Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Terapie
  4. Coleocistectomia

Colecistectomia

Colecistectomia
Curatore scientifico
Dr. Francesco Ferrara
Specialità del contenuto
Chirurgia generale

Che cosa è la colecistectomia?

La colecistectomia è una procedura chirurgica per rimuovere la cistifellea, un organo a forma di pera che si trova appena sotto il fegato sul lato superiore destro dell'addome. La cistifellea raccoglie la bile, un liquido digestivo prodotto nel fegato. La colecistectomia può essere necessaria se si verificano dolori a causa di calcoli biliari che bloccano il flusso della bile. Quello della colecistectomia è un intervento comune a basso rischio di complicanze. Nella maggior parte dei casi, è possibile tornare a casa il giorno stesso dell'intervento. I medici chiamano:

  • colecistectomia laparoscopica: eseguita inserendo una piccola telecamera video e speciali strumenti chirurgici attraverso quattro piccole incisioni che permettano di vedere all'interno dell'addome e di rimuovere la colecisti;
  • colecistectomia aperta: quando può essere invece effettuata una grande incisione per rimuovere la cistifellea.

In quali casi è effettuata una colecistectomia?

La colecistectomia viene realizzata per trattare i calcoli biliari e le complicazioni che ne conseguono. Il medico può raccomandare una colecistectomia se si soffre di:

  • calcoli biliari nella colecisti (colelitiasi)
  • calcoli biliari nel coledoco (coledocolitiasi)
  • infiammazione della cistifellea (colecistite)
  • infiammazione del pancreas (pancreatite)

Come si effettua la colecistectomia video-laparoscopica?

La procedura avviene in anestesia generale. Durante la colecistectomia laparoscopica, il chirurgo realizza quattro piccole incisioni addominali. Attraverso una delle incisioni, viene inserito nell’addome un tubo con una sottile videocamera collegata ad un monitor nella sala operatoria. Con gli opportuni strumenti chirurgici, inseriti negli altri fori, la colecisti viene rimossa. L’intervento dura circa una o due ore. Può capitare che, nonostante sia stato preventivato un intervento video-laparoscopico, il chirurgo decida di effettuare un intervento a cielo aperto a causa di complicazioni o della presenza di tessuto cicatriziale da interventi precedenti.

Prima dell’intervento, il chirurgo può chiedere di:

  • bere una soluzione per ripulire l’intestino, nei giorni precedenti l’intervento;
  • digiunare la sera prima dell’intervento, soprattutto evitare di bere e mangiare nelle quattro ore precedenti;
  • interrompere alcune terapie farmacologiche o l’ingestione di supplementi dietetici, soprattutto quelli che aumentano il rischio di emorragia. Sarà il medico a decidere quali farmaci continuare a somministrare.

Cosa prevede una colecistectomia mini-invasiva?

Durante la colecistectomia laparoscopica, il chirurgo:

  • esegue quattro piccole incisioni nell'addome
  • inserisce un tubo con una minuscola videocamera che passa nell'addome
  • può così guardare l'intervento attraverso un monitor nella sala operatoria
  • inserisce speciali strumenti chirurgici attraverso le altre incisioni

Successivamente la cistifellea viene rimossa. In un secondo momento il paziente:

  • verrà sottoposto a colangiografia, speciali a raggi X per controllare le anomalie del dotto biliare
  • saranno chiuse le incisioni
  • verrà portato in una zona di recupero

L'intervento di colecistectomia laparoscopica richiede una o due ore. La colecistectomia laparoscopica non è appropriata per tutti.

Come si effettua la colecistectomia a cielo aperto?

La procedura avviene in anestesia generale. Viene realizzata un’incisione di circa 15 cm nell’addome, sotto le costole, sul lato destro. Cute e muscolo sono tirati indietro per esporre fegato e colecisti. Quest’ultima viene asportata, e i tessuti vengono suturati. L’intervento dura una o due ore. Anche per la colecistectomia a cielo aperto valgono le stesse norme pre-operatorie dell’intervento laparoscopico.

Quali sono i rischi della colecistectomia?

Generalmente non ci sono complicazioni dopo l’intervento alla colecisti. La maggior parte dei pazienti non sperimenta problemi digestivi, poiché la colecisti non è essenziale per la corretta digestione. Dopo la procedura, talvolta, le feci possono essere molli, ma il problema si risolve spontaneamente a distanza di qualche tempo dall’intervento. Ovviamente, è sempre opportuno riferire al medico qualsiasi cambiamento nelle abitudini intestinali, o nuovi sintomi dopo la procedura.

