l'ecografia sarà dirimente nel valutare le vere dimensioni del testicolo e capire se il testicolo è a posto.

Cordiali saluti.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Mario De Siati
Dr. Mario De Siati
Brindisi - Via Numa Pompilio, 21
Altre risposte di questo specialista
Psa totale aumentato: cosa fare?
Il tuo psa è ancora nel range di normalità con un rapporto positivo l/tot, ripeti comunque un ulteriore psa totale ed esegui la...
Eiaculazione precoce: quale potrebbe essere la causa?
La tua eiaculazione precoce potrebbe essere dovuta ad una diminuzione della frequenza dei rapporti sessuali, associata a un'infiammazione prostatica. Mantieni una frequenza nei rapporti...
Carcinoma alla prostata: provoca deficit di erezione?
La radioterapia sulla loggia prostatica può ledere i nervi erigendi provocando deficit erettile. Ti consiglio di rivolgerti ad un andrologo per adeguati consigli...
Mancata discesa dei testicoli: cosa comporta?
La mancata discesa dei testicolo ne altera lo sviluppo e li fa rimanere piccoli, essi continuano a produrre testosterone, ma generalmente non producono...
Orchite: può essere stata causata da una biopsia prostatica?
Una delle complicanze della biopsia prostatica è quella infettiva e se l'orchite si è verificata nelle strette imminente della procedura, non può essere...
Vedi tutte
Risposte simili
Prostatite: esiste una dieta da seguire?
Sicuramente le indicazioni alimentari sono importanti, eccone alcune che devono essere valutate poi sul singolo caso: mangiare cibi freschi e non trattati e senza eccessi....
Prostatite: quando è inevitabile operare?
In situazioni specifiche sono state impiegate metodologie chirurgiche di trattamento tese a rimuovere o distruggere parte del tessuto prostatico, ma le conseguenze sull'eiaculazione...
Iperplasia prostatica benigna: quali sono le conseguenze?
È la più comune neoplasia benigna nell'uomo. È caratterizzata dalla proliferazione, soprattutto a carattere fibroso/muscolare, della zona centrale della ghiandola prostatica, a differenza del