Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Esami
  4. Artrografia

Artrografia

Artrografia
Curatore scientifico
Dr. Lucia Burrai
Specialità del contenuto
Ortopedia e traumatologia Radiologia

Cos'è l'artrografia?

L'artrografia è uno studio radiografico delle articolazioni dopo aver introdotto nella cavità articolare un mezzo di contrasto radiopaco o radiotrasparente o radiopaco e radiotrasparente associati (metodo del doppio contrasto).

Come viene eseguita l’artrografia diretta?

L’artrografia diretta usa una speciale forma di raggi X chiamata fluoroscopia, accompagnata dall'iniezione del mezzo di contrasto di iodio direttamente nell'articolazione. In alcuni casi, gli ultrasuoni possono essere usati per guidare la procedura.

La fluoroscopia consente di vedere le ossa, le articolazioni e gli organi interni in movimento.

Utilizza un fascio di raggi X continuo o pulsato per creare una sequenza di immagini che vengono proiettate su uno schermo fluorescente o un monitor simile ad una televisione. Quando viene utilizzato un liquido di contrasto, questa tecnica consente al medico di visualizzare articolazioni o organi interni. 

Quali sono gli usi comuni della procedura?

Le immagini che si mostrano con l’artrografia aiutano i medici a valutare le alterazioni nella struttura e la funzione di un'articolazione e contribuiscono a determinare la possibile necessità di un trattamento o di altri esami, tra cui l'artroscopia, la chirurgia a cielo aperto o la sostituzione articolare.

La procedura è più spesso utilizzata per identificare anomalie alle articolazioni.

Come prepararsi all’esame?

Nessuna preparazione speciale è necessaria prima di un’artrografia diretta. Il cibo e l'assunzione di liquidi non hanno bisogno di essere limitati, a meno che non sia prevista la somministrazione di un sedativo.

Cosa aspettarsi da un'artrografia?

Questo esame di solito è fatto in un ambulatorio medico.

Il paziente viene posizionato sul lettino. Alle volte, vengono eseguiti anche dei raggi X dell'articolazione prima di iniziare la procedura, per aiutare a guidare l'iniezione e anche per fornire un esame basale da confrontare successivamente con le immagini dell’artrografia.

Usando un piccolo ago, il medico inietta l'anestetico locale nella zona da esaminare. Dopo che l'anestetico locale ha cominciato a fare effetto, un ago più lungo viene inserito nell'articolazione. Il radiologo spesso utilizza gli ultrasuoni per guidare l'ago nella posizione corretta.

Questo tipo di esame dura di solito circa 30 minuti. 

Quali sono i benefici e quali sono i rischi dell’artrografia?

L’artrografia diretta è particolarmente efficace per individuare la malattia delle strutture all'interno delle articolazioni, come i legamenti, i tendini e le cartilagini. Risulta particolarmente utile per la lussazione della spalla o dell'anca, polso e gomito.

In qualsiasi procedura in cui si penetra la pelle, c’è sempre un piccolo rischio di infezione. Vi è anche la possibilità di ferire un nervo adiacente all'articolazione. Le lesioni a queste strutture, tuttavia, sono rare, soprattuto quando la procedura viene eseguita sotto guida ecografica.

Quali sono i limiti dell’artrografia?

L’artrografia non è efficace nei seguenti casi:

  • le rotture parziali della cuffia dei rotatori che non possono essere rilevate con l’artrografia diretta convenzionale;
  • i difetti della cartilagine che si trovano all'interno e lungo i bordi di alcune articolazioni e lesioni.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Elettromiografia
L’elettromiografia, detta anche EMG, è una procedura diagnostica come possono esserlo la colonscopia , la gastroscopia, l’endoscopia e la...
Esame baropodometrico statico
I dati forniti dall'esame baropodometrico statico hanno una notevole precisione, sono istantanei e assolutamente ripetibili, consentendo ...
MOC (mineralometria ossea computerizzata)
In Italia, secondo recenti stime, circa 3,5 milioni di donne ed 1 milione di uomini sono oggi affetti da osteoporosi. Si tratta di numeri...