Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Calcoli Biliari

Calcoli biliari

Calcoli biliari
Curatore scientifico
Dr. Bruno Tozzi
Specialità del contenuto
Chirurgia generale

Cosa sono i calcoli biliari?

I calcoli biliari rappresentano un disturbo provocato dalla presenza di calcoli nella colecisti o nei dotti biliari. Il calcoli biliari sono formazioni dure simili a sassi, di dimensioni variabili, e si distinguono in base alla loro composizione chimica. Nella maggior parte dei casi sono costituiti da:

  • colesterolo
  • calcio e bilirubina (calcoli pigmentati)
  • sali biliari
  • proteine
  • acidi grassi e fosfolipidi

Quali sono le cause dei calcoli biliari?

I calcoli biliari sono comuni e tra i fattori predisponenti vi sono:

  • malattie metaboliche
  • ereditarietà
  • dieta ipercalorica
  • obesità
  • sesso femminile
  • gravidanza

L'aumento dei livelli di bilirubina in persone affette da cirrosi epatica, da infezioni croniche delle vie biliari o da parassitosi, ne facilita la formazione.

Quali sono i sintomi dei calcoli biliari?

Nella maggior parte dei casi i calcoli biliari non hanno sintomi: non provocano disturbi particolari e vengono scoperti casualmente nel corso di altre indagini. Più della metà dei pazienti non svilupperà sintomi o complicazioni nemmeno nel corso degli anni. Tuttavia, alcuni pazienti possono lamentare:

  • disturbi digestivi
  • nausea
  • vomito
  • dolore viscerale
  • dispepsia
  • intolleranza ai cibi grassi
  • eruttazione
  • flatulenza

Il sintomo più comune dei calcoli biliari è la colica biliare. Se i calcoli biliari vanno ad ostruire lo sbocco della colecisti, provocano episodi acuti e molto dolorosi (coliche biliari), caratterizzate da un forte dolore nel quadrante superiore destro dell'addome, a volte accompagnato da febbre.

Come vengono diagnosticati i calcoli biliari?

I calcoli biliari sono diagnosticati quando ci sono sintomi che ne suggeriscono la presenza. I mezzi impiegati per diagnosticare i calcoli biliari sono:

  • ecografia
  • TAC
  • risonanza magnetica
  • ecografia transaddominale
  • ecografia endoscopica
  • risonanza magnetica colangio-pancreatografia
  • colangiopancreatografia
  • misurazione degli enzimi pancreatici
  • fluoroscopia
  • colangiografia endovenosa

Come vengono trattati i calcoli biliari?

La terapia farmacologica per il trattamento dei calcoli biliari prevede la somministrazione di farmaci:

  • antispastici
  • antinfiammatori

Esistono anche farmaci in grado di portare ad un lento scioglimento dei calcoli di colesterolo (acidi biliari). Nei casi più gravi si interviene chirurgicamente rimuovendo la colecisti. In una piccola percentuale di casi si può procedere con gli ultrasuoni per rompere i calcoli biliari in frammenti più piccoli.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Aneurismi viscerali
L'aneurisma viscerale viene provocato dall'improvviso ingrossarsi di un'arteria, in questo caso intestinale. Può essere asintomatico, qui...
Angioma
L'angioma è una formazione benigna che può colpire vasi biliari, linfatici o arteriosi. 
Fistola
Una fistola è un collegamento anormale, di forma tubulare, tra due strutture interne dell’organismo o tra una struttura interna e l’ester...