Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Marische Anali

Marische anali

Curatore scientifico
Dr. Silvestro Lucchese
Specialità del contenuto
Proctologia

Cosa sono le marische anali?

Le marische anali sono piccoli ispessimenti cutanei situati sul bordo anale. Compaiono spesso a seguito di minimi eventi traumatici, gli adulti ne sono più soggetti dei bambini.

La loro presenza, in genere, non indica alcuna particolare patologia

Tipologia

Esistono due tipi di marische anali:

  • idiopatiche: non associate ad alcuna causa specifica
  • secondarie: associate a tromboflebiti emorroidarie oppure a ragade anale, possono anche essere la manifestazione esterna di emorroidi.

Sintomi: quali sono le marische anali?

Nella maggior parte dei soggetti la comparsa di marische anali non è collegata con sintomi rilevanti.

Tuttavia, ecco quali sono altrimenti i sintomi più comuni:

  • prurito anale
  • irritazione cutanea
  • lieve dolore
  • sensazione di fastidio e disagio

Come si diagnosticano?

La diagnosi è effettuata tramite un’osservazione obiettiva della regione anale, svolta nel corso di una visita proctologica completa. Questo tipo di indagine è indispensabile per ricercare eventuali patologie anali associate.

Trattamento: marische anali

Le marische idiopatiche di solito non necessitano di alcun trattamento specifico.

In qualche caso, viene consigliato l’uso di pomate a base di nitroglicerina per rilassare l’epidermide e la muscolatura periferica.

Quando una marisca diventa voluminosa e provoca quindi fastidio al paziente, è possibile rimuoverla con un semplice intervento in anestesia locale che provvede alla bruciatura della pelle in eccesso.

Per le marische secondarie bisogna trattare le cause eziologiche che ne provocano la comparsa.


In ognuno dei due casi, comunque, è consigliabile seguire un’attenta pulizia igienica locale.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Carcinosi peritoneale
Le neoplasie peritoneali possono provenire dai tessuti peritoneali (primario) o invadere e metastatizzarsi nel peritoneo, dagli organi ad...
Adenoma tubulare
L'adenoma tubulare, noto anche col nome di displasia tubulare del colon, è un polipo dell'intestino, o meglio della sua parte terminale. 
Trombosi emorroidaria
La trombosi si può gonfiare, aggravando così il prolasso dell’emorroide, portando un forte dolore.