Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Microsievert

I microsievert sono pericolosi?

Vorrei sapere a quanti microsievert si viene esposti stando vicino per una mezz'oretta ad un paziente che è stato sottoposto a scintigrafia cerebrale. È pericoloso? Come mai a questi pazienti viene vietato di avvicinarsi a donne incinte e bambini se le radiazioni sono pericolose per tutti? Se sono socialmente pericolosi perchè non vengono trattenuti per almeno 24 ore?

Circa la tutela dalle radiazioni ionizzanti per la popolazione, ed in particolare per i familiari dei pazienti, dal momento che i traccianti radioattivi vengono rapidamente eliminati dal corpo, la semplice precauzione di utilizzare i servizi igienici del presidio diagnostico al termine dell'esame, limiterà l’esposizione di radiazioni alle altre persone.

Una volta terminato l’esame il rischio da radiazioni per i familiari del paziente si può considerare trascurabile, dato che la quasi totalità dei radiofarmaci utilizzati esaurisce rapidamente la radioattività (alcune ore).

Le dosi assorbite dal paziente, immediatamente dopo la somministrazione e dopo 2 ore sono rassicuranti anche per le indagini che comportano attività piuttosto elevate come la scintigrafia ossea e l’angiocardioscintigrafia.

Ciò nondimeno è consigliabile di evitare lo stretto e prolungato contatto nelle prime ore soprattutto nei confronti dei bambini e delle donne gravide perchè sono i soggetti più sensibili ai danni probabilistici da radiazioni.

Il più importante fattore di riduzione della dose è la distanza, in quanto le radiazioni ionizzanti cedono e perdono energia nella materia e l'intensità di dose si riduce di un fattore proporzionale al quadrato della distanza dalla sorgente, che in questo caso è il paziente (legge della dispersione quadratica dell'energia). Pertanto il paziente sottoposto ad indagine scintigrafica non può essere considerato "socialmente pericoloso". 

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Aurelio Caronia
Dr. Aurelio Caronia
Palermo - Via Guido Reni,16 Palermo
Risposte simili
Marcatori tumorali in rialzo dopo chemioterapia: cosa fare?
Per poterti dare una risposta precisa, mi occorre un'anamnesi più dettagliata. Da quanto posso intuire, ti riferisci ad un movimento dei marcatori tumorali in rialzo. In...
Risonanza magnetica: cos'è il liquido di contrasto?
La risonanza magnetica è un esame diagnostico pari, anzi più dettagliato e più preciso di una tac. E' un esame dove si vedono immagini...
Risonanza magnetica: esistono limitazioni di età?
La risonanza magnetica e l'ecografia sono esami sicuri e totalmente innocui per l'organismo umano, poiché durante questi esami non vengono emesse radiazioni ionizzati. A...
Altre risposte di questo specialista
Mezzo di contrasto: è il caso di farlo se su ha la creatinina a 1.89?
Buongiorno, valori di creatininemia al di sotto di 2 sono compatibili con la somministrazione di MdC organo-iodato utilizzato normalmente in TC. L'uso di un dosaggio...
Angio tac: come si svolge?
Buongiorno. L'angio-TC è un esame diagnostico che prevede l'uso di un tomografo computerizzato (TC): è a tutti gli effetti una TC con mezzo di contrasto....
Tac: le sue radiazioni sono pericolose?
Gentile Utente, le radiazioni ionizzanti producono due tipi di danno: 1) dose-dipendente e 2) dose-indipendente. Il primo tipo non riguarda le radiazioni ionizzanti utilizzate per...
Tosse persistente: come curarla?
Buongiorno, quanto descritto dal collega radiologo fa pensare ad un quadro di interstiziopatia, cioè di sofferenza della trama che sorregge il parenchima polmonare. Il persistere...
tac senza mezzo di contrasto: è efficace?
Va precisato che la TC sfrutta la differenza di contrasto tra i vari tessuti del nostro corpo per ottenere le immagini diagnostiche. Il mezzo di...
Vedi tutte