Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Blefaroptosi

Blefaroptosi

Blefaroptosi
Curatore scientifico
Dr. Domenico De Felice
Specialità del contenuto
Oculistica

Cosa è la blefaroptosi?

Quando una o tutte e due le palpebre superiori tendono ad abbassarsi, si parla di blefaroptosi o ptosi palpebrale. Esistono due tipi di blefaroptosi:

  • Blefaroptosi intermittente: quando si manifesta di tanto in tanto;
  • Blefaroptosi progressiva: quando peggiora nel tempo.

La patologia non dovrebbe comportare conseguenze fisiche gravi, tranne esteticamente. Se però la pelle che tende a scendere è di una certa entità, si potrebbero presentare dei difetti alla vista. In questi casi, per riuscire a vedere meglio, le persone affette da blefaroptosi devono inclinare la testa all’indietro, il che comporta una tendenza all’astigmatismo.

Nel caso in cui la blefaroptosi colpisca un solo occhio, l’asimmetria è molto evidente. Se invece colpisce ambedue le palpebre, allora sarà più facile imputarla al passare del tempo e quindi al cedimento della muscolatura.

Blefaroptosi congenita

La blefaroptosi congenita è presente alla nascita. Quando si sviluppa più tardi, si parla di blefaroptosi acquisita.

Quali sono le cause della blefaroptosi?

Le cause che provocano la blefaroptosi sono imputabili al cedimento della fascia muscolare destinata ad alzare le palpebre. I motivi possono essere i seguenti:

  • Aponeurotica: collegata allo scorrere del tempo. I muscoli diventano più deboli portando la pelle a cedere inesorabilmente. È lo stesso processo che provoca la formazione delle rughe. Entrambi gli occhi sono coinvolti.
  • Congenita: alla nascita la palpebra tende già a essere morbida. Solitamente colpisce solo un occhio, quindi si interviene chirurgicamente, anche per evitare possibili problemi di vista futuri.
  • Miogenica: in questo caso, di base ci potrebbe essere una malattia che interessa i muscoli della palpebra, come l’oftalmoplegia esterna progressiva, la distrofia muscolare oculofaringea.
  • Neurogenica: la blefaroptosi potrebbe essere causata dalle contrazioni muscoarli indebolite dalla scarsa trasmissione degli impulsi nervosi nella zona palpebrale. Questa condizione potrebbe essere causata da diabete, ictus, aneurisma cerebrale, tumore.
  • Miastenia gravis: malattia autoimmune che indebolisce i muscoli volontari.
  • Meccanica: il peso della palpebra risulta esagerato e i muscoli predisposti non sono in grado di reggerlo. Potrebbe venir provocata o da un tumore o da una ciste.
  • Traumatica: in base al trauma subito dall’occhio, la blefaroptosi può essere permanente o temporanea.
  • Problematiche mediche: cefalea, orzaiolo, diabete, calazio, malattie muscolari, ictus, malattie neurologiche. 

Quali sono i rimedi per la blefaroptosi?

In caso di blefaroptosi, si può ricorrere al trattamento chirurgico, volto a migliorare la visione e l'estetica dell'occhio.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Cispa
Le cispe si formano agli angoli esterni dell’occhio o lungo la linea delle ciglia, durante il sonno. Possono essere secche, con una consi...
Emorragia sottocongiuntivale
Un'emorragia sottocongiuntivale è un sintomo che riguarda l'occhio e che può avere più di una causa. Si tratta di un sintomo che non va t...
Edema maculare diabetico
L'edema maculare diabetico è una delle complicanze del diabete.