Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Ernia Dorsale

Ernia dorsale

Ernia dorsale
Curatore scientifico
Dr. Carlo Valtulina
Specialità del contenuto
Neurochirurgia Ortopedia e traumatologia

Cos'è l'ernia dorsale?

Rispetto all'ernia cervicale e a quella lombare, l'ernia dorsale è meno diffusa e solo in rari casi necessita di un intervento. Questa patologia non va confusa con altre che possono provocare dolori muscolari o articolari, come l'artrite reumatoide, l'artrosi, l'infiammazione del nervo sciatico o la sciatalgia.

Ugualmente anche l'ernia cervicale, caratterizzata invece da una fuoriuscita di materiale dalle vetrebre del tratto cervicale, può essere consusa allo stadio iniziale con un banale torcicollo o con l'artrosi cervicale.

A differenza dell'ernia inguinale (localizzata a livello dell'inguine), l'eria dorsale (così come le altre ernie del disco) è localizzata nella schiena e riguarda una fuoriuscita di una piccola porzione di nucleo dai dischi della colonna vertrebrale.

Quali sono i sintomi dell'ernia dorsale?

L'arnia dorsale è in molti casi asintomatica (fino al 40% dei pazienti non lamenta alcun sintomo specifico). Questo la differenzia da altri tipi di ernie del disco, caraterizzate da un intenso mal di schiena. Quando si menifestano invece sintomi, essi possono includere:

  • dolore toracico laterale (cosiddetto “a cintura”);
  • difficoltà di movimento o intorpidimento degli arti inferiori;
  • rigidità degli arti inferiori
  • paraparesi più o meno grave
  • sindrome della cauda con disturbi sfinterici

Il dolore localizzato nella parte bassa o laterale della schiena può talvolta fare pensare a una lombalgia o lombosciatalgia.

Come è diagnosticata l'ernia dorsale?

La diagnosi di ernia dorsale si basa su un primo esame della storia clinica del paziente e una successiva valutazione medica. Per conferma vengono poi eseguite in genere TAC e risonanza magnetica

Questo tipo di diagnostica per immagini può aiutare lo specialista a indivuduare con certezza le cause del disturbo, distinguedole da altre patologie come lombosciatalgia o scoliosi.

Può inoltre essere richiesto un esame elettromiografico per valutre la sofferenza delle radici e dei tratti nervosi.

Oltre alla elettromiografia anche gli esami PEM e PESS (potenziali evocati motori e somato sensitivi) sono utili per capire se vi siano disturbi del midollo spinale.

Come viene trattata ernia dorsale?

Quando i sintomi sono particolarmente intensi il trattameto di elezione per l'ernia dorsale è di tipo chirurgico. L'intervento è però più difficile per questo tipo di ernia rispetto alle altre. Generalmente viene eseguito con tecniche miochirurgiche per limitare i rischi connessi alla suscettibilità del midollo spinale in questa zona. Le tenchine alternative usate possono essere quella endoscopica o trantoracica.

Quando invece i sintomi non necessitano di un intervento in tempi brevi, è possibile rivolgeri a un fisioterapista o un osteopata, per effettuare ginnastica posturale o una riabilitazione per la colonna vetrebrale.

L'intervento è più pericoloso rispetto a quello a livello lombare in quanto il midollo spinale è molto vicino e si rischia la contusione del midollo stesso.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Olistesi
L'olistesi è una malattia che riguarda principalmente le vertebre lombari della colonna vertebrale.
Sindrome compartimentale
La sindrome compartimentale è una dolorosa condizione che avviene quando la pressione intramuscolare raggiunge livelli pericolosi.
Mal di schiena
Il mal di schiena è una condizione comune che colpisce molte persone.