Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Carcinosi Peritoneale

Carcinosi peritoneale

Curatore scientifico
Dr. Giuseppe Gattulli
Specialità del contenuto
Oncologia Proctologia

Cos’è la carcinosi peritoneale?

I tumori peritoneali primari, alcuni dei quali sono implicati in molti casi di carcinomi di origine primaria sconosciuta, includono il cancro ovarico nelle donne che hanno subito un’ovariectomia bilaterale parecchi anni prima.

Altri tumori peritoneali primari includono:

  • Il mesotelioma maligno;
  • Il mesotelioma papillare benigno;
  • Piccoli tumori alle cellule desmoplastiche;
  • L’angiosarcoma peritoneale;
  • La leiomiomatosi disseminata;
  • L’emangiomatosi peritoneale.

Quali sono i segni e i sintomi di una carcinosi peritoneale?

La carcinosi peritoneale si manifesta, di solito, con una distensione addominale e un diffuso dolore addominale, non specifico. Questo tumore è frequente soprattutto tra le donne.

I pazienti affetti da mesotelioma peritoneale di solito manifestano i sintomi e i segni di una malattia avanzata, tra cui:

  • Dolore addominale;
  • Ascite;
  • Perdita di peso;
  • Massa addominale.

Qual è la diagnosi per la carcinosi peritoneale?

L’approfondimento delle lesioni peritoneali comprendono il lavaggio citologico peritoneale, che viene svolto in questi modi:

  • Lavaggio peritoneale eseguito utilizzando una tecnica percutanea o una laparoscopica o una laparotomia;
  • La sensibilità dei risultati del test dipende dalla capacità di lavare completamente tutte le regioni della cavità peritoneale e la capacità di rilevare le cellule tumorali che vengono versate nella cavità peritoneale del tumore.

In cosa consistono la laparoscopia e la laparotomia per una carcinosi peritoneale?

La visualizzazione diretta delle superfici peritoneali, insieme alla palpazione del contenuto addominale, è di gran lunga la modalità più sensibile per la rilevazione del cancro peritoneale.

La laparoscopia è minimamente invasiva e permette un lavaggio peritoneale sicuro e diretto.

Un’esplorazione addominale e una palpazione sono estremamente sensibili per i noduli peritoneali che vanno da 1 a 2 mm di grandezza.

Gli esami da fare per capire se si tratta di mesotelioma peritoneale sono i seguenti:

  • Esame citologico di ascite, che può suggerire la diagnosi;
  • Biopsia percutanea dell’omento.

L’ecografia e il TC elicoidale sono particolarmente insensibili nell’individuazione dei tumori peritoneali. I risultati dell’ecografia che possono suggerire la presenza di lesioni peritoneali sono i seguenti:

  • Ascite;
  • Fissaggio di anse intestinali;
  • Ispessimento del mesentere.

I risultati della scansione TC che suggeriscono il carcinoma papillare sieroso primario del peritoneo sono i seguenti:

  • Ascite;
  • Agglomerazione omentale;
  • Valorizzazione diffusa con ispessimento nodulare del peritoneo parietale del bacino;
  • Ovaie di dimensioni normali, con o senza una superficie nodulare.

I reperti della TC nei pazienti con mesoteliomi peritoneali maligni variano da masse peritoneali di base per ascite, ad ispessimento peritoneale irregolare o nodulare, o masse omentali. Si possono anche vedere le invasioni dirette degli organi addominali adiacenti.

Gli studi scintigrafici possono aiutare a confermare la diagnosi di emangiomi peritoneali; l’isotopo si concentra nella zona in cui sono raggruppate le piastrine. Una TAC ed un’ecografia possono anche rilevare emangiomi più grandi. La valutazione angiografica è una più precisa, anche se più invasiva, procedura, che può venir considerata quando le scansioni di radionuclidi, TAC e i risultati dell’ultrasuoni dovessero rivelarsi negativi.

Come si gestisce la carcinosi peritoneale?

La terapia multimodale attualmente è l’approccio terapeutico più comunemente accettato per il mesotelioma peritoneale. Ciò include l’utilizzo della combinazione dei seguenti elementi:

  • Citoriduzione chirurgica;
  • Chemioterapia intraperitoneale perioperatoria;
  • Ipertermia.

I farmaci chemioterapici riscaldati utilizzati durante l’intervento sono i seguenti:

  • Cisplatino;
  • Mitomicina;
  • Doxorubicina.

Per i pazienti con mesotelioma maligno non resecabile o ricorrente, la chemioterapia sistemica palliativa dovrebbe venir presa in considerazione. I regimi palliativi possono comprendere i seguenti:

  • Cisplatino più pemetrexed;
  • Cisplatino più paclitaxel o mitomicina, doxorubicina e irinotecan;
  • Instillazione intraperitoneale di oro colloidale radioattivo.

La carcinosi peritoneale è trattata anche da chemioterapia con fluoro uracile, doxorubicina e cisplatino. Gli approcci più recenti sono i seguenti:

  • Taxani, inibitori della topo isomerasi II, gemcitabina e vinorelbina, da soli o combinati;
  • Farmaci antiangiogenici adiuvanti come il bevacizumab e il erlotinib.

Che cure chirurgiche si possono intraprendere per la carcinosi peritoneale?

  • Trattamento del carcinoma peritoneale primario attraverso l’isterectomia totale addominale e annessiectomia bilaterale, se necessario, con asportazione di tumore e chemioterapia seguente;
  • Il trattamento del mesotelioma peritoneale è costituito principalmente dal palliativo chirurgico, la resezione chirurgica completa avviene raramente.
  • Il mesotelioma cistico benigno tende a ripresentarsi anche dopo averlo rimosso chirurgicamente; tuttavia, tra i casi registrati, nessun decesso è stato attribuibile a questo disturbo.
  • Nei pazienti con piccole cellule tumorali desmoplastiche, la combinazione tra intervento chirurgico aggressivo e chemioterapia sistemica con ciclofosfamide, doxorubicina, vincristina, intervallati da ifosfamide, etoposide e mesna sembra portare ad un buon miglioramento.
  • Trattamento della carcinosi peritoneale e degli emangiomi tramite rimozione chirurgica.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Teratomi
Il teratoma è un tumore embrionale diffuso, di solito, nelle ovaie e nei testicoli rispettivamente di donne e uomini. 
Tumore alle cellule di Sertoli-Leydig
Le cellule di Leydig, dette anche cellule endocrine interstiziali di Leydig, sono site nello stroma, tra i tubuli seminiferi dei testicol...
Tumore benigno
I tumori benigni rappresentano una forma tumorale (massa) generalmente non pericolosa. Alcune tipologie possono comunque trasformarsi in ...