Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Trombosi Emorroidaria

Trombosi emorroidaria

Trombosi emorroidaria
Curatore scientifico
Dr. Enrico Tempèra
Specialità del contenuto
Proctologia

Che cos’è una trombosi emorroidaria

Una trombosi emorroidaria si verifica quando è presente un coagulo solido e doloroso, di colore bluastro, localizzato sotto la pelle intorno all’ano, all’interno di un’emorroide. La trombosi si può gonfiare, aggravando così il prolasso dell’emorroide, portando un forte dolore.

Ci potrebbero essere stati dei trombi precedenti o altri sintomi delle emorroidi come:

  • dolore;
  • sanguinamento;
  • gonfiore;
  • prurito
Il coagulo può variare in dimensioni, e potrebbe occupare solo una parte o quasi tutto il lato.

Sintomi di trombosi emorroidaria

Una trombosi emorroidi è di solito identificabile come un piccolo nodulo sulla parte esterna dell'ano, di solito di colore bluastro scuro a causa del coagulo all'interno del vaso sanguigno. Un'emorroide normale, se è visibile all'esterno, sembrerà una massa gommosa e non avrà la colorazione blu scuro.

I sintomi delle trombosi emorroidarie includono:

  • Dolore quando si sta seduti, quando si cammina o si defeca
  • Sanguinamento durante la defecazione
  • Prurito anale
  • Gonfiore perianale.
Il dolore sarà particolarmente intenso al suo peggio per le prime 24-48 ore. Dopodiché, il coagulo di sangue sarà lentamente riassorbito e ciò comporterà una riduzione del dolore.

Se i farmaci da banco per le emorroidi topiche non alleviano il dolore, questo è un segno di emorroidi trombotiche. Questo perché il dolore è il risultato di pressione e gonfiore all'interno del tessuto, non sulla superficie.

La presenza di febbre con emorroidi trombotiche può dipendere da una infezione di un ascesso perianale. In questi casi si dovrebbe cercare un trattamento medico se si sospetta un ascesso perianale, in quanto dovrebbe essere drenato rapidamente per evitare complicazioni.

Non date mai per scontato l'emorragia rettale, potrebbe infatti trattarsi di un segno di un grave problema di salute, tra cui il cancro anale o cancro colonrettale. Assicuratevi di vedere il vostro medico se soffrite di sanguinamento rettale.

Cause di trombosi emorroidaria

La causa di trombosi emorroidaria è data dall'aumento della pressione sulle vene rettali, che a sua volta dipende da:

  • eccessivo sforzo durante la defecazione, soprattutto se si parte da una condizione di costipazione;
  • diarrea;
  • movimenti intestinali irregolari;
  • gravidanza, durante la quale il feto preme sulle vene rettali sulle vene oppure durante il parto, per via dello sforzo anale prolungato;
  • ogni situazione che prevede il restare seduti per molto tempo, come un lungo viaggio in auto, treno o aereo.
I medici non sono ancora a conoscenza del perché alcune persone sviluppino coaguli di sangue all'interno delle loro emorroidi.

Diagnosi di trombosi emorroidaria

La diagnosi di trombosi emorroidaria è anzitutto visiva: la trombosi si presenta come una protuberanza dura e blu nella zona perianale, di solito molto gonfia. Una porzione della pelle al di sopra di essa potrebbe morire e portare al drenaggio del sangue più vecchio. Il dolore potrebbe inizialmente impedire la visita diagnostica.

In alcuni casi, per diagnosticare una trombosi emorroidaria deve essere eseguita un’anoscopia, insieme a un esame rettale più approfondito, per escludere altre condizioni e valutare la presenza di emorroidi interne allargate. 

Rischi della trombosi emorroidaria

I rischi della trombosi emorroidaria comprendono la costipazione, la diarrea, lo sforzo nell’evacuazione, stare in piedi o seduti per periodi prolungati, sollevare pesi o fare sforzi fisici, viaggi in aereo, protuberanze della pelle dell’ano e trombi pregressi.

L’aumento della pressione sulla pelvi può causare il rallentamento della circolazione intorno all’area anale e causare la formazione del trombo, il quale porta gonfiore e dolore, particolarmente nei primi due giorni.

Rimedi naturali contro la trombosi emorroidaria

Di solito i trombi più piccoli e meno dolorosi si risolvono autonomamente riposando; un efficace rimedio naturale per la trombosi emorroidaria consiste in bagni caldi, usando delle sostanze per ammorbidire le feci in modo da non sforzare eccessivamente lo sfintere e bevendo molti liquidi. 

Quanto dura una trombosi emorroidaria

Il trombo verrà sciolto dalle naturali difese dell’organismo in circa due settimane. Potrebbe rimanere un piccolo lembo di pelle e i  trombi più grossi potrebbero rompersi e sanguinare in maniera variabile.

Come si cura la trombosi emorroidaria

La cura della trombosi emorroidaria può prevedere il ricorso a degli analgesici topici quali la lidocaina, così come a medicinali antidolorifici. Talvolta i trombi più grossi richiedono un drenaggio chirurgico, svolto sotto anestesia locale.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Chiloperitoneo
Con il termine chiloperitoneo si è soliti indicare una condizione in cui il chilo, liquido proveniente dall'intestino, è presente all’int...
Carcinosi peritoneale
Le neoplasie peritoneali possono provenire dai tessuti peritoneali (primario) o invadere e metastatizzarsi nel peritoneo, dagli organi ad...
Adenoma tubulare
L'adenoma tubulare, noto anche col nome di displasia tubulare del colon, è un polipo dell'intestino, o meglio della sua parte terminale.