Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Coma Mixedematoso

Coma mixedematoso

Coma mixedematoso
Curatore scientifico
Dr.ssa Francesca Spasaro
Specialità del contenuto
Endocrinologia

Che cos’è il coma mixedematoso?

Il coma mixedematoso è una perdita delle funzioni cerebrali a causa di un grave e di lunga durata calo di ormone tiroideo nel sangue (ipotiroidismo). Il coma mixedematoso è considerata una complicazione pericolosa dell ipotiroidismo e rappresenta la parte di gran lunga più grave dello spettro delle malattie della tiroide.

Chi è affetto da coma mixedematoso?

Il coma mixedematoso non è comune, ma tende ad essere visto più frequentemente in pazienti anziani e nelle donne. Vi è una maggiore incidenza nei mesi invernali, che è probabilmente secondario agli estremi di temperatura. Il coma mixedematoso può effettivamente portare alla morte. Fortunatamente, la malattia è rara.

Quali sono i sintomi di ipotiroidismo?

Prima che un paziente sviluppi il coma mixedematoso, le caratteristiche di ipotiroidismo sono solitamente presenti e potrebbero essere state insospettate per un lungo periodo di tempo.

Questi sintomi includono:

  • affaticamento
  • letargia
  • compromissione mentale
  • depressione
  • intolleranza al freddo
  • raucedine
  • pelle secca
  • aumento di peso
  • variazioni dei cicli mestruali
  • costipazione
  • mal di testa

Quali sono le cause del coma mixedematoso?

La maggior parte dei pazienti con coma mixedematoso hanno una storia di ipotiroidismo, chirurgia della tiroide, o il trattamento con iodio radioattivo per la malattia della tiroide. Molto raramente, il problema non è causato dalla incapacità della ghiandola tiroide a produrre l’ormone tiroideo, ma è causata dal fallimento della ghiandola pituitaria o dell'ipotalamo che non segnala correttamente alla tiroide di svolgere le sue normali funzioni. In questa situazione, la ghiandola tiroidea è normale, ma non riceve i segnali dalla ghiandola pituitaria o dell'ipotalamo per produrre l'ormone tiroideo. 

Quali sono i fattori scatenanti del coma mixedematoso?

Alcuni fattori possono scatenare improvvisamente coma mixedematoso in una persona con ipotiroidismo non controllato. Questi includono:

  • farmaci
  • infezioni 
  • ictus
  • trauma
  • insufficienza cardiaca
  • sanguinamento gastrointestinale
  • ipotermia 

Quali sono i sintomi del coma mixedematoso?

Quando un paziente si presenta con coma mixedematoso possono essere presenti:

Ipotermia, allucinazioni, disorientamento, convulsioni, e, in definitiva, coma profondo; notevole gonfiore (edema) su tutto il corpo con gli occhi gonfi e ispessimento della lingua, radi, capelli secchi e perdita dei terzi esterni delle sopracciglia; difficoltà di respirazione; raccolte di liquido intorno ai polmoni e il cuore (versamento pleurico e versamento pericardico); il cuore può rallentare e la sua capacità di pompare il sangue in avanti può essere compromessa.

Come viene diagnosticato il coma mixedematoso?

La valutazione di laboratorio iniziale comprende solitamente un test per la funzione tiroidea (TSH, T3 e T4). Altri esami del sangue, così come esaminare le funzioni di cuore e polmone, possono essere necessari. 

Qual è il trattamento per il coma mixedematoso?

Il trattamento può includere assistere il paziente a respirare e riscaldarlo per aumentare la temperatura corporea normale. Spesso, gli antibiotici vengono somministrati finché non è certo che un'infezione non sia presente.

Il metodo di sostituzione dell’ormone tiroideo in pazienti con coma mixedematoso è controverso. In generale, la sostituzione iniziale è fatta per iniezione endovenosa, poiché il sistema intestinale non può assorbirlo correttamente.

Mentre l’ipotiroidismo comune senza coma mixedematoso è di solito trattato con sostituzione T4 (l'ormone prodotto in grande quantità dalla tiroide), nel caso di coma mixedematoso, la gestione è diversa. La tiroide produce anche una piccola quantità di un altro ormone, T3. Questo è il più metabolicamente attivo dei due ormoni. In pazienti che non hanno coma mixedematoso, il T4 è convertita in T3 nel sangue. Tuttavia, i pazienti con coma mixedematoso sono spesso così malati che questa conversione è compromessa. Come risultato, molti medici scelgono di trattare questi pazienti con T3 inizialmente e poi anche con T4. Poiché la terapia T4 può richiedere un mese circa prima di funzionare, di solito c'è una sovrapposizione di questi due ormoni. La cura è presa per evitare anomalie del ritmo cardiaco (aritmie) e stress sul cuore, che può essere causato anche dalla sostituzione dell’ormone tiroideo avvenuta troppo in fretta, in particolare nei pazienti anziani.

Mentre lievi disturbi della tiroide possono essere gestiti da medici di base, il coma mixedematoso è generalmente gestito da uno specialista della tiroide (endocrinologo) perché il trattamento può essere complicato e critico. 

Come si può prevenire il coma mixedematoso?

Il modo ideale per gestire questa condizione è di evitare che si verifichi, in primo luogo. Un individuo con ipotiroidismo dovrebbe andare a visita dal proprio medico regolarmente per il follow-up ed effettuare analisi del sangue per essere certi che la dose sostitutiva è appropriato. 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Linfoadenopatia
L’ingrossamento dei linfonodi non sempre è da attribuirsi a cause patologiche, ma la sua persistenza lo rende un fenomeno da indagare, po...
Sindrome metabolica
La sindrome metabolica è la presenza di diverse alterazioni del metabolismo che si manifestano contemporaneamente e predispongono al risc...
Tricodinia
La tricodinia è un fastidio che riguarda il cuoio capelluto e che si manifesta con prurito e dolore.