Spermatozoi

Contenuto di:

Gli spermatozoi sono le cellule riproduttive maschili adibite al processo di fecondazione dell’ovulo femminile.

Cosa sono gli spermatozoi?

Sperma | Pazienti.it

Gli spermatozoi sono le cellule riproduttive maschili adibite al processo di fecondazione dell’ovulo femminile. Sono cellule molto piccole dotate di una testa e di una coda, il flagello, che ne consente la mobilità.

Quanto tempo può vivere uno spermatozoo?

La vitalità degli spermatozoi è determinata da diversi parametri, tra questi giocano un ruolo fondamentale la temperatura e il grado di acidità (il pH) dell'ambiente in cui questi questi si trovano.

L’ambiente ottimale per la sopravvivenza degli spermatozoi prevede una temperatura compresa tra 37 e 37,5 °C, con un pH compreso tra 7 e 7,5 e la disponibilità di zuccheri. Alterazioni anche minime di questi parametri sono in grado di compromettere le possibilità di sopravvivenza degli spermatozoi.

Se il liquido seminale è emesso all'esterno, quindi a temperatura ambiente e su una superficie asciutta, come gli abiti o le lenzuola, la sopravvivenza degli spermatozoi  è molto breve, parliamo al massimo di poche ore.

Nel corpo di una donna, invece gli spermatozoi sono in grado di sopravvivere fino a 5 giorni, ma solo in particolari situazioni e una volta diffusi, nell'utero, nelle tube o nella cavità peritoneale.

Quindi uomini, se avete rapporti sessuali non protetti con una donna qualche giorno prima dell’ovulazione, ci sono alcune possibilità che la donna in questione possa rimanere incinta.

Gli spermatozoi si muovono: ma quanto sono veloci?

Al momento della loro formazione gli spermatozoi sono immobili, senza avere quindi la possibilità di fecondare l’ovulo. La capacità di movimento è acquisita soltanto successivamente all’interno della gonade maschile (epididimo) grazie all’uso del flagello che permette agli spermatozoi di muoversi liberamente e di dirigersi verso l’ovulo femminile da fecondare.

Negli anni sono state promosse molte ricerche scientifiche per stabilire la reale velocità di movimento di uno spermatozoo all’interno dell’organismo umano. Vista la dimensione estremamente ridotta, è stato calcolato che la velocità di uno spermatozoo dovrebbe approssimativamente aggirarsi intorno ai 15 centimetri all’ora.

Inoltre, studi ancora più recenti (aprile 2014) condotti da scienziati e ricercatori del Consiglio nazionale delle ricerche - Istituto nazionale di ottica e dell’Istituto per la microelettronica e microsistemi e grazie all’ausilio di un microscopio ottico, hanno permesso di seguire e registrare i movimenti di una cellula spermatica nello spazio e nel tempo.

Queste ricerche rappresentano un valido sostegno per gli studi sull’infertilità maschile.

Quanti spermatozoi sono necessari per una gravidanza?

Per fecondare un ovulo e provocare così una gravidanza è sufficiente l’azione di un solo spermatozoo. Tuttavia, per ogni spermatozoo che raggiunge e feconda la cellula uovo femminile ce ne sono milioni che invece falliscono l’obiettivo.
Ogni eiaculazione maschile, infatti, contiene in media circa 100 milioni di spermatozoi.

Verrebbe da chiedersi come mai è necessaria una così gran quantità di spermatozoi prodotti se poi, alla fine, è soltanto uno quello utile per la fecondazione. Questa è la spiegazione: il percorso che gli spermatozoi devono compiere per arrivare a fecondare l’ovulo è lungo e ricco di insidie e molti spermatozoi non riescono a completarlo. Anche una volta giunti a destinazione, poi, la fecondazione è resa complicata dal notevole spessore dell’ovulo.

Questo processo così complesso, tuttavia, secondo il parere di molti esperti, è l’ideale per consentire soltanto a spermatozoi perfettamente sani di fecondare l’ovulo, aumentando così le possibilità di concepire un bambino sano.

È possibile prendersi cura dei propri spermatozoi?

Mantenersi in buone condizioni di salute facilita anche la presenza di spermatozoi sani nel proprio organismo. Ecco alcuni accorgimenti utili a questo scopo:

  • evitare l’abuso di fumo e droghe
  • limitare il consumo di alcol
  • mantenere una dieta sana ed equilibrata
  • fare attenzione al proprio peso corporeo
  • evitare l’esposizione a sostanze tossiche (pesticidi, metalli pesanti)
  • evitare l’uso di intimo e pantaloni troppo stretti che potrebbero far innalzare la temperatura corporea nelle zone genitali, rallentando così la produzione di spermatozoi

Un esame dello sperma può essere utile?

L’analisi del liquido seminale maschile è una prova che può essere d’aiuto soprattutto in casi di sospetta infertilità. Secondo stime dell'Organizzazione Mondiale della Sanità gli uomini che hanno meno di 20 milioni di spermatozoi per millilitro di sperma sono a rischio di infertilità.

Durante un esame ecco cosa può controllare il medico:

  • spessore dello sperma: per valutare la facilità di movimento degli spermatozoi
  • concentrazione degli spermatozoi: è il numero di spermatozoi, stimato in milioni, per un millilitro di sperma (venti milioni o più di spermatozoi per millilitro è considerato un valore nella norma)
  • motilità degli spermatozoi: valutazione del movimento degli spermatozoi
  • morfologia: test per rilevare eventuali difetti di dimensione, forma ed aspetto dello spermatozoo

Gli uomini smettono di produrre spermatozoi quando invecchiano?

