Ombelico in gravidanza, perché può far male?

Valentina Montagna | Editor

Ultimo aggiornamento – 28 Novembre, 2023

donna incinta si tiene la pancia

Durante la gravidanza, il corpo subisce numerose trasformazioni per adattarsi alle esigenze del bambino che cresce nel grembo materno.

Tra i cambiamenti osservabili, la trasformazione dell'ombelico che può assumere forme diverse durante i 9 mesi di gestazione. Ma non solo: l'ombelico in gravidanza può anche diventare doloroso.

In genere, il cambiamento dell'ombelico è temporaneo e torna alla sua forma normale dopo il parto. Non è pericoloso e non causa particolare disagio alla maggior parte delle donne. Tuttavia, in alcune circostanze è importante consultare un medico, se diventa doloroso o se si verificano secrezioni.

In questo articolo, vediamo perché succede e quali sono le cause più comuni dei fastidi all'ombelico in gravidanza.  

Come cambia l’ombelico in gravidanza?

Durante il primo trimestre di gravidanzal'ombelico potrebbe iniziare a sporgere leggermente per via dell'utero che cresce e spinge l'ombelico verso l'esterno.

Nel secondo trimestre, l'ombelico continua a sporgere man mano che il bambino cresce. In alcuni casi, può arrivare a sporgere talmente tanto da creare una piccola protuberanza (estroflessione). Questa sporgenza è del tutto normale e non rappresenta alcun rischio per la salute della madre o del feto.

Nel terzo trimestre, l'ombelico potrebbe sporgere ancora di più, al punto da creare una piccola sacca di pelle intorno ad esso. Inoltre, potrebbe comparire una maggiore secchezza della pelle intorno alla zona dell'ombelico.

Ombelico e Gravidanza

Altri fenomeni che possono manifestarsi, sono:

  • la comparsa di una linea verticale scura che corre dallo sterno al pube inscurendosi e diventando più evidente. Questa iperpigmentazione intorno all'ombelico è causata dai cambiamenti ormonali che rendono più scura la pelle intorno a questa zona
  • la comparsa di fastidi e dolore.

Dopo il parto, l'ombelico dovrebbe tornare alla sua forma originale. In alcuni casi, tuttavia, potrebbe essere necessario del tempo per guarire completamente. 

Dolori ombelico in gravidanza

Molte persone in gravidanza avvertono dolore all'ombelico durante il secondo e il terzo trimestre. Ciò può essere dovuto a diverse cause. Vediamole nel dettaglio.

Pressione uterina

La crescita dell'utero e la posizione del bambino possono arrivare a esercitare una pressione sull'ombelico. Quando il feto cresce, infatti, l'utero si espande oltre la sua posizione abituale proprio per accoglierlo. Questo movimento esercita una pressione sull'addome, comprimendo anche l'ombelico.

Durante il secondo trimestre, l'utero si trova tra l'ombelico e il seno, mentre nel terzo trimestre si estende dalla zona pubica alla base delle costole.

Con il tempo, l'aumento della pressione sull'ombelico può causare dolore, prurito e fastidio. 

Stiramento

L'aumento di peso e lo spostamento degli organi durante la gravidanza causano uno stiramento o stretching della pelle e dei muscoli intorno alla pancia.

Lo stiramento della pelle può causare dolore e prurito localizzato sull'ombelico e intorno ad esso.

Talvolta può anche causare la diastasi rettale, una condizione che può capitare durante la gravidanza a causa di un eccessivo stiramento o sforzo dei muscoli addominali.

Questa condizione si verifica quando i due grandi muscoli paralleli dell'addome (conosciuti come "muscoli retti dell'addome") si separano lungo la linea mediana del corpo, creando uno spazio tra di essi. Questo spazio o "gap" è la caratteristica della diastasi rettale.

Normalmente, questi muscoli sono uniti al centro dell'addome da un tessuto connettivo chiamato "linea alba". Tuttavia, la troppa pressione su questo tessuto, ad esempio a causa dello stiramento durante la gravidanza, porta alla formazione di uno spazio tra i muscoli retti dell'addome.

La diastasi rettale non causa direttamente dolore all'ombelico, ma riduce la quantità di tessuto tra l'utero e l'ombelico, condizione che può aumentare la sensibilità alla pressione in tutta l'area.

