Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Colesterolo Cattivo Basso E Ictus Emorragico

Colesterolo cattivo troppo basso? Impennano le probabilità di ictus

Redazione

Ultimo aggiornamento – Luglio 04, 2019

Colesterolo cattivo troppo basso? Impennano le probabilità di ictus

Non è solo il colesterolo alto a essere pericoloso. Secondo un recente studio, anche il colesterolo cattivo troppo basso potrebbe danneggiare la nostra salute. Il rischio? Da non sottovalutare: ictus emorragico.

Vediamo insieme i dettagli dello studio pubblicato sull’autorevole rivista Neurology.

Colesterolo cattivo basso e rischi per la salute

Proprio così. Il colesterolo cattivo basso è dannoso per l’organismo, proprio come quello alto, incrementando addirittura il rischio di ictus emorragico. Questo è quanto emerso da uno studio portato avanti dai ricercatori dell’Università della Pennsylvania in collaborazione con la Harvard Medical School di Boston, coordinato dal dr. Xiang Gao.

Non è il primo studio che si muove in questa direzione: alcuni anni fa, era già stato dimostrato come i livelli troppo bassi di colesterolo LDL potessero portare a ictus emorragico. Purtroppo, allora la ricerca era stata effettuata su un gruppo ristretto di donne.

Per arrivare a queste conclusioni, gli scienziati hanno preso in considerazione oltre 96 mila persone che mai prima di allora avevano sofferto di colesterolo alto, ictus, infarti o tumori. Sono stati loro misurati i livelli di colesterolo cattivo che, nel linguaggio medico, chiamiamo colesterolo LDL (ovvero lipoproteine a bassa densità) per un periodo di nove anni, durante i quali sono stati al contempo calcolati i casi di ictus emorragico.

Cosa è emerso? Considerando che, mediamente, il colesterolo cattivo è ottimale quando il livello è di 100 mg/dL, i dati raccolti hanno dimostrato che i soggetti con livelli tra 70 e 99 mg/dL avevano un rischio di ictus emorragico simile. Ma quando i livelli erano inferiori, quindi sotto i 70 mg/dL, il rischio di ictus emorragico incrementava in modo davvero significativo. Parliamo del 169% di probabilità in più di andare incontro a questa condizione. Non poco, insomma.

I rischi dell’ictus emorragico

Purtroppo, l’ictus cerebrale si colloca tra le prime tre cause di morte nei paesi industrializzati. Anche l’Italia non fa eccezione, dove costituisce la principale causa di morte cardiovascolare.

Certo, non è la tipologia di ictus maggiormente diffuso. Gli studi epidemiologici indicano che l’8-18% degli ictus è però emorragico, e si verifica quando un vaso sanguigno deputato al trasporto del sangue al cervello scoppia in modo pressoché improvviso, apportando notevoli danni cerebrali, nella maggior parte dei casi fatali. Le cause dell’ictus emorragico? Molteplici. Tra queste:

  • Ipertensione
  • Amiloidosi cerebrale
  • Coagulopatie
  • Terapia anticoagulante
  • Terapia trombolitica per infarto miocardico
  • Malformazione artero-venosa
  • Aneurismi e altre malformazioni vascolari (angiomi venosi e cavernosi)
  • Vasculite

I sintomi dell’ictus emorragico, invece, sono quanto mai comuni. Mal di testa improvviso, vomito, perdita di coscienza, rigidità della nuca e perdita di coscienza sono sicuramente i più diffusi.

Oggi, però ai fattori di rischio standard (fumo, alcool e pressione alle stelle) si aggiunge il colesterolo. Quello cattivo, quando troppo basso.

Mostra commenti
Occhi rossi e lacrimazione: il vero o falso sulla rinocongiuntivite allergica
Occhi rossi e lacrimazione: il vero o falso sulla rinocongiuntivite allergica
Yogurt? Ok, ma solo se è al 100% naturale
Yogurt? Ok, ma solo se è al 100% naturale
Articoli più letti
Tutti gli esami da fare se si sospettano malattie tiroidee
Tutti gli esami da fare se si sospettano malattie tiroidee
La dieta per chi soffre di creatinina alta
La dieta per chi soffre di creatinina alta
Cisti? A volte sono i reni ad essere colpiti
Cisti? A volte sono i reni ad essere colpiti
Gli alimenti che potrebbero peggiorare la BPCO
Gli alimenti che potrebbero peggiorare la BPCO