Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Mangiate i mirtilli, lo raccomandano gli esperti

Mangiate i mirtilli, lo raccomandano gli esperti

Ultimo aggiornamento – 28 aprile, 2021

Benefici dei mirtilli e quante mangiarne
Indice

Una tazza di mirtilli per mantenere il cuore in salute? Avete capito bene. A suggerirlo sono i risultati di uno studio condotto da un team di ricercatori dell’University of East Anglia che ha analizzato i benefici dei mirtilli sulla sindrome metabolica.

Ecco perché… e quanti mirtilli mangiare!

Perché i mirtilli fanno bene al cuore (e quanti mangiarne)

Partiamo da principio. La sindrome metabolica si caratterizza per la combinazione di almeno tre di alcuni fattori di rischio cardiovascolare: glicemia alta, ipertensione, eccesso di grasso nella zona vita, trigliceridi alti e bassi livelli di colesterolo buono. Tutte condizioni che, come sappiano, fanno impennare le probabilità di soffrire di malattie al cuore, oltre a creare terreno favorevole di il manifestarsi di ictus e diabete.

Ci sono però buone notizie, fornite direttamente dall’American Journal of Clinical Nutrition. Dalla ricerca è infatti emerso che consumare ogni giorno 150 grammi di mirtilli comporta una riduzione fino al 15% della probabilità di sviluppare patologie al cuore. Per condurre gli studi, i ricercatori hanno preso in esame le condizioni di 138 persone sovrappeso e obese, di età compresa tra i 50 e i 75 anni. Hanno chiesto loro di mangiare quotidianamente o 150 grammi o 75 grammi di mirtilli liofilizzati. Ad altri partecipanti, è stata invece somministrata una dose placebo, a base di coloranti artificiali e aromi.

Cosa è emerso? I dati raccolti hanno dimostrato che mangiare 150 grammi di mirtilli ogni giorno può portare a una riduzione del rischio di malattie cardiovascolari del 12-15%. Lo stesso, però, non è stato riscontrato per la dose da 75 grammi e quella placebo.

Insomma, i mirtilli – oltre ad altri comuni frutti di bosco – rappresentano strategie alimentari molto valide per proteggere il cuore. Passati studi hanno dimostrato, ad esempio, che i mirtilli riducono anche il rischio di sviluppare condizioni come il diabete mellito di tipo 2. Tutto questo grazie alla presenza di antociani, responsabili del colore rosso e blu di questi frutti.

Ma i benefici dei mirtilli non si fermano qui.

Altri benefici dei mirtilli

Che facciano bene al cuore è dunque un dato di fatto. Ma i benefici dei mirtilli vanno oltre, e riguardano il nostro stato di salute generale:

  • Hanno una azione antiossidante – Come noto, i mirtilli sono i re degli alimenti antiossidanti. Proteggono infatti il nostro corpo dall’azione dei radicali liberi, responsabili del danneggiamento delle strutture cellulari, contribuendo all’invecchiamento e allo sviluppo di diverse malattie.
  • Abbassano i livelli di pressione sanguigna – Anche i benefici sull’ipertensione sono noti. A dimostrarlo, uno studio condotto su individui obesi con alto rischio di infarto che ha messo in evidenza una riduzione del 4-6% della pressione sanguigna dopo aver consumato 50 grammi di mirtilli al giorno per 8 settimane.
  • Stimolano la memoria – Sembrerà strano, ma alcuni studi hanno confermato che gli antiossidanti presenti nei mirtilli tendono ad accumularsi nelle aree del cervello responsabili della memoria, interagendo direttamente con i neuroni.
  • Riducono i danni muscolari – Sappiamo molto bene che l’esercizio fisico intenso potrebbe causare dolore e fatica muscolare. La colpa? In parte anche dell’infiammazione locale e dello stress ossidativo del tessuto muscolare stesso. Uno studio condotto su atlete donne ha evidenziato come i mirtilli possano accelerare i tempi di riprese, migliorare le performance e ridurre il dolore.
  • Utili in gravidanza – I mirtilli si sono rivelati utili in gravidanza per alleviare nausea, vomito e problemi legati alla circolazione. Ovviamente, prima di consumarli, è consigliato chiedere un parere al proprio medico o ginecologo.
  • Combattono le infezioni urinarie – Grazie al loro potere acidificante, così come all’elevato contenuto di composti antibatterici, il succo di mirtilli è utile per prevenire e curare le infezioni che colpiscono le vie urinarie. Gli studi a riguardano abbondano. La loro assunzione altera infatti l’ambiente di cui hanno bisogno i microorganismi per proliferare e, allo stesso tempo, presentano un effetto antinfiammatorio che placa il dolore.

Dunque, cosa aspettate? I mirtilli possono rivelarsi (davvero) lo spuntino perfetto: piccoli, gustosi e salutari!

Mostra commenti
E se fosse davvero colpa degli ormoni?
E se fosse davvero colpa degli ormoni?
Come misurare la pressione a casa
Come misurare la pressione a casa
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Come rafforzare legamenti e cartilagini (in modo naturale)
Come rafforzare legamenti e cartilagini (in modo naturale)
Sesto senso? Il nostro cervello può prevedere le parole di un interlocutore
Sesto senso? Il nostro cervello può prevedere le parole di un interlocutore
L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas
L’AIDS del ventunesimo secolo, la malattia di Chagas
Lesioni cutanee e infiammazioni: perché il diabete può causare problemi alla pelle?
Lesioni cutanee e infiammazioni: perché il diabete può causare problemi alla pelle?