Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Setto Nasale Deviato

Setto nasale deviato

Setto nasale deviato
Curatore scientifico
Dr. Francesco Asprea
Specialità del contenuto
Otorinolaringoiatria

Che cos’è il setto nasale deviato?

Il setto nasale deviato è una condizione in cui il setto nasale - l'osso e cartilagine che divide la cavità nasale del naso - è significativamente fuori centro, o storto, rendendo difficoltosa la respirazione. La maggior parte delle persone ha una sorta di squilibrio nella dimensione delle proprie vie respiratorie. In effetti, le stime indicano che l’80% delle persone, la maggior parte senza saperlo, ha una sorta di disallineamento del proprio setto nasale. Solo gli squilibri più gravi causano problemi respiratori significativi e richiedono un trattamento.

Quali sono le cause del setto nasale deviato?

Alcune persone nascono con il setto nasale deviato. Altre persone lo sviluppano dopo una lesione o un trauma al naso.

Quali sono i sintomi del setto nasale deviato?

Il sintomo più comune di un setto deviato è la congestione nasale, con un lato del naso più congestionato rispetto all'altro, e difficoltà di respirazione. Sinusiti ricorrenti o ripetute possono anche essere il segno di un setto nasale deviato. Altri sintomi includono:

  • frequenti sanguinamenti dal naso
  • dolore facciale
  • mal di testa
  • gocciolamento nasale
  • respirazione forte e russamento durante il sonno

Un setto deviato può anche causare apnea del sonno, una grave condizione in cui la persona smette di respirare durante il sonno.

Quali sono i trattamenti per il setto nasale deviato?

A volte i sintomi possono essere alleviati con i farmaci. Se la medicina da sola non offre un adeguato sollievo, una procedura chirurgica denominata settoplastica può essere necessaria per riparare un setto storto e migliorare la respirazione.

Come avviene la settoplastica?

Durante la settoplastica un chirurgo, lavorando attraverso l'interno del naso, fa una piccola incisione nel setto e quindi rimuove l'osso o la cartilagine in eccesso per il corretto respiro dalle narici.

A volte la rinoplastica, è combinata con la settoplastica per migliorare l'aspetto estetico del naso. Questa procedura si chiama settorinoplastica.

L’intervento chirurgico per riparare un setto deviato è di solito eseguito in anestesia locale o generale e può durare da un’ora a un’ora e mezza, a seconda della quantità di lavoro svolto. Si dovrebbe essere in grado di tornare a casa tre o quattro ore dopo l'intervento chirurgico.

Delle stecche interne o materiale morbido può essere inserito nel naso per stabilizzare il setto fino alla guarigione. Se la settoplastica è la sola procedura eseguita, ci dovrebbe essere poco o nessun gonfiore o livido dopo la chirurgia. Tuttavia, se viene eseguita una settorinoplastica, una o due settimane di gonfiore e bruciore sono normali dopo la procedura.

Se possibile, è meglio aspettare fino a dopo che il naso ha smesso di crescere, intorno all'età di 15 anni, per  avere un intervento chirurgico.

Quali sono i rischi della chirurgia per il setto nasale deviato?

Nessun intervento è completamente privo di rischi ed i benefici di un intervento chirurgico - in questo caso, l’essere in grado di respirare meglio - devono essere superiori ai rischi. La settoplastica e la settorinoplastica sono procedure comuni e sicure e la possibilità di avere un pericoloso effetto collaterale è rara. È bene parlare sempre con il proprio chirurgo prima di sottoporsi ad un intervento chirurgico.

Anche se rari, i rischi della settoplastica e / o della rinoplastica possono includere:

  • infezione emorragica
  • perforazione del setto
  • perdita dell’olfatto
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Mal di gola
Il mal di gola è comunemente associato al dolore nella deglutizione. Il mal di gola può essere causato da un'infiammazione della faringe,...
Disfagia
La disfagia è il termine medico per indicare la difficoltà di deglutizione.
Otite
L’otite è un’infiammazione, acuta o cronica, che interessa l’orecchio. Vi sono due forme principali: esterna o interna.