Trattandosi di una procedura chirurgica, in relazione allo stato di salute generale del paziente e al motivo per cui si sottopone all’intervento, è comunque possibile che vi siano dei rischi, quali:

  • perdita di bile;
  • emorragia;
  • coaguli di sangue;
  • problemi cardiaci;
  • infezioni;
  • danni alle strutture limitrofe, come dotto biliare, fegato, e piccolo intestino;
  • pancreatite;
  • polmonite.

Come ci si prepara ad una colecistectomia?

Per preparare la colecistectomia, il chirurgo può chiedere di:

  • bere una soluzione per ripulire l'intestino. Nei giorni prima della procedura potrebbe essere data una soluzione di prescrizione che elimina le feci dall'intestino
  • rimanere a digiuno la sera prima dell'intervento. Si può bere un sorso d'acqua con i farmaci, ma è necessario evitare di mangiare e di bere almeno quattro ore prima dell'intervento
  • interrompere l'assunzione di alcuni farmaci e integratori perché possono aumentare il rischio di emorragie
  • fare la doccia usando un sapone speciale. Il medico può dare un sapone antibatterico speciale da utilizzare prima dell'intervento chirurgico

Cosa prevede la colecistectomia tradizionale?

Durante la colecistectomia aperta il chirurgo:

  • fa una incisione da 6 pollici (15 centimetri) nell'addome sotto le costole sul lato destro
  • muscolo ed il tessuto vengono tirati indietro per rivelare la cistifellea
  • rimuove la colecisti
  • saturare l'incisione

La colecistectomia aperta dura una o due ore. Dopo l'intervento inizia la fase di recupero, esso varia a seconda della procedura:

  • Colecistectomia laparoscopica. Le persone hanno spesso il permesso di andare a casa il giorno stesso del loro intervento, anche se a volte un soggiorno di una notte in ospedale è necessario. In generale, ci si può aspettare di tornare a casa una volta che si è in grado di mangiare e bere senza dolore e si è in grado di camminare senza aiuto. Ci vuole circa una settimana per riprendersi completamente.
  • Colecistectomia aperta. Aspettatevi di passare due o tre giorni ricoverati in ospedale. Una volta a casa, potrebbero essere necessarie da quattro a sei settimane per riprendersi completamente.

Quali sono i risultati?

La colecistectomia può alleviare:

  • dolore
  • disagio

Trattamenti conservativi, quali modificazioni dietetiche, molto spesso non sono sufficienti e la colecistectomia è l'unico modo per prevenire i calcoli biliari. Alcune persone sperimentano diarrea lieve dopo colecistectomia, anche se questo problema di solito va via con il tempo. La maggior parte delle persone non avrà dei problemi digestivi dopo la colecistectomia in quanto la colecisti non è essenziale per una sana digestione.

Che dieta seguire in caso di colecistectomia?

Nei primi tempi dopo l’intervento è bene evitare alcuni cibi e alcune bevande, o quantomeno ridurne al minimo il consumo per un mese. Successivamente, la normale dieta verrà ripristinata gradualmente. I cibi da evitare sono:

  • carni grasse (agnello, pancetta, salsicce);
  • latte intero e latticini ad alto contenuto di grassi;
  • dolci con panna, uova, burro, cioccolato;
  • frutta secca;
  • alcolici.

Si possono consumare con moderazione burro fresco e olio.

La dieta consigliata è a base di:

  • carni magre (coniglio, cavallo, pollo);
  • pesce bollito;
  • verdure cotte;
  • frutta cruda o cotta;
  • latte scremato, latticini magri (meno del 5% di grassi);
  • succhi di frutta, tè e caffè leggero;
  • cereali (con meno del 3% di grassi);
  • dolci a basso contenuto di grassi.

Che convalescenza è consigliata in caso di colecistectomia?

La colecistectomia è un intervento comune, con pochi rischi di complicanze, e richiede una convalescenza di pochi giorni, se effettuato per via laparoscopica, o di una o poche settimane, nel caso di colecistectomia a cielo aperto.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Polipectomia
Si parla di polipectomia quando ci si riferisce all’operazione chirurgica per rimuovere i polipi. La polipectomia è eseguita con tecnica ...
Vagotomia
La vagotomia è un intervento gastroenterologico ormai desueto, sostituito con interventi più moderni, che serviva in caso di ulcera gastr...
Resezione gastrica
La resezione gastrica è un intervento chirurgico di gastrectomia volto a ridurre le dimensioni dello stomaco. Può essere attuato per sana...