Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Acerola: tutta la vitamina C che non vi aspettavate

Acerola: tutta la vitamina C che non vi aspettavate

Ultimo aggiornamento – 15 Novembre, 2014

La chiamano “ciliegia delle Barbados”. Cresce soprattutto in Brasile e Porto Rico, ma ha già conquistato tutto il Sud America e non solo. È bastato scoprire il suo contenuto di vitamina C per fare dell’Acerola uno dei frutti più apprezzati per le sue proprietà benefiche. Sembra una ciliegia, sia per il colore rosso scuro della sua buccia, sia per le dimensioni (ha un diametro di circa 1-2 cm); ma se la sbucciate noterete che è fatta di piccoli spicchi morbidi, succosi e dal sapore acidulo che racchiudono un seme. In questo articolo scoprirete le virtù di questo frutto.

Le proprietà e i benefici dell’Acerola

Potrebbe farvi pensare a una piccola arancia in miniatura, e in effetti con i nostri agrumi l’Acerola ha in comune l’abbondante quantità di vitamina C. Solo che questo piccolo frutto tropicale ne contiene una percentuale dalle 30 alle 50 volte maggiore. Questa ricchezza è dovuta alla compresenza di bioflavonoidi (conosciuti come vitamina C2) e acido ascorbico (vitamina C1): è la sinergia tra queste due sostanze che forma la vitamina C, quella tanto importante per la nostra salute.

Ma le proprietà dell’Acerola non si limitano a questa sola vitamina:

  • è ricca di vitamine B1, B2, B3, B5, B6 e provitamina A (quasi la stessa quantità delle carote);
  • contiene sali minerali: ferro, calcio, fosforo, potassio, magnesio;
  • è composta anche da caroteni e tannini, sostanze antinfiammatorie e benefiche per i tessuti dell’organismo.

Incredibile che in un frutto così piccolo possano trovarsi così tante sostanze utili. I benefici dell’Acerola sono tanti, soprattutto grazie all’abbondanza di vitamina C:

  • stimola il sistema immunitario e rinforza le nostre difese: l’ideale in periodi di stress o quando abbiamo il raffreddore e l’influenza;
  • svolge un’azione antiossidante combattendo i radicali liberi;
  • protegge i vasi capillari;
  • è utile nei casi in cui abbiamo bisogno di reintegrare le vitamine;
  • rafforza gengive e denti;
  • è remineralizzante.

In America Latina l’Acerola è molto diffusa proprio perché viene usata come integratore naturale che aiuta a prevenire varie malattie e rafforza l’organismo. Basterebbe fare un giro per i mercati o i supermercati del Brasile per trovarla sotto forma di succo o in conserve simili alla marmellata. La debolezza di questo frutto è la facilità con cui tende a perdere i suoi poteri nutritivi: più matura, più perde vitamine e minerali. Proprio per questo non solo viene venduta fresca, ma viene spesso sottoposta a un processo di essiccazione e polverizzazione che permette di conservare al massimo tutte le proprietà del frutto fresco.

Se quindi siete curiosi di assaggiare questo frutto e goderne appieno le proprietà, non dovete per forza fare un salto in un mercato di Rio de Janeiro. Potete anche assaggiare la polvere di Acerola e inserirla nella vostra dieta quotidiana: basta mezzo cucchiaino unito a un frullato, succo di frutta o centrifugato per apportare salute e gusto alla vostra giornata. Che aspettate a fare il carico di vitamina C?

Mostra commenti
Congelare gli ovociti o egg freezing: una soluzione di fertilità per le donne
Congelare gli ovociti o egg freezing: una soluzione di fertilità per le donne
Giornata mondiale dei nati prematuri: un nuovo piano per la tutela dei più piccoli
Giornata mondiale dei nati prematuri: un nuovo piano per la tutela dei più piccoli
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Lividi immotivati? Tutte le cause a cui fare attenzione
Lividi immotivati? Tutte le cause a cui fare attenzione
Psoriasi tra miti e leggende: 5 cose da sapere sulla malattia
Psoriasi tra miti e leggende: 5 cose da sapere sulla malattia
Carenza di vitamina D: un fattore di rischio per la sclerosi multipla
Carenza di vitamina D: un fattore di rischio per la sclerosi multipla
Il tecno-stress: tutta colpa degli eccessi della tecnologia
Il tecno-stress: tutta colpa degli eccessi della tecnologia