Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Ipofosfatemi

Ipofosfatemia

Ipofosfatemia
Curatore scientifico
Dr.ssa Chiara Tuccilli
Specialità del contenuto
Ematologia Endocrinologia

Che cos'è l'ipofosfatemia?

L'ipofosfatemia è un disturbo elettrolitico caratterizzato da un basso livello di fosfato nel sangue. I livelli di riferimento sono:

  • adulti: 0,7-1,4 mmol/l (2,2-4,3 mg/dl)
  • bambini: 1,3-2,3 mmol/l (4,0-7,0 mg/dl)
  • neonati: fino a 2,8 mmol/l (fino a 8,6 mg/dl).

Quali sono le cause dell'ipofosfatemia?

Le cause più comuni dell'ipofosfatemia sono:

  • sindrome da rialimentazione
  • iperparatiroidismo
  • deficit di vitamina D
  • alcalosi respiratoria
  • abuso di alcol
  • malassorbimento del fosfato
  • sindrome di Fanconi
  • acidosi tubulare renale
  • diabete mellito
  • iperalimentazione
Cause più rare possono essere:

  • linfomi o leucemia
  • cause ereditarie
  • insufficienza epatica
  • osteomalacia tumore-indotta

Quali sono i sintomi dell'ipofosfatemia?

I sintomi caratteristici dell'ipofosfatemia includono:

  • disfunzione muscolare
  • debolezza
  • irritabilità
  • confusione
  • delirio
  • coma

Come si diagnostica l'ipofosfatemia?

L'ipofosfatemia può essere diagnosticata mediante la misura del livello di fosfati nel sangue.

Quali sono i trattamenti per l'ipofosfatemia?

Il trattamento per l'ipofosfatemia si basa sulla somministrazione di fosfati per via endovenosa (nei casi gravi) od orale (nei casi moderati).

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Tricodinia
La tricodinia è un fastidio che riguarda il cuoio capelluto e che si manifesta con prurito e dolore.
Micoplasma
I micoplasmi sono le più piccole forme batteriche in grado di vita autonoma. Sono batteri ubiquitari che vivono sia come saprofiti sia co...
Monocitosi
 Con il termine monocitosi si intende una elevata concentrazione dei monociti nel sangue.