Stiramento del legamento rotondo

Un'altra possibile causa di dolore ombelicale durante la gravidanza è lo stiramento del legamento rotondo. Il legamento rotondo supporta l'utero e si estende fino all'inguine. All'aumentare delle dimensioni dell'utero, questo legamento può stirarsi e causare un dolore acuto o spasmi intorno all'ombelico o all'inguine.

Ernia ombelicale

Sebbene un'ernia possa sembrare pericolosa, in genere non causa nessun danno alla donna incinta e neanche al feto.

Un'ernia ombelicale può verificarsi a causa dell'aumento della pressione uterina. A meno di non provocare sintomi significativi, il medico può consigliare di osservare il decorso piuttosto che intervenire chirurgicamente. 

Piercing all'ombelico

Il dolore vicino ombelico in gravidanza potrebbe anche dipendere dalla presenza del piercing. È bene sapere che proprio in questo periodo di dolce attesa, può essere necessario rimuovere il piercing all'ombelico, per evitare che la pelle tesa potrebbe causarne lo strappo. Una possibile ferita all'ombelico aumenta il rischio di infezione.

Dolore all'ombelico, rimedi naturali

Premesso che è sempre preferibile rivolgersi al medico per andare a fondo del dolore all'ombelico, una volta capita la causa, si possono adottare alcuni rimedi naturali. 

Tra questi,

  • l'applicazione di impacchi caldi o freddi con un asciugamano da applicare sulla zona interessata da dolore e prurito, per alleviare il disagio
  • l'applicazione di una lozione alla calamina (farmaco galenico utilizzato come lenitivo ed antipruriginoso) o di un gel a base di Aloe Vera per lenire la pelle sensibile sopra e intorno all'ombelico.

Se il dolore non è dovuto all'ernia ombelicale, anche il massaggio in gravidanza può aiutare ad alleviare il dolore.

Dolore ombelicale, ecco quando rivolgersi al medico

La maggior parte delle cause di dolore all'ombelico durante la gravidanza non comporta complicazioni a lungo termine, e può essere gestita con riposo, l'applicazione di impacchi caldi o freddi, e l'uso di paracetamolo per alleviare il dolore.

In genere, come descritto poco sopra, in gravidanza il dolore all'ombelico è associato all'allargamento dell'utero e alla pressione esercitata sui muscoli e sulla pelle dell'addome. Questo tipo di dolore si manifesta come lieve e temporaneo.

Tuttavia è importante consultare un medico, se il sintomo persiste, se si fa più intenso e si accompagna ad altri sintomi preoccupanti. In questi casi, il dolore ombelicale potrebbe anche essere il sintomo di qualcosa di più serio. Se la pelle intorno all'ombelico si infiamma, diventa arrossata o screpolata, o se il dolore diventa forte o acuto.

Questi sintomi potrebbero indicare una possibile infezione o un'ernia ombelicale, una condizione in cui una parte dell'intestino o del tessuto grasso sporge nella parete addominale vicino all'ombelico.

Infine, se il dolore all'ombelico è associato a sintomi come nausea, vomito, febbre, perdita di appetito o cambiamenti nelle abitudini intestinali, potrebbe essere indicare un problema sottostante come l'appendicite o un problema intestinale, condizioni che devono essere affrontare con rapidità.

Valentina Montagna | Editor
Scritto da Valentina Montagna | Editor

La mia formazione comprende una laurea in Lingue e Letterature Straniere, arricchita da una specializzazione in Web Project Management. La mia esperienza nel campo si estende per oltre 15 anni, nei quali ho collaborato con nutrizionisti, endocrinologi, medici estetici e dermatologi, psicologi e psicoterapeuti e per un blog di un'azienda che produce format televisivi in ambito alimentazione, cucina, lifestyle.

a cura di Dr. Marcello Sergio
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Valentina Montagna | Editor
Valentina Montagna | Editor
in Gravidanza

546 articoli pubblicati

a cura di Dr. Marcello Sergio
Contenuti correlati
Ferro in gravidanza: fabbisogno necessario e possibile carenza

Qual è il fabbisogno di ferro in gravidanza e cosa succede se esso è troppo basso? Come fare per aumentarne i valori? Ecco cosa sapere sull'argomento.

Una donna in gravidanza parla con il medico dopo un esame
Glicemia bassa in gravidanza: cause, sintomi e rischi

Glicemia bassa in gravidanza: ecco le cause e i rischi dell'ipoglicemia per la salute della mamma e per quella del bambino, come diagnosticarla, cosa fare.

icon/chat