Raschiamento

Contenuto di:

Il raschiamento è una procedura medica che viene utilizzata per diagnosticare o curare diverse condizioni uterine, come ad esempio forti emorragie - o per cancellare il rivestimento uterino dopo un aborto spontaneo o procurato.

Che cos'è il raschiamento?

Raschiamento | Pazienti.it

Il raschiamento è una procedura con cui il medico rimuove del tessuto dalla parte interna dell'utero.

In quali casi si effettua il raschiamento?

Il raschiamento può essere effettuato nel momento in cui si verificano tali condizioni:

  • sanguinamento uterino anomalo
  • sanguinamento dopo la menopausa
  • forti dolori mestruali
  • anomalie nelle cellule endometriali

Quali sono le possibili complicanze del raschiamento?

Il raschiamento è di solito molto sicuro, e le complicanze sono rare. I rischi includono:

  • perforazione dell'utero
  • danni alla cervice
  • sindrome di Asherman che comporta lo sviluppo di tessuto cicatriziale sulla parete uterina
  • infezione

Come ci si deve comportare in seguito al raschiamento?

In seguito al raschiamento è importante non inserire nulla nella vagina fino a quando la cervice non sarà ritornata alla sua dimensione normale poiché i batteri potrebbero entrare nell'utero.

Argomenti: gravidanza aborto sindrome di Asherman raschiamento
Rosolia | Pazienti.it
Rosolia

La rosolia è una malattia esantematica causata da un virus, noto come Rubivirus, appartenente alla famiglia dei Togaviridae. La rosolia si contrae per via aerea o tramite contatto diretto con...

Sindrome_delle_gambe_senza_riposo | Pazienti.it
Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è una condizione in cui le gambe provocano disagio, di solito la sera, mentre si sta seduti o sdraiati. Il paziente affetto percepisce il...

Missing | Pazienti.it
Sindrome fetale alcolica

La sindrome alcolica fetale è una malattia che colpisce il feto ed è in grado di causare difetti alla nascita, danni cerebrali, una crescita ridotta e anomalie della testa e...

Sintomi_e_cure_della_sciatalgia | Pazienti.it
Sintomi e cure della sciatalgia

La sciatalgia si manifesta con un intenso dolore che parte dal basso della schiena e raggiunge la gamba in alcuni casi fino al piede. I sintomi dolorosi della sciatalgia sono...

Stitichezza | Pazienti.it
Stitichezza

La stitichezza è una condizione molto comune che colpisce le persone di ogni età. Può causare difficoltà nell’espellere le feci, eccessivo sforzo o l’impossibilità di svuotare completamente l'intestino. La stitichezza...

Colestasi_gravidica | Pazienti.it
Colestasi gravidica

La gravidanza può presentare alcune complicazioni piuttosto rare, una di queste è la colestasi gravidica, che è causata da un aumento degli acidi biliari nella circolazione sanguigna.

Ovaia | Pazienti.it
Ovaia

L'ovaia è un elemento perlaceo, di colore bianco e situato lungo la parete laterale del bacino in una regione chiamata fossa ovarica . La fossa di solito si trova sotto...

Parto | Pazienti.it
Parto

Il parto è considerato il fine naturale della gravidanza, con espulsione o estrazione del feto e degli annessi fetali ( placenta e membrane amniotiche) oltre la 22esima settimana di...

Nausea | Pazienti.it
Nausea

La nausea è la sensazione di vomito e può essere acuta, di breve durata o prolungata. La nausea può avere cause fisiche o psicologiche.

Vasi_previi | Pazienti.it
Vasi previi

Una delle complicazioni meno comuni in gravidanza è rappresentata dai vasi previi, che si presentano quando uno o più vasi sanguigni placentari o del cordone del bambino attraversano il canale...