Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Epatite Antigene Australia

Epatite e antigene Australia

Curatore scientifico
Dr. Ludovico Tallarico
Specialità del contenuto
Epatologia

Che cosa è l'antigene Australia?

Il cosiddetto “antigene Australia” è un antigene individuato nel siero dei pazienti affetti da epatite cronica ed acuta e può essere effettivamente considerato una forma di virus.

Questo antigene è molto comune nelle zone tropicali e le persone di queste zone affetti dall'antigene sembrano essere portatori del virus dell'epatite.

Come viene rilevato l'antigene Australia?

Per rilevare l'antigene viene  effettuata la prova di immunodiffusione su gel di agar (metodo di Ouchterlony).

Gli individui con l'antigene sono segnalati come Au(1), quelli senza antigene come Au(0).

Perché si chiama antigene Australia?

L'antigene è stato denominato “antigene Australia” perché è stato identificato per la prima volta negli aborigeni australiani.

L'antigene Australia è ereditario?

Studi su nuclei familiari, riguardanti 1797 individui diversi residenti sull'isola di Bouganville, sono risultati coerenti con l'ipotesi che la predisposizione all'infezione cronica dell'antigene sia controllata da un gene autosomico recessivo (Au1).

Questo confermerebbe le conclusioni cui sono giunti  studi similari (ma meno estesi) sull'isola di Cebu.

I soggetti che hanno ereditato questa predisposizione normalmente non presentano manifestazioni palesi di epatite.

L'analisi sintomi è stata utilizzata per determinare la famiglia di raggruppamento. L'analisi di segregazione è stata eseguita mediante il metodo di C. A. B. Smith.

  • Nell'accoppiamento 41 Au(0) X Au(0) si prevedevano nella prole 53,8 recessivi e ne son stati osservati 56 (0.7 > p > 0.5).
  • Nell'accoppiamento Au(1) X Au(0), si prevedevano  nella prole 40.1 recessivi e ne sono stati osservati 42 (0.7 > p > 0.5).
  • L'accoppiamento Au(0) X Au(0) è stato analizzato mediante il metodo di Li e Mantel, in cui la teoria genetica prevede un rapporto recessivo di 0.25. I valori rilevati sono stati 0,2527 per lo studio di Bougainville e 0,2461 per lo studio di Cebu.

C'è un fattore controllato da un singolo gene che impedisce che i topi vengano infettati da virus affini inclusa la febbre gialla, la febbre del Nilo occidentale, encefalite giapponese B e altri, ma non previene l'infezione da parte di altri virus.

Esistono evidenze di una predisposizione ereditaria a diverse neoplasie indotte da virus negli animali. Tra questi ricordiamo:

  • il  polyomavirus nei topi, ove due o tre geni indipendenti possono essere coinvolti nella determinazione della resistenza;
  • il tumore mammario nei topi;
  • leucemia nei topi, dove il fattore ereditario sembra essere legato al locus di istocompatibilità;
  • il sarcoma di Rous;
  • la leucosi nei polli e altri.

Negli esseri umani, invece, molte malattie ereditarie portano con sé una maggiore predisposizione alle infezioni; per esempio, i pazienti affetti da anemia falciforme ereditaria sono insolitamente sensibili alle infezioni da Salmonella, con osteomielite come complicazione frequente, mentre gli eterozigoti sembrano avere una maggiore resistenza alla malaria causata da Plasmodium falciparum.

Qual è il legame tra epatite e antigene Australia?

Le prime prove genetiche per la determinazione della presenza dell'antigene Australia hanno acquisito notevole interesse dal momento in cui si è scoperto che l'antigene ha anche le caratteristiche di un agente infettivo associato all'epatite.

A partire dal 1961 il siero dei pazienti sottoposti a trasfusione è stato sistematicamente esaminato per la presenza di isoanticorpi che reagiscono contro i costituenti del siero umano.

Con questo antisiero è stato scoperto il sistema Ag (caratteristica ereditaria antigenica presente nelle lipoproteine a bassa densità).

Gli antisieri possono essere anche prodotti immunizzando i conigli con il sangue di un paziente con l'antigene Australia per poi incorporarlo a sangue che non contiene l'antigene.

L'antigene è presente molto spesso nei casi di apatite acuta, ma il più delle volte è transitorio (è attivo per giorni o settimane).

L'associazione dell'epatite con l'antigene Australia è stata confermata in diversi studi, tra cui quelli di Okochi e Murakami.

L'antigene è presente anche in maniera cronica (per mesi o anni) in pazienti con la sindrome di Down, in tre forme di leucemia, e in molte persone apparentemente “sane” in molte aree dell'Asia e dell'Oceania così come nei Tropici. 

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Fango biliare
Il fango biliare può causare complicazioni più gravi, come una infiammazione del pancreas e far avvertire i sintomi della pancreatite (co...
Insufficienza epatica
L’insufficienza epatica è una malattia che causa un deterioramento delle funzioni del fegato. È importante diagnosticarla in tempo, nella...
Epatite E
Il virus dell'epatite E (HEV) è una delle cause più comuni di epatite in tutto il mondo.