Gli uomini sono fertili a partire dalla pubertà per tutto il corso della loro vita. Tuttavia la quantità di spermatozoi prodotti, potrebbe subire una netta diminuzione con l’avanzare dell’età, malgrado questo anche uomini molto avanti con l’età possono diventare padri. 

Cellulare in tasca: è un pericolo per gli spermatozoi?

Un recente studio promosso dall’Università britannica di Exeter pare aver certificato alcuni effetti negativi sull’attività degli spermatozoi nei casi di prolungata esposizione a campi elettromagnetici, anche se di bassa frequenza. In particolare, si è notata una minore vitalità degli spermatozoi in quei soggetti che sono abituati a tenere a lungo il proprio cellulare in tasca, a contatto con la zona genitale.
Ma quali sarebbero le cause di questi deficit?

Due sono le ipotesi principali:

  • il disturbo delle onde elettromagnetiche potrebbe alterare la composizione del DNA
  • l’aumento di temperatura nelle zone genitali ostacolerebbe la regolare produzione di sperma

Ovviamente questi studi sono stati condotti analizzando un’esposizione molto prolungata nel tempo. Niente allarmismi, quindi, ma più attenzione forse sì.

Cos’è e cosa ci rivela lo spermiogramma?

Lo spermiogramma è l'analisi del liquido seminale, utile a valutare la qualità degli spermatozoi, attraverso la verifica della forma, del numero e della motilità di questi.

Ad oggi lo spermiogramma rappresenta lo strumento principale per la valutazione della fertilità maschile.

L’esame si esegue su un campione di liquido seminale ottenuto previa mastrurbazione,dopo 3-4 giorni di astinenza da rapporti sessuali.

Il seme va raccolto in un recipiente sterile di plastica o vetro. L’analisi del liquido seminale si effettua entro un’ora dalla raccolta del campione e senza perdita di materiale, in quanto la quasi totalità degli spermatozoi è emessa nella prima frazione dell’eiaculato.

Attraverso questo test è possibile conoscere:

  • La quantità e la viscosità del liquido seminale. Di media un uomo ad ogni eiaculazione rilascia circa 2-6mL di liquido seminale. Quantità inferiori a quelle appena riportate potrebbero non essere sufficienti a fecondare una cellula uovo.
  • Il liquido seminale dovrebbe essere denso e viscoso di colore bianco opaco e divenire più diluito dai  10 ai 15 minuti dopo l’eiaculazione. Uno sperma troppo denso o gelatinoso potrebbe rendere più difficoltosa la motilità degli spermatozoi e dunque ridurre le possibilità generative. La concentrazione dello sperma, anche nota come densità, rappresenta invece il numero di sparmatozoi presenti per millimetro di liquido seminale. Sono considerati valori nella norma quelli uguali o superiori a 15 milioni di spermatozoi per mL.
  • La Motilità degli spermatozoi. Questa rappresenta la percentuale di sperma in movimento in un campione. Tramite lo spermiogramma è possibile anche verificare il movimento che gli spermatozoi compiono. Un’ora dopo l’eiaculazione, almeno il 32% degli spermatozoi dovrebbe avere movimenti rettilinei, vivaci e progressivi.
  • La morfologia. Questo parametro analizza in particolare la grandezza, la forma e l’aspetto degli spermatozoi.  In un seme normale gli spermatozoi con normale morfologia devono superare il 30% del totale.
     

Argomenti: gravidanza Eiaculazione sperma spermatozoi fertilità
Missing | Pazienti.it
Rosolia

La rosolia è una malattia esantematica causata da un virus, noto come Rubivirus, appartenente alla famiglia dei Togaviridae. La rosolia si contrae per via aerea o tramite contatto diretto con...

Sindrome_delle_gambe_senza_riposo | Pazienti.it
Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è una condizione in cui le gambe provocano disagio, di solito la sera, mentre si sta seduti o sdraiati. Il paziente affetto percepisce il...

Missing | Pazienti.it
Sindrome fetale alcolica

La sindrome alcolica fetale è una malattia che colpisce il feto ed è in grado di causare difetti alla nascita, danni cerebrali, una crescita ridotta e anomalie della testa e...

Sintomi_e_cure_della_sciatalgia | Pazienti.it
Sintomi e cure della sciatalgia

La sciatalgia si manifesta con un intenso dolore che parte dal basso della schiena e raggiunge la gamba in alcuni casi fino al piede. I sintomi dolorosi della sciatalgia sono...

Stitichezza | Pazienti.it
Stitichezza

La stitichezza è una condizione molto comune che colpisce le persone di ogni età. Può causare difficoltà nell’espellere le feci, eccessivo sforzo o l’impossibilità di svuotare completamente l'intestino. La stitichezza...

Colestasi_gravidica | Pazienti.it
Colestasi gravidica

La gravidanza può presentare alcune complicazioni piuttosto rare, una di queste è la colestasi gravidica, che è causata dalla presenza di bile nella circolazione sanguigna.

Ovaia | Pazienti.it
Ovaia

L'ovaia è un elemento perlaceo, di colore bianco e situato lungo la parete laterale del bacino in una regione chiamata fossa ovarica . La fossa di solito si trova sotto...

Missing | Pazienti.it
Il parto

Il parto è il culmine di una gravidanza, ovvero il periodo con l'espulsione di uno o più neonati lattanti da una donna.

Nausea | Pazienti.it
Nausea

La nausea è la sensazione di vomito e può essere acuta, di breve durata o prolungata. La nausea può avere cause fisiche o psicologiche.

Vasi_previi | Pazienti.it
Vasi previi

Una delle complicazioni meno comuni in gravidanza è rappresentata dai vasi previi, che si presentano quando uno o più vasi sanguigni placentari o del cordone del bambino attraversano il canale...