Esercizi per la spalla congelata: quali sono e come eseguirli

Emanuela Spotorno | Editor

Ultimo aggiornamento – 07 Maggio, 2024

ragazza dal dottore con spalla dolorante

La spalla congelata, nota anche come capsulite adesiva, è una condizione dolorosa che può limitare notevolmente la mobilità e il benessere dell'articolazione della spalla.

Gli esercizi adeguati possono svolgere un ruolo fondamentale nel migliorare la flessibilità e ridurre il dolore associato a questa condizione.

Esercizi per spalla bloccata: i più efficaci

Per migliorare la mobilità e ridurre il dolore associato alla capsulite adesiva della spalla, possono essere eseguiti una serie di esercizi per spalla congelata mirati.

Gli esercizi di stretching sono fondamentali per aumentare la flessibilità dell’articolazione; tuttavia, ricordiamo che è fondamentale consultare un professionista sanitario prima di iniziare qualsiasi programma di esercizi per garantire la sicurezza e l'efficacia del trattamento.

Stretching del tendine deltoideo

Lo stretching del tendine deltoideo è un esercizio importante per migliorare la flessibilità della spalla, particolarmente utile nel trattamento della capsulite adesiva.

Per eseguire questo stretching, è necessario posizionarsi in piedi o seduti con la schiena dritta. Con la mano del braccio non affetto da capsulite si afferra il braccio interessato leggermente al di sopra del gomito, portandolo davanti al busto e si esercita una dolce e continua pressione sul braccio interessato per avvicinare gradualmente il gomito alla spalla.

È importante mantenere una pressione costante e controllata, evitando movimenti bruschi che potrebbero aumentare il dolore. 

La posizione viene mantenuta per almeno 15-30 secondi, respirando profondamente per favorire il rilassamento muscolare. Si ripete l'esercizio per diverse volte, cercando di aumentare gradualmente l'intensità dello stretching senza provocare dolore eccessivo.

Stretching-tendine-deltoideo

Lo stretching del tendine deltoideo può contribuire a migliorare la mobilità della spalla e ridurre la tensione muscolare, fornendo sollievo nei casi di capsulite adesiva.

Stretching del muscolo sovraspinoso

Lo stretching del muscolo sovraspinoso è un esercizio utile per migliorare la flessibilità e la mobilità della spalla, particolarmente benefico per chi soffre di capsulite adesiva.

Per eseguire questo stretching, è consigliabile posizionarsi in piedi o seduti con la schiena dritta. Con il braccio affetto rilassato lungo il fianco, si solleva lentamente il braccio non interessato sopra la testa, piegando leggermente il gomito.

Utilizzando la mano opposta, si applica una leggera pressione verso il basso sul gomito piegato, esercitando un delicato allungamento sul muscolo sovraspinoso.

È importante mantenere una pressione costante e controllata, evitando di forzare eccessivamente il movimento.

Si tiene la posizione per almeno 15-30 secondi, respirando profondamente per favorire il rilassamento muscolare. Si ripete l'esercizio più volte, cercando gradualmente di aumentare l'intensità dello stretching senza causare dolore.

Lo stretching del muscolo sovraspinoso può contribuire a ridurre la rigidità e la tensione muscolare nella spalla, favorendo una maggiore mobilità articolare e fornendo sollievo nei casi di capsulite adesiva.

La spalla congelata: cos’è e quali sono i sintomi

La spalla congelata è caratterizzata da rigidità articolare e dolore che possono peggiorare nel tempo. Le cause di questa problematica possono essere diverse e associate a infiammazioni, cicatrici o ispessimento del tessuto che circonda l'articolazione della spalla stessa.

Tuttavia, alcuni fattori rendono alcune persone più a rischio di altre, scopriamo quali:

  • genere: le donne sono generalmente più soggette a questo tipo di disturbo;
  • età: la spalla congelata colpisce più comunemente persone di età compresa tra i 40 e i 60 anni. Sebbene possa verificarsi a qualsiasi età, il rischio aumenta con l'avanzare degli anni;
  • traumi o interventi chirurgici alla spalla: infortuni precedenti alla spalla o interventi chirurgici possono aumentare il rischio di sviluppare la spalla congelata;
  • patologie pregresse: fattori come l'insufficienza cardiaca, l'ictus e l'artrite possono influenzare la circolazione sanguigna e la salute dei tessuti, aumentando il rischio di sviluppare la spalla congelata.

I sintomi della spalla congelata includono:

  • dolore alla spalla e nella parte superiore del braccio;
  • difficoltà a muovere l'articolazione della spalla;
  • dolore alle braccia;
  • rigidità articolare;
  • perdita parziale o totale di mobilità nell'articolazione.

Questi sintomi possono peggiorare nel corso del tempo e possono avere un impatto significativo sulla qualità della vita e sulla capacità di svolgere le normali attività quotidiane.

Il trattamento della spalla congelata può includere terapia fisica, esercizi di stretching e di rinforzo muscolare, farmaci per il dolore e l'infiammazione, iniezioni di corticosteroidi nell'articolazione della spalla e, in casi gravi o persistenti, interventi chirurgici per migliorare la mobilità articolare.

Tuttavia, il trattamento varia a seconda della gravità dei sintomi e delle esigenze individuali del paziente.


Potrebbe interessarti anche:


Capsulite adesiva della spalla: quali gli esercizi?

Dopo aver visto alcuni esercizi di stretching utili per la spalla congelata, scopriamo insieme altri esercizi che vanno a migliorare la mobilità della spalla.

Esercizi con movimento a pendolo

Gli esercizi di movimento a pendolo rappresentano una componente importante della terapia fisica per la capsulite adesiva della spalla.

Questi esercizi mirano a rompere l'adesione della capsula articolare e a migliorare la mobilità dell'articolazione della spalla. Per eseguire il movimento a pendolo, il paziente si posiziona in piedi o seduto con il busto inclinato in avanti, mantenendo il braccio affetto pendente verso il basso.

Con l'aiuto della forza di gravità, si lascia oscillare dolcemente il braccio affetto avanti e indietro, da un lato all'altro e in cerchio. È importante eseguire questi movimenti in modo lento e controllato, evitando movimenti bruschi che potrebbero causare dolore.

Il movimento a pendolo può essere eseguito per diversi minuti, cercando di aumentare gradualmente l'ampiezza del movimento man mano che la mobilità della spalla migliora.

Questi esercizi possono favorire il distacco delle aderenze all'interno della capsula articolare e migliorare la capacità di movimento della spalla.

Sollevamenti laterali con resistenza leggera

I sollevamenti laterali con resistenza leggera rappresentano un esercizio efficace per rafforzare i muscoli deltoidi e migliorare la stabilità dell'articolazione della spalla.

Per eseguire questo esercizio, il paziente si posiziona in piedi con le braccia lungo i fianchi, impugnando pesi leggeri o una banda elastica con le mani.

Lentamente, solleva i pesi lateralmente fino a quando i bracci sono paralleli al pavimento, mantenendo i gomiti leggermente flessi. Poi, gradualmente, ritorna lentamente alla posizione di partenza. È importante eseguire il movimento in modo controllato, evitando di sollevare i pesi troppo in alto o di compiere movimenti bruschi che potrebbero causare lesioni.

Sollevamenti-laterali

Questo esercizio può essere ripetuto per diverse serie, cercando di aumentare gradualmente il numero di ripetizioni o la resistenza utilizzata per migliorare la forza muscolare nel tempo.

Sollevamento di pesi verso il soffitto

Il sollevamento di pesi verso il soffitto è un esercizio che mira a coinvolgere i muscoli deltoidi, trapezio e tricipiti, contribuendo a migliorare la forza e la stabilità della spalla.

Per eseguire questo esercizio, ci si posiziona in piedi, tenendo leggermente distanziati i piedi e si tiene un manubrio con entrambe le mani, con i gomiti leggermente flessi. Poi, si solleva lentamente il peso sopra la testa, estendendo completamente le braccia verso il soffitto. Una volta raggiunta la massima elevazione, si abbassa lentamente il peso fino alla posizione di partenza.

È importante mantenere una postura stabile e controllata durante tutto il movimento, evitando di inarcare eccessivamente la schiena o di bloccare i gomiti.

Questo esercizio può essere ripetuto per diverse serie, con un adeguato peso e numero di ripetizioni per stimolare efficacemente la crescita muscolare e migliorare la forza nella zona della spalla.

Emanuela Spotorno | Editor
Scritto da Emanuela Spotorno | Editor

Amo da sempre i libri e la lettura e negli ultimi anni mi sono appassionata a tematiche legate al benessere, all'alimentazione e al mondo Pet. Finalmente su Pazienti.it posso scrivere di argomenti che mi coinvolgono ed appassionano.

a cura di Dr. Christian Raddato
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Contenuti correlati
uomo si tocca la mano mentre lavora al pc
Esercizi per formicolio alle mani: ecco 6 metodi da provare

Il formicolio alle mani può essere un fastidio quotidiano per molte persone. Scopriamo insieme sei esercizi efficaci per ridurre questo fastidioso sintomo.

tennista accusa dolore al gomito
Esercizi per epicondilite: quali sono e come eseguirli

L'epicondilite è una condizione dolorosa che colpisce il gomito. Una serie di esercizi efficaci può aiutare a ridurre il dolore, scopriamo insieme quali.

icon/chat