Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Lo Screening Mammario Quando E Come Controllarsi

Quando effettuare lo screening mammario?

Lo screening mammario quando deve essere effettuato?

Il problema dello screening mammografico per la diagnosi precoce del carcinoma mammario è stato oggetto negli ultimi anni di un vivace dibattito all’interno della comunità scientifica, in particolare per definire l’età ottimale di inizio dello screening e la sua periodicità. Le linee guida devono essere: mammografia ogni due anni almeno in tutte le donne al di sopra dei 40 anni di età, screening dai 35 anni e a cadenza annuale in donne ad alto rischio (due familiari di primo grado con storia di neoplasia mammaria). Screening mammario annuale dai 25 anni di età (e comunque cinque anni prima dell’età in cui il cancro al seno è stato diagnosticato nel familiare) in donne con casi familiari di carcinoma mammario giovanile. È bene in ogni caso sottolineare l'importanza, accanto al follow up mammografico, di un periodico esame clinico del seno, eseguito dal medico di famiglia fin dalla giovane età della paziente. Cordiali saluti.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr.ssa Assunta Gennarelli
Dr.ssa Assunta Gennarelli
Milano - Via De Amicis, 30
Risposte simili
Dolori all'addome sotto il costato dopo la chemio: quale causa?
Partendo dal presupposto che non ci siano effettivamente altre problematiche (metastasi ossee, ernie discali ed altro), la causa del tuo dolore potrebbe essere una nevrite...
Dolore ai capezzoli e seno più duro: quali sono le possibili cause?
Ti consiglio di sottoporti ad un controllo senologico completo: visita senologica, mammografia (possibilmente digitale diretta), ed ecografia. Per poterti dare una indicazione più precisa sarebbe...
Terapia adiuvante: è indicata dopo intervento conservativo per tumore al seno?
Ti consiglio di rivolgere queste domande al suo oncologo, in quanto dai dati, insufficienti, forniti non sussisterebbero le motivazioni e le condizioni per effettuare una...
Altre risposte di questo specialista
Alterazioni artrosiche a livello della sinfisi pubica: cosa vuol dire?
Posso dirti che con alterazioni artrosiche si intendono gli iniziali segni di usura di un osso. La sinfisi pubica è...
Morfina per dolori cervicali e lombosacrali: è corretto?
La morfina è un farmaco oppioide esogeno di estrazione vegetale, ricavato dal Papaver somniferum. Viene somministrata per trattare il dolore cronico-oncologico, post operatorio e...
Rottura dei tendini della caviglia: è possibile una ripresa completa?
Le lesioni di III grado, ovvero la rottura completa del legamento, prevedono la terapia chirurgica seguita da periodo di immobilizzazione. Tanto l'entità...
Iperidrosi: che cos'è e come si può curare?
La secrezione del sudore è regolata da stimoli nervosi provenienti da una parte del sistema nervoso vegetativo (sistema nervoso simpatico). Nei casi in...
Fibroscopia laringea: di che cosa si tratta?
Posso dirti che la fibroscopia laringea è una procedura indolore che permette al medico di ispezionare la laringe e le corde vocali. Per...
Vedi